Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Premio Carrà-Tricali a Lentini (Sr)
Gio 20 Lug 2017 - 18:00 Da Giuseppe La Delfa

» Premio Renato Guttuso 2017
Gio 20 Lug 2017 - 17:54 Da Giuseppe La Delfa

» Antologia poetica letteraria a cura di Giuseppe La Delfa In omaggio a L. Pirandello
Gio 20 Lug 2017 - 17:51 Da Giuseppe La Delfa

» LE POESIE DI DON RAFFAELE APRILE
Gio 20 Lug 2017 - 17:44 Da Giuseppe La Delfa

» NUOVI SUCCESSI DI PIPPO
Gio 20 Lug 2017 - 17:38 Da Giuseppe La Delfa

» LU ME' SICILIANU
Dom 4 Giu 2017 - 21:47 Da Flavia Vizzari

» PREMIO NAZIONALE DI POESIA ASAS
Gio 25 Mag 2017 - 1:08 Da Flavia Vizzari

» INNO DELL'A.S.A.S.
Gio 25 Mag 2017 - 0:52 Da Flavia Vizzari

» ARTEINCENTRO "messinaweb.eu"
Mar 16 Mag 2017 - 15:49 Da Flavia Vizzari

» Premio di Poesia, Narrativa e Teatro “Memorial Giovanni Leone” – I valori della famiglia - 1^ Edizione
Gio 11 Mag 2017 - 17:35 Da carmy77

» Poesia e recensione per Giovanni Fontana di Castellammare del Golfo
Sab 22 Apr 2017 - 20:16 Da Giuseppe La Delfa

» IL MAGGIO DEI LIBRI dell'ASAS 2017
Sab 22 Apr 2017 - 8:24 Da Flavia Vizzari

» LUIGI TERRANOVA
Sab 22 Apr 2017 - 8:19 Da Flavia Vizzari

» RENATO DI PANE: BIOGRAFIA E NOTIZIE
Lun 3 Apr 2017 - 11:56 Da Flavia Vizzari

» Premio Letterario Nazionale “L’ANFORA DI CALLIOPE”
Lun 3 Apr 2017 - 9:14 Da Flavia Vizzari

» Tempo
Lun 3 Apr 2017 - 9:11 Da Flavia Vizzari

» Premio RENATO GUTTUSO
Mer 29 Mar 2017 - 16:49 Da Flavia Vizzari

» Benvenuto Pino
Mer 29 Mar 2017 - 16:47 Da Flavia Vizzari

» GRAMMATICA SISTEMATICA di Arturo Messina - Sr
Mer 29 Mar 2017 - 9:22 Da Giuseppe La Delfa

» recensione avuta nel 2008 e dimenticata
Mer 29 Mar 2017 - 9:10 Da Giuseppe La Delfa

» Mons. Giovanni Accolla, ordinazione episcopale
Dom 26 Feb 2017 - 22:43 Da Giuseppe La Delfa

» Il potere salvifico della poesia di Giovanni Albano 
Mer 11 Gen 2017 - 1:47 Da Flavia Vizzari

» Presentazione Silloge di S. Gaglio (IV Premio Asas 2016)
Sab 7 Gen 2017 - 18:54 Da Flavia Vizzari

» PREMIO POESIA A.S.A.S.
Sab 7 Gen 2017 - 18:53 Da Flavia Vizzari

» Arte & Parole
Sab 3 Dic 2016 - 12:38 Da ninnetta

» Concorso di Poesie, Filastrocche, Racconti e Fiabe “Libera la fantasia” – IV^ Edizione
Gio 1 Dic 2016 - 11:17 Da carmy77

» Bianco & Nero
Dom 27 Nov 2016 - 1:51 Da Flavia Vizzari

» Premio Buttitta a Pippo La Delfa
Sab 26 Nov 2016 - 8:20 Da Giuseppe La Delfa

» Relitto spaziale precipita su miniera di Giada
Sab 12 Nov 2016 - 11:08 Da Flavia Vizzari

» Giovanni Albano
Dom 30 Ott 2016 - 14:24 Da Flavia Vizzari

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Luglio 2017
LunMarMerGioVenSabDom
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

Calendario Calendario

Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  

Conserva e condivide l’indirizzo di Il Forum della Lingua siciliana sul tuo sito sociale bookmarking

Conserva e condividi l'indirizzo di FORUM - SEMINARIO di ARTE e POESIA - LINGUA SICILIANA sul tuo sito sociale bookmarking

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



Poesie dialettali di Vincenzo Aiello

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Poesie dialettali di Vincenzo Aiello

Messaggio  Vincenzo Aiello il Lun 23 Giu 2008 - 17:29

Un saluto a tutti gli utenti del forum. Di seguito leggerete alcune mie posie in dialetto siciliano.Buona lettura,ciao a tutti Vincenzo.


Russu di sira

Jurnata c’accussì ti va astutannu
‘nt’on celu arripizzatu i mattuluni
russa è a tò facci mentri va murennu
rusciana p’à vasata rata ò suli.

Chi tò culura tu nni fa giuìri
spiranza tu nni dù p’ ù novu jornu
chi fussi bonu 'u tempu a vinìri
e manza di lu mari fussi l’unna.

A palla i focu già vasa 'a muntagna
e a prima stidda adduma priannèdda
‘u suli 'i manu sò ‘ntò mari abbàgna
‘nciammànnu 'u piscaturi e a varchicedda.

Puru la taddarìta ora è fistanti
cuttuttu ca ci manca a vavarèdda
‘miriàca pari mentri và jucannu
chi zappagghiuna a orvu-ciminedda.

Di la tò vita l’uri nni dunasti
senza taliàri amici e ne ‘nnimìci
“spinnìtili p’ ù beni” nni dicisti
c’è cu ti ‘ntìsi... e cu lu surdu fici.



“A TRAZZERA”

Un lampu…un tronu… si fici scura scura ‘a trazzera
com’ un rimproviru mannatu d’ù Signuri.
Nuddu chi pìpita, su tutti ‘nguttumàti
cunigghia, aceddi e omini…scantati.

Un sannu mancu iddi quantu dura
e ora ca cumincia a sbrizziàri
ognunu penza e propri pintimenti
e si nni fà affacciari arreri ‘u suli
chistu ‘un lu fazzu ‘cchiù, lu giuru e Santi.

U scrùsciu ‘i l’acqua ‘i celu và a ‘nfurzàri
e ogni tantu agghiòrna ‘nmenzu ‘u locu.

Ma cu l’avissi dittu anfina antura
c’ò suli c’abbampàva a ficazzana e ‘a rappa i ‘nzòlia
s’avìa a ghiri ammucciàri, zittu zittu
darreri a negghia scura, e china ’i bòria.

‘U zzàccanu chi fici l’acqua ‘i celu
ora si va asciucànnu, araçiu araçiu.

D’à terra nesci puru ‘u bbabbaluci
chi corna tisi e tuttu chi vavìa
talìa l’arcubbalenu c’abbrazza a vaddi
e un pezzu ‘ i celu già allatinàtu
e già s’ù và scurdannu ‘u malutempu
c‘anfina antura lu facìa trimari
scantatu e pinzirusu dintra a scòccia.

Ma ogni cosa veni nna sta terra
pi vuluntà Divina , amara o duci.

Un’aspittàmu sempri ‘u malutempu
pi jùnciri sti manu innnanzi a Ddiu
p’addumannàrici n’anticchia ‘i luci.

Un raggiu ‘i suli doppu na chiuvuta
ni fà scialàri e rallegrari ‘u cori
circamu r’apprizzàrlu puru quannu
‘u celu è azzurru…
e ‘u ventu un movi fògghia.


Carrettu Sicilianu (A mio nonno Pietro)

Chiddu ca pi mè nannu Petru era
prima nicissità p’ù sò travagghiu
addivintò pi nuatri ‘na bannera
e opira d’arti ‘n’ ogni sò dittagghiu.
La rota ‘un scrusci cchiù nta la pirrera
ma musica li canti ‘i carrittera.

Li vidinu sfilari ammàarati
li furasteri e tutti ‘i paisani
comu giuielli rari sù ammirati
p’ì festi d’ì citati Siciliani.
Supra ‘i barruna li testi ‘ntagghiati
e nto sidduni giumma culurati.

Li masciddara sunnu quatri fini
pittati d’ì Ducatu ‘i Bagarioti
Orlannu cu Rinaldu spadaccini
si movinu ch’i mossi di li roti.
Di sita svintulìanu li nastrini
specchi e giummidda ‘i lana a pallini.

C’è lu rituni misu a pinnuliari
sutta d’ù tavulazzu di davanti
pi mantinìri all’ummira ‘u manciari
l’alivi e un vastidduni p’ì viaggianti.
Vacìli pi l’armalu abbivirari
bùmmulu e varrileddu pi tummàri.

A pinnuluni sutta d’’u casciuni
p’ì notti ca nun c’er’a luna china
ncucciat’on croccu c’era lu lampiuni
e p’attaccari ‘u cani la catina.
Splenni lu giallu d’’u nostru lumiuni
e di li sangunelli l’aranciuni.

L’asti sunnu du vrazza d’alligria
c’abballanu ‘na bella tarantella
cu musica ‘i cianciani c’arricrìa
e lu cavaddu abbrazzanu d’à bella.
E ogni tantu all’aria si sintìa
lu scrùsciu di la zotta chi scattìa.

Comu na cosa di granni valuri
cu n’havi unu strittu si lu teni
si lu mizzigghia e ‘allustra a tutti l’uri
com’a nu figghiu ad’iddu voli beni.
E di li nostri nanni lu suduri
scinni e abbivìr’ad’iddu com’un çiuri.

Bagheria; 5 Aprile 2006 Vincenzo Aiello
avatar
Vincenzo Aiello
frischeru
frischeru


http://www.vincenzoaiello.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Poesie dialettali di Vincenzo Aiello

Messaggio  Flavia Vizzari il Lun 23 Giu 2008 - 20:31

S:O:S:...Aiutooooo...

oh oh..

ci sono parole che non capisco?!?!?!


Sito Web : www.flaviavizzari.jimdo.com
avatar
Flavia Vizzari
Spicialista
Spicialista


http://blog.libero.it/Artevizzari/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Poesie dialettali di Vincenzo Aiello

Messaggio  Flavia Vizzari il Lun 23 Giu 2008 - 20:34

Russu di sira

Jurnata c’accussì ti va astutannu
‘nt’on celu arripizzatu i mattuluni
russa è a tò facci mentri va murennu
rusciana p’à vasata rata ò suli.

Chi tò culura tu nni fa giuìri
spiranza tu nni p’ ù novu jornu
chi fussi bonu 'u tempu a vinìri
e manza di lu mari fussi l’unna.

A palla i focu già vasa 'a muntagna
e a prima stidda adduma priannèdda
‘u suli 'i manu sò ‘ntò mari abbàgna
‘nciammànnu 'u piscaturi e a varchicedda.

Puru la taddarìta ora è fistanti
cuttuttu ca ci manca a vavarèdda
‘miriàca pari mentri và jucannu
chi zappagghiuna a orvu-ciminedda.

Di la tò vita l’uri nni dunasti
senza taliàri amici e ne ‘nnimìci
“spinnìtili p’ ù beni” nni dicisti
c’è cu ti ‘ntìsi... e cu lu surdu fici.


Sito Web : www.flaviavizzari.jimdo.com
avatar
Flavia Vizzari
Spicialista
Spicialista


http://blog.libero.it/Artevizzari/

Tornare in alto Andare in basso

Traduzioni

Messaggio  Vincenzo Aiello il Mar 24 Giu 2008 - 9:12

Cara Flavia capisco che certe parole del nostro dialetto possano essere dal significato un po difficile da capire, in quanto da molto tempo non piu utilizzate dalle nuove generazioni. Ma è proprio questo il compito di ogni poeta dialettale, inserire questi vocaboli caduti nel dimenticatoio, in modo da farli rivivere all'interno delle proprie poesie, paventando così la loro sicura estinzione. Comunque di seguito leggerai le relative traduzioni delle poesie che avevo inserito, in modo da facilitarne a te ed a qualche altro utente la comprenzione.
Vincenzo.


Russu di sira (Trad. Italiano)

Rosso di sera

Giorno che così ti vai spegnendo
in un cielo rappezzato di bambagia
rosso è il tuo viso mentre vai morendo
paonazzo per il bacio dato al sole.

Con i tuoi colori tu ci fai gioire
speranza tu ci dai per il nuovo giorno
che fosse bello il tempo a venire
e calma l’onda del mare.

La palla di fuoco bacia già il monte
e la prima stella accende gioiosa
il sole le sue mani nel mare intinge
infiammando il pescatore e la barchetta.

Anche il pipistrello ora e festante
nonostante che gli manchi la pupilla
ubriaco sembra mentre giocherella
con i moscerini a mosca cieca.

Della tua vita ci donasti le ore
senza guardare amici e ne nemici
spendetele per il bene ci dicesti
c’è chi ti diede ascolto e chi il sordo fece.




( Traduzione in lingua italiana) A Trazzera



Un lampo...un tuono...si è fatta tenebrosa la trazzera (*)
come un rimprovero mandato dal Signore.
Nessuno che parla, sono tutti afflitti
conigli uccelli e uomini...spaventati.

Non lo sanno neanche loro quanto durerà
e ora che comincia a piovigginare
ognuno pensa ai propri pentimenti,
e se ci fai spuntare di nuovo il sole
questo non lo faccio più, lo giuro ai Santi.

Il rumore della pioggia va aumentando
e ogni tanto albeggia in mezzo al campo.

Ma chi l’avrebbe detto fino a poco fa
che il sole che infiammava il fico e il grappolo d’uva
doveva andare a nascondersi zitto zitto
dietro la nuvola scura e piena di boria.

Il pantano che ha creato la pioggia
ora si va asciugando piano piano.

Dalla terra esce pure la lumaca
con le corna tese e tutta che sbava,
guarda l’arcobaleno che abbraccia la valle
e un pezzo di cielo già rasserenato

e già va dimenticando il maltempo
che fino a poco fa la faceva tremare
spaventata e pensierosa dentro la chiocciola.

Ma ogni cosa viene in questa terra
per volontà divina amara o dolce.
Non aspettiamo sempre il maltempo
per unire queste mani innanzi a Dio
a domandargli un po’ di luce.

Un raggio di sole dopo la pioggia
ci fa gioire e rallegrare il cuore
cerchiamo di apprezzarlo anche quando
il cielo è azzurro... e il vento non muove foglia.


(*) Stradina di campagna




Carrettu sicilianu (Italiano)
(A mio nonno Pietro)

Carretto siciliano

Quello che per mio nonno Pietro era
prima necessità per il suo lavoro
è diventato per noi una bandiera
ed opera d’arte in ogni suo dettaglio.
La ruota non rumoreggia più nella cava di tufo
ma musica i canti dei carrettieri.

Li vedono sfilare affascinati
i forestieri e tutti i paesani
come gioielli rari sono ammirati
per le feste delle città siciliane.
Sopra le barre le teste intagliate
e nel basto fiocchi colorati.

Le sponde sono quadri d’autore
dipinti dai Ducato Bagheresi
Orlando con Rinaldo spadaccini
si muovono con i sussulti delle ruote.
Di seta svèntolano i nastrini
specchietti e pon-pon di lana a pallini.

C’è il retone messo a penzolare
sotto l’asse anteriore
per mantenere all’ombra il cibo
olive e pagnottona per i viaggiatori.
Bacinella per abbeverare l’animale
brocca e bariletto per tracannare.

A penzoloni sotto il cassone
per le notti senza luna piena
attaccato ad un gancio c’era il lampione
e per legare il cane la catena
Splende il giallo del nostro limone
e delle arance sanguinelle l’arancione.

Le aste sono due braccia d’allegria
che ballano una bella tarantella
con musica di sonagli che rallegra
ed il cavallo abbracciano con affetto.
Ed ogni tanto nell’aria si sentiva
il rumore della frusta che schiocca.

Come una cosa di gran valore
chi ne ha uno se lo tiene stretto
gli fa moine a lo lucida a tutte le ore
come ad un figlio a lui vuole bene.
E dei nostri nonni il sudore
scende e lo innaffia come un fiore.
avatar
Vincenzo Aiello
frischeru
frischeru


http://www.vincenzoaiello.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Poesie dialettali di Vincenzo Aiello

Messaggio  Flavia Vizzari il Mar 24 Giu 2008 - 13:25

spiranza tu nni dù p’ ù novu jornu

qui quel du.....dunque dovrebbe intendere dugni....dunque c'è una elisione, non si dovrebbe mettere l'apostrofo invece dell'accento?.....


Sito Web : www.flaviavizzari.jimdo.com
avatar
Flavia Vizzari
Spicialista
Spicialista


http://blog.libero.it/Artevizzari/

Tornare in alto Andare in basso

Errata corrige

Messaggio  Vincenzo Aiello il Mar 24 Giu 2008 - 19:44

hai ragione non ci avevo fatto caso, bisogna correggere con du'. Grazie per il suggerimento.
Ciao
avatar
Vincenzo Aiello
frischeru
frischeru


http://www.vincenzoaiello.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Poesie dialettali di Vincenzo Aiello

Messaggio  Gero Miceli il Gio 26 Giu 2008 - 19:33

Condivido pienamente Vincenzo. Anch' io provo ad utilizzare i termini dialettali ormai in disuso, anche se essendo poco più che ventenne alcune parole possono sfuggirmi ho però la fortuna di stare a stretto contatto con i miei nonni (ai quali ho fatto per questo ed altri motivi appositamente una dedica in "KORI") e oltre che nello scrivere li uso abitualmente parlando con gli amici.
Alcuni esempi? Io non dico tazzina ma cicara Razz, non anima ma arma, non desideriu ma disiu.... Razz

E poi abbiamo sempre i libri degli autori passati per rispolverare qualche termine !

Complimenti per i tuoi versi !
avatar
Gero Miceli
affamatu
affamatu


http://geromicelipoeta.blog.kataweb.it

Tornare in alto Andare in basso

Onorificenza a Vincenzo Aiello

Messaggio  Flavia Vizzari il Mar 17 Mar 2009 - 0:00

Assessorato alla Cultura Città di Bagheria

Ci pregiamo invitare la S.V. alla cerimonia di consegna Onorificenza per meriti poetici
Al poeta Vincenzo Aiello

Venerdì 27 marzo 2009 alle ore 18.00, presso i locali di Palazzo Aragona-Cutò, via Consolare 105, Bagheria.
(durante la cerimonia la poetessa Angela D’Amato declamerà alcune poesie dell’Autore)

Interverranno
Il Sindaco dr. Biagio Sciortino
L’assessore alla Cultura dr. Sergio Martorana
L’Assessore allo Spettacolo dr. Gianluca Rizzo
Il Presidente del Circolo Culturale G.Giardina dr.Giuseppe Bagnasco
Il Poeta-Scrittore Prof. Salvatore Carta

L’ass. alla Cultura dr. Sergio Martorana Il Sindaco dr. Biagio Sciortino


Sito Web : www.flaviavizzari.jimdo.com
avatar
Flavia Vizzari
Spicialista
Spicialista


http://blog.libero.it/Artevizzari/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Poesie dialettali di Vincenzo Aiello

Messaggio  Antonino Magrì il Mar 17 Mar 2009 - 10:27

E W A A A I I I I I I I I !!!!!!!









Antonino Magrì

 .......

Sito :  http://www.siciliachiamamondo.it

avatar
Antonino Magrì
affiziunatu
affiziunatu


http://www.siciliachiamamondo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Poesie dialettali di Vincenzo Aiello

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum