Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» LE POESIE DI DON RAFFAELE APRILE
Mar 22 Ago 2017 - 15:33 Da Giuseppe La Delfa

» Poeti veri e poeti falsi
Dom 30 Lug 2017 - 20:31 Da Flavia Vizzari

» Un artista inizia ad essere tale ...
Dom 30 Lug 2017 - 20:22 Da Flavia Vizzari

» Premio Carrà-Tricali a Lentini (Sr)
Gio 20 Lug 2017 - 18:00 Da Giuseppe La Delfa

» Premio Renato Guttuso 2017
Gio 20 Lug 2017 - 17:54 Da Giuseppe La Delfa

» Antologia poetica letteraria a cura di Giuseppe La Delfa In omaggio a L. Pirandello
Gio 20 Lug 2017 - 17:51 Da Giuseppe La Delfa

» NUOVI SUCCESSI DI PIPPO
Gio 20 Lug 2017 - 17:38 Da Giuseppe La Delfa

» LU ME' SICILIANU
Dom 4 Giu 2017 - 21:47 Da Flavia Vizzari

» PREMIO NAZIONALE DI POESIA ASAS
Gio 25 Mag 2017 - 1:08 Da Flavia Vizzari

» INNO DELL'A.S.A.S.
Gio 25 Mag 2017 - 0:52 Da Flavia Vizzari

» ARTEINCENTRO "messinaweb.eu"
Mar 16 Mag 2017 - 15:49 Da Flavia Vizzari

» Premio di Poesia, Narrativa e Teatro “Memorial Giovanni Leone” – I valori della famiglia - 1^ Edizione
Gio 11 Mag 2017 - 17:35 Da carmy77

» Poesia e recensione per Giovanni Fontana di Castellammare del Golfo
Sab 22 Apr 2017 - 20:16 Da Giuseppe La Delfa

» IL MAGGIO DEI LIBRI dell'ASAS 2017
Sab 22 Apr 2017 - 8:24 Da Flavia Vizzari

» LUIGI TERRANOVA
Sab 22 Apr 2017 - 8:19 Da Flavia Vizzari

» RENATO DI PANE: BIOGRAFIA E NOTIZIE
Lun 3 Apr 2017 - 11:56 Da Flavia Vizzari

» Premio Letterario Nazionale “L’ANFORA DI CALLIOPE”
Lun 3 Apr 2017 - 9:14 Da Flavia Vizzari

» Tempo
Lun 3 Apr 2017 - 9:11 Da Flavia Vizzari

» Premio RENATO GUTTUSO
Mer 29 Mar 2017 - 16:49 Da Flavia Vizzari

» Benvenuto Pino
Mer 29 Mar 2017 - 16:47 Da Flavia Vizzari

» GRAMMATICA SISTEMATICA di Arturo Messina - Sr
Mer 29 Mar 2017 - 9:22 Da Giuseppe La Delfa

» recensione avuta nel 2008 e dimenticata
Mer 29 Mar 2017 - 9:10 Da Giuseppe La Delfa

» Mons. Giovanni Accolla, ordinazione episcopale
Dom 26 Feb 2017 - 22:43 Da Giuseppe La Delfa

» Il potere salvifico della poesia di Giovanni Albano 
Mer 11 Gen 2017 - 1:47 Da Flavia Vizzari

» Presentazione Silloge di S. Gaglio (IV Premio Asas 2016)
Sab 7 Gen 2017 - 18:54 Da Flavia Vizzari

» PREMIO POESIA A.S.A.S.
Sab 7 Gen 2017 - 18:53 Da Flavia Vizzari

» Arte & Parole
Sab 3 Dic 2016 - 12:38 Da ninnetta

» Concorso di Poesie, Filastrocche, Racconti e Fiabe “Libera la fantasia” – IV^ Edizione
Gio 1 Dic 2016 - 11:17 Da carmy77

» Bianco & Nero
Dom 27 Nov 2016 - 1:51 Da Flavia Vizzari

» Premio Buttitta a Pippo La Delfa
Sab 26 Nov 2016 - 8:20 Da Giuseppe La Delfa

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Agosto 2017
LunMarMerGioVenSabDom
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

Calendario Calendario

Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  

Conserva e condivide l’indirizzo di Il Forum della Lingua siciliana sul tuo sito sociale bookmarking

Conserva e condividi l'indirizzo di FORUM - SEMINARIO di ARTE e POESIA - LINGUA SICILIANA sul tuo sito sociale bookmarking

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



la pedofilia è un reato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

la pedofilia è un reato

Messaggio  Giuseppe Sammartino il Gio 13 Mag 2010 - 10:04

La pedofilia per la legge umana è un reato, per quella divina un grande peccato.

In questa nostra epoca di internet, di webcamere, in cui tutto si vede e in qualsiasi momento può essere visto; in questa società, in cui per ottenere, in fretta e con poca fatica, il successo, il potere, si è disposti persino ad uccidere; in questo mondo globalizzato, in cui si stanno livellando sistematicamente i costumi e le coscienze, ogni evento che suscita l’attenzione della gente, viene immediatamente, a volte senza riscontrarne nemmeno la fonte, stampato o mandato in onda, pubblicizzato come se fosse un prodotto da vendere.
Dopo decenni, se non secoli, in cui il sesso è stato un tabù, uno scandalo il solo parlarne in pubblico, oggi vedere in internet, o nelle tv a pagamento, una giovane o un giovane che si spogliano, è un fatto normale che non fa più notizia, non è per niente “ uno scandalo” di cui parlare. L’Italia è un Paese che di nascosto affoga nelle trasgressioni e nella pratica del sesso estremo e se appaiono in prima pagina, per le loro frequentazioni transessuali, personaggi noti come Piero Marrazzo o Silvio Sircana, nello stesso tempo vi sono milioni di uomini e di donne che in silenzio, tra le mura domestiche, coltivano vizi e perversioni.
In questo clima di sfrenato uso del proprio corpo, di rilassatezza dei costumi, in cui è più facile dare sfogo alle più perverse pratiche sessuali, fare sesso con dei bambini è diventato una semplice trasgressione, per i massmedia “ uno scandalo” qualora a farlo è una persona nota. Se poi chi pratica la pedofilia è un uomo di Chiesa, la notizia è ancora più vergognosa. Così hanno creato ad arte uno scandalo mediatico sui “ preti pedofili” che si sta rilevando un fenomeno di malafede, stante che nessun altro Stato, nessuna altra confessione religiosa, come sta facendo la Chiesa di Benedetto XVI, si è mai mosso per denunciarli. Per la Santa Sede trattasi di “ una propaganda grossolana contro il Papa e contro i cattolici, bersaglio d’una operazione diffamatoria, una cristianofobia”. Commettere violenza sui minori, sui bambini, è un grave reato, ancora di più se diversabili, punito dalla legge umana; per la Chiesa un grande peccato e chi lo commette, come ci insegna Gesù Cristo ( M t. 18,6 e M c. 9,42 ), sarebbe “ meglio che gli venga messa al collo una macina da mulino e gettato al mare”. La Chiesa ha sempre condannato gli abusi sui minori, specie se commessi da sacerdoti e religiosi. Il Papa in questi giorni ha parlato con coraggio, con dolore, di “ sgomento”, di “ tradimento”, di danni d’immagine per la Chiesa “ ad un punto tale cui non erano giunti neppure secoli di persecuzione” e ha condannato i delitti commessi nel passato,ordinando ai preti pedofili ( vedi lettera ai fedeli d’Irlanda) di rispondere dei loro crimini alla “ giustizia di Dio e a quella dei tribunali”.
I casi di pedofilia dei sacerdoti e dei religiosi sono, di certo, uno scandalo ed un peccato grave, come anche uno scandolo è stata la loro copertura, magari suggerita, secondo don Vinicio Albanesi ( vedi pag. 43 di Famiglia Cristiana, anno LXXX, n. 14 del 4 aprile 2010) “ dalla “ paura dello scandalo” cioè “ dal timore della verità”. Solo che la loro copertura sta producendo più danni degli stessi abusi sui minori, giacché si è diffusa una campagna-stampa denigratoria che tende ad addossare le colpe dei singoli sacerdoti su tutta la Chiesa, alimentata da gruppi tipo OutRage, un movimento inglese per i diritti di gay, lesbiche e transessuali, magari per vendetta contro le chiusure della Chiesa verso i loro diritti.
La pedofilia è il peggiore crimine che un adulto possa compiere nei confronti di un minore e più che essere “ amicizia, affetto” verso i bambini, come suggerisce il significato letterale del termine, è la negazione più assoluta dell’essere bambino, è un mostruoso, terribile abuso sul corpo e sull’anima di un essere che per l’età non sempre è in grado di comprendere la gravità della violenza subita. Per questo Gesù Cristo, in virtù della Sua autorità morale e religiosa, condanna coloro che commettono il peccato di pedofilia, al punto da dire che sarebbe meglio che costoro non fossero mai nati. I bambini, per Gesù, rappresentano la purezza, ad essi appartiene il regno di Dio, ove può entrare solo chi è come loro. Chi commette scandalo contro di essi, è come se l’avesse commesso contro Dio stesso, giacché con tale peccato ha profanato chi è santo per l’innocenza del suo cuore, della sua anima. Se applicassimo alla lettera l’insegnamento dei Vangeli di Marco e di Matteo, dovremmo dedurre che per gli autori di tale peccato, in quanto debbono essere buttati al mare, non c’è alcun perdono.
Dio, invece, è buono e misericordioso. Il Suo amore è più grande della miseria e delle colpe degli uomini. Ciò, però,non riduce affatto la gravità del reato di pedofilia, che la legge umana a ragione punisce, perché è un crimine contro la persona di un minore. A giustificazione di tale abominevole delitto, non possono essere ammesse facili introspezioni psicanalitiche. E’ un reato orrendo, per Dio un grande peccato, che mai deve essere commesso, da condannare sempre e giammai occultare, perché si diventa complici di chi lo commette.
In vero, è la nostra coscienza di uomini, prima che di padri e di cristiani, che ci chiede di non commetterlo e di non esserne mai complici.
Giuseppe Sammartino
avatar
Giuseppe Sammartino
affiziunatu
affiziunatu


Tornare in alto Andare in basso

Re: la pedofilia è un reato

Messaggio  GualtieroGiovanni il Gio 13 Mag 2010 - 14:18

Giuseppe Sammartino ha scritto:La pedofilia per la legge umana è un reato, per quella divina un grande peccato.

E’ un reato orrendo, per Dio un grande peccato, che mai deve essere commesso, da condannare sempre e giammai occultare, perché si diventa complici di chi lo commette.
In vero, è la nostra coscienza di uomini, prima che di padri e di cristiani, che ci chiede di non commetterlo e di non esserne mai complici.
Giuseppe Sammartino

Sono animali e non esseri umani, i pedofili.
Anzi peggio.
Sono bestie.

Abominevoli adoratori e servi del sesso.
Al cui dio non esitano a sacrificare le giovani vite che incontrano nella loro strada di maledetti da Dio.


Gualtiero Giovanni Canu
......
Sito Personale : http://xoomer.alice.it/gualtierino/
avatar
GualtieroGiovanni
Spicialista
Spicialista


http://xoomer.alice.it/gualtierino/

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum