Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» LE POESIE DI DON RAFFAELE APRILE
Mar 22 Ago 2017 - 15:33 Da Giuseppe La Delfa

» Poeti veri e poeti falsi
Dom 30 Lug 2017 - 20:31 Da Flavia Vizzari

» Un artista inizia ad essere tale ...
Dom 30 Lug 2017 - 20:22 Da Flavia Vizzari

» Premio Carrà-Tricali a Lentini (Sr)
Gio 20 Lug 2017 - 18:00 Da Giuseppe La Delfa

» Premio Renato Guttuso 2017
Gio 20 Lug 2017 - 17:54 Da Giuseppe La Delfa

» Antologia poetica letteraria a cura di Giuseppe La Delfa In omaggio a L. Pirandello
Gio 20 Lug 2017 - 17:51 Da Giuseppe La Delfa

» NUOVI SUCCESSI DI PIPPO
Gio 20 Lug 2017 - 17:38 Da Giuseppe La Delfa

» LU ME' SICILIANU
Dom 4 Giu 2017 - 21:47 Da Flavia Vizzari

» PREMIO NAZIONALE DI POESIA ASAS
Gio 25 Mag 2017 - 1:08 Da Flavia Vizzari

» INNO DELL'A.S.A.S.
Gio 25 Mag 2017 - 0:52 Da Flavia Vizzari

» ARTEINCENTRO "messinaweb.eu"
Mar 16 Mag 2017 - 15:49 Da Flavia Vizzari

» Premio di Poesia, Narrativa e Teatro “Memorial Giovanni Leone” – I valori della famiglia - 1^ Edizione
Gio 11 Mag 2017 - 17:35 Da carmy77

» Poesia e recensione per Giovanni Fontana di Castellammare del Golfo
Sab 22 Apr 2017 - 20:16 Da Giuseppe La Delfa

» IL MAGGIO DEI LIBRI dell'ASAS 2017
Sab 22 Apr 2017 - 8:24 Da Flavia Vizzari

» LUIGI TERRANOVA
Sab 22 Apr 2017 - 8:19 Da Flavia Vizzari

» RENATO DI PANE: BIOGRAFIA E NOTIZIE
Lun 3 Apr 2017 - 11:56 Da Flavia Vizzari

» Premio Letterario Nazionale “L’ANFORA DI CALLIOPE”
Lun 3 Apr 2017 - 9:14 Da Flavia Vizzari

» Tempo
Lun 3 Apr 2017 - 9:11 Da Flavia Vizzari

» Premio RENATO GUTTUSO
Mer 29 Mar 2017 - 16:49 Da Flavia Vizzari

» Benvenuto Pino
Mer 29 Mar 2017 - 16:47 Da Flavia Vizzari

» GRAMMATICA SISTEMATICA di Arturo Messina - Sr
Mer 29 Mar 2017 - 9:22 Da Giuseppe La Delfa

» recensione avuta nel 2008 e dimenticata
Mer 29 Mar 2017 - 9:10 Da Giuseppe La Delfa

» Mons. Giovanni Accolla, ordinazione episcopale
Dom 26 Feb 2017 - 22:43 Da Giuseppe La Delfa

» Il potere salvifico della poesia di Giovanni Albano 
Mer 11 Gen 2017 - 1:47 Da Flavia Vizzari

» Presentazione Silloge di S. Gaglio (IV Premio Asas 2016)
Sab 7 Gen 2017 - 18:54 Da Flavia Vizzari

» PREMIO POESIA A.S.A.S.
Sab 7 Gen 2017 - 18:53 Da Flavia Vizzari

» Arte & Parole
Sab 3 Dic 2016 - 12:38 Da ninnetta

» Concorso di Poesie, Filastrocche, Racconti e Fiabe “Libera la fantasia” – IV^ Edizione
Gio 1 Dic 2016 - 11:17 Da carmy77

» Bianco & Nero
Dom 27 Nov 2016 - 1:51 Da Flavia Vizzari

» Premio Buttitta a Pippo La Delfa
Sab 26 Nov 2016 - 8:20 Da Giuseppe La Delfa

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Agosto 2017
LunMarMerGioVenSabDom
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

Calendario Calendario

Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  

Conserva e condivide l’indirizzo di Il Forum della Lingua siciliana sul tuo sito sociale bookmarking

Conserva e condividi l'indirizzo di FORUM - SEMINARIO di ARTE e POESIA - LINGUA SICILIANA sul tuo sito sociale bookmarking

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



L'Arte ... è necessaria ?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

L'Arte ... è necessaria ?

Messaggio  Flavia Vizzari il Gio 29 Apr 2010 - 19:44

L'arte (della poesia, della musica, dell'immagine...), è necessaria? Secondo voi permette di materializzare l'essenza intima e la trascendenza del suo creatore?
Per la sua "alta" capacità comunicativa del pensiero...?
Per il suo "alto" potere catartico?
Per il suo "alto" potenziale empatico?
Per il suo grande impulso a rinnovare la civiltà e i valori umani?

Qual'è il vostro pensiero?


Sito Web : www.flaviavizzari.jimdo.com
avatar
Flavia Vizzari
Spicialista
Spicialista


http://blog.libero.it/Artevizzari/

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Arte ... è necessaria ?

Messaggio  GualtieroGiovanni il Ven 30 Apr 2010 - 8:34

Certo che è necessaria.

Lo è in tutte le forme in cui si manifesta il pensiero umano, che comprende tutto lo scibile, dalla scienza ( Interpretazione della Conoscenza), al linguaggio universale della musica, spesso accompagnato da quello particolare dei testi (Canzoni), attraverso le capacità espressive dell'artista (Interprete), alla scrittura, con modi e mondi dell'autore, alla tecnologia, al mondo delle immagini, l'architettura e via dicendo, l'arte è una manifestazione dell'animo umano.

L'arte è la capacità di rivestire il proprio animo o le cose di questo mondo.


Ultima modifica di GualtieroGiovanni il Ven 30 Apr 2010 - 10:06, modificato 1 volta


Gualtiero Giovanni Canu
......
Sito Personale : http://xoomer.alice.it/gualtierino/
avatar
GualtieroGiovanni
Spicialista
Spicialista


http://xoomer.alice.it/gualtierino/

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Arte ... è necessaria ?

Messaggio  Flavia Vizzari il Ven 30 Apr 2010 - 9:42

L'uomo non potrebbe manifestarie ugualmente il proprio pensiero, comunicare, emozionarsi, vivere con armonia, senza incorrere nell'ausilio dell'Arte?


Sito Web : www.flaviavizzari.jimdo.com
avatar
Flavia Vizzari
Spicialista
Spicialista


http://blog.libero.it/Artevizzari/

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Arte ... è necessaria ?

Messaggio  GualtieroGiovanni il Ven 30 Apr 2010 - 10:06

No.

Come fai a guardare, nella tua stanza, una giornata di sole, con poche nuvole nel cielo, il mare, se non attraverso un quadro che la raffiguri?
Come fai a suonare un motivo, senza realizzare uno strumento musicale?
Come trasferisci, comunichi, condividi, emozioni, sensazioni, pensieri, dubbi, ed altro ancora, non ultima la conoscenza, senza i testi scritti?


Gualtiero Giovanni Canu
......
Sito Personale : http://xoomer.alice.it/gualtierino/
avatar
GualtieroGiovanni
Spicialista
Spicialista


http://xoomer.alice.it/gualtierino/

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Arte ... è necessaria ?

Messaggio  GualtieroGiovanni il Ven 30 Apr 2010 - 10:10

Così come gli arti, permettono al tuo corpo di muoversi e di fare ogni cosa, così l'arte permette all'animo umano di muoversi e di fare ogni cosa.

Non si può fare a meno dell'arte.
A meno che non si sia privi di animo.


Gualtiero Giovanni Canu
......
Sito Personale : http://xoomer.alice.it/gualtierino/
avatar
GualtieroGiovanni
Spicialista
Spicialista


http://xoomer.alice.it/gualtierino/

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Arte ... è necessaria ?

Messaggio  giò il Ven 30 Apr 2010 - 19:17

Certo, non si può fare a meno, dell'arte.
Cheppoi, va' a capire cos'è, st'arte.
Se ogni epoca ed ogni paese ed ogni artista ha una cognizione di arte diversa.
«Ogni uomo è un artista»?, «Tutto è arte»?, «Sputare in aria è arte»?
Questa visione dell'arte moderna è simpaticissima e terribilissima, con moltissimi spunti interessanti e dissacranti, e voglio condividerla con voi.
Con tanti saluti alle nostre alte coscienze artistiche.
Ciao (scusate la lunghezza, ma mica è farina del mio sacco!!!)
L’industria delle patacche milionarie
di Jean Clair
I lavori di Hirst, Fabre e Cattelan valgono un tesoro anche se tecnicamente nulli. Così gallerie e musei pubblici creano "capolavori" a getto continuo usando metodi uguali a quelli della peggiore economia

In pittura, in scultura non esiste più «arte sacra», ma tutt’al più, con Cattelan, con i fratelli Chapman, Damien Hirst e tanti altri, sulla scia del Dada e del surrealismo, esiste un’arte del sacrilegio o della desacralizzazione.
Eppure esiste ancora una musica sacra: giovani compositori continuano a scrivere messe, requiem, persino opere metafisiche come, ad esempio, il Faust di Pascal Dusapin. Anche la danza non è mai stata così bella, affascinante e audace come oggi; tale qualità dipende da una perfezione fisica che forse nessuna epoca, salvo l’antichità, aveva mai raggiunto: corpi eleganti, muscolosi, sciolti, aerei, modellati dallo sport, dalla dieta, dall’allenamento. Non c’è niente di più bello, oggi, che vedere certi balletti «d’avanguardia». Si potrebbe proseguire: il canto lirico, stando alle vecchie registrazioni, sembra oggi più bello di un tempo, come se la voce si fosse migliorata, amplificata, rafforzata, perfezionata.
Il motivo è evidente: c’è ancora in queste discipline - e qui la parola «disciplina» acquista tutto il suo senso - un mestiere, una maestria del corpo lungamente, duramente, pazientemente appresa, una tecnica singolare insegnata e trasmessa, anno dopo anno. Nelle arti plastiche non c’è più mestiere. Non possono esserci master class di pittura semplicemente perché non c’è più maestria. Un tempo il pittore aveva i suoi allievi, gli apprendisti, i ragazzi di bottega: preparavano o terminavano, talvolta copiavano, i quadri del maestro. Ma che cosa si può «insegnare» oggi in una scuola di Belle Arti, che non ha più nulla da trasmettere se non i lacci del mercato?
C’è una ragione dietro l’assoluta diversità di destino di queste arti: le arti del corpo e della voce, dove la perfezione fisica salta agli occhi o all’orecchio, sono arti della performance o, come si dice, performing art. Significa che creano degli eventi e che, laddove si producono, si stabilisce per qualche istante una sorta di trascendenza tra il luogo e il momento in cui si producono e l’elevazione, l’emozione, il trasporto che suscitano nello spettatore e nell’ascoltatore. Questo numen e questi numina, questa manifestazione hic et nunc di un sacro dalla presenza fisica del quadro o della statua, che Benjamin vedeva disertare i prodotti di un’arte odierna privata della sua aura, le arti della presenza fisica lo esprimono meglio che mai: perfezione formale da un lato, trascendenza dall’altro. Non la si può riprodurre, non c’è mai stata e non ci sarà mai più. Non in quella forma concreta, quella sera, a quell’ora, in quel posto…
Sembra che per sfuggire alla sua dissoluzione, l’arte contemporanea, penetrata di nostalgia per quel presente assoluto, abbia preteso di trasformarsi in performance. Dalla pittura d’azione di Pollock agli happening, e dagli happening agli eventi, alle installazioni, ai gesti, al fatto di «investire» un luogo, tutta la storia dell’arte contemporanea, come i gesti disperati di un nuotatore che anneghi, è storia di una sparizione, nel suo specifico di una maestria perduta.
Queste opere, infatti, che vogliono essere eventi, appartengono e non hanno mai smesso di appartenere a un insieme che non è mai stato un susseguirsi di episodi, ma un tessuto fatto di continuità, immobilità e silenzio. L’opera d’arte si vede, si dà nel tempo, e nel tempo si ritrova, come in se stessa. Bisognerebbe qui riprendere tutti i paralleli classici dell’ut pictura poesis, di Orazio, Charles du Bos, Lessino. «Ogni uomo è un artista», «tutto è arte», «sputare in aria è arte»: sono note tutte queste dichiarazioni furiose che punteggiano il triste declino delle arti contemporanee. Ma non ogni uomo è un ballerino, un musicista, un cantante. Si obietterà: è anche vero che l’arte moderna è riuscita a trovare nuove fonti nell’arte popolare e ha prodotto capolavori sperimentando sulle proprie forme, persino infrangendole, facendo uso di una violenza più frequente nella strada popolare che nella solitudine delle botteghe. Delacroix, Courbet rompono il loro mestiere, come un canut lionese rompeva la macchina (riferimento alla rivolta dei canut, i tessitori di seta, che ebbe luogo a Lione nel 1831, ndr). Sì, però per rompere il mestiere bisogna pure averlo imparato. Non resta più nulla da rompere. L’arte popolare, l’arte della strada? Manet che trovava l’ispirazione nelle vignette dell’epoca? Sì, in parte, ma soprattutto in Courbet e Vélazquez. Seurat che sfogliava le riviste di divulgazione scientifica o le immagini popolari degli illustrati? Sì, forse, ma guardando prima Piero della Francesca… I fumetti di Art Spiegelman sulla barbarie nazista, per quanto sorprendenti, non varranno mai i disegni di Dachau e di Buchenwald eseguiti da pittori come Music, Taslitzky e Colville, che non solo furono testimoni oculari degli orrori e li trascrissero, come il Goya di Yo lo vi, ma che in più, da quei grandi pittori che erano, seppero, di quegli orrori, dare un equivalente plastico di incontestabile bellezza.
I procedimenti che consentono di promuovere e vendere un’opera «d’arte contemporanea» sono simili a quelli che, nell’immobiliare come altrove, consentono di vendere una qualunque cosa.
Ipotizziamo un vitello tagliato in due nel senso della lunghezza e immerso in una vasca di formalina. Supponiamo che questo curioso oggetto abbia un autore e, all’improvviso, supponiamo che sia un’opera d’arte, che si tratterà di lanciare sul mercato. Quale processo consentirà di farlo entrare sul mercato dell’arte? Come creare valore, a partire da un valore nullo, e venderlo per qualche milione di euro a esemplare, possibilmente in più esemplari? Hedge fund e cartolarizzazioni hanno offerto un esempio di quello che la manipolazione finanziaria poteva fare a partire dal nulla. Anneghiamo subito il credito incerto in un mucchio di crediti un po’ più sicuri. Esponiamo l’oggetto di Damien Hirst vicino a un’opera di Joseph Beuys, o meglio di Robert Morris, opere già accreditate, che hanno una valutazione AAA o BBB sul mercato dei titoli, meno incerta di quella dei crediti spazzatura. Facciamola dunque entrare in un circuito di gallerie private, limitate nel numero e perfettamente al corrente del procedimento, con le spalle coperte, che sappiano ripartire i rischi corsi con l’introduzione nella loro scuderia di questi crediti dubbi. Questo nucleo di iniziati sono in qualche modo gli azionisti che finanziano il progetto, portano i capitali e si assumono i rischi. Promettiamo peraltro un tasso di rendimento altissimo, dal 20 al 40 per cento alla rivendita, ammesso che ci sia, e a brevissimo termine, ad esempio sei mesi, contrariamente a tutti gli usi che prevalevano nel campo del mercato dell’arte fondato sulla lunga durata. Talvolta la galleria stessa può impegnarsi, nel caso non trovi acquirente sul mercato, a riacquistare l’opera al prezzo di acquisto, aumentato di un leggero interesse. Infine, coronamento e chiave di volta della costruzione, proprio come la Banca Nazionale garantisce con la riserva aurea l’emissione di titoli, otteniamo da un’istituzione pubblica, ad esempio un museo, che esponga l’artista; esposizione le cui spese saranno coperte per intero dalla galleria o dal consortium di gallerie che lo promuove. Proprio come la riserva aurea della Banca, il patrimonio storico del museo nazionale sembrerà garantire il valore delle nuove proposte. Così al Louvre Jan Fabre è accreditato per il fatto di essere messo in stretta vicinanza con le pale dei primitivi italiani, o un oscuro pittore cinese per il fatto di essere esposto accanto alla Gioconda.
Naturalmente, in tutto questo processo, il termine «valore» non significherà mai valore estetico, che emerge sulla lunga durata, e l’opera non sarà giudicata in termini di «critica estetica»; si tratta bensì di valore come «performance economica», fondata sul breve termine. E naturalmente, come nello schema di Ponzi, il perdente sarà colui che, in queste costruzioni economiche a catena, non riuscirà a separarsi dall’opera abbastanza in fretta da rivenderla: l’ultimo perde tutto.
Che senso può mai avere un’opera d’arte in una società completamente mercantile che crede alla novità nell’arte (all’«avanguardia», si diceva un tempo) come crede alla novità in campo automobilistico o nella preparazione dei coni gelato? Il vocabolario cui ricorre l’economia dell’immateriale, le «azioni intangibili» o «incorporee», «senza sostanza fisica», la gestione di un «capitale intellettuale» o di un «capitale cognitivo», tradisce una sorta di nostalgia platonica: sopra i corpi reali dell’economia reale plana l’immagine disincarnata degli scambi virtuali, di un’economia volatile scaturita dal mondo delle pure idee. È indubbiamente qui che l’arte, la grande arte, quella scaturita dalla high culture, può portare la sua testimonianza sul senso della crisi. Poiché l’arte produce non idee, non transazioni elettroniche, non valori virtuali, ma oggetti materiali, fisici, sostanziali. E tali oggetti non dipendono da un capitale intellettuale o cognitivo, ma da un capitale spirituale. Il termine «spirituale» non si incontra nel vocabolario dell’economia dell’immateriale, ma è proprio lui a fare la differenza.
avatar
giò
affiziunatu
affiziunatu


Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Arte ... è necessaria ?

Messaggio  Giovanni BonarRIGO il Dom 2 Mag 2010 - 23:36

In una rapida occhiata, ho notato una mail-romanzo che nemmeno oso leggere, perchè dovrei segiurla fino al suo epilogo.

L'Arte? Riunite uomini di cultura attorno ad un tavolo: medici, fabbri, scienziati, astrologi... macellai... pastori (che vivono l'immensità della natura nella sua più umana e viva naturalezza)...

Si, ognuno (e non solo loro), avrà qualcosa da dire di molto interessante. Se non del concetto di Arte pura... dell'intento artistico che scaturisce dal loro cuore nella qualsivoglia forma espressiva.

Ma, ne vogliamo solo discutere... o fare Arte?
avatar
Giovanni BonarRIGO
nicareddu
nicareddu


http://www.giovannibonarrigo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Arte ... è necessaria ?

Messaggio  Admin il Dom 2 Mag 2010 - 23:47

Insegnaci tu come fare :-)) guidaci ... istruiscici ...

intanto accogliamo il tuo messaggio e chiediamo a viva voce al nostro caro e simpaticissimo Giò, chiedendogli scusa per il disturbo, se ci puo redarre un petite riassunto ;o))


Grazie Amici ;o))


"... e chiovi" di Flavia VIZZARI - ediz. del Poggio * AGGIUNGI AL CARRELLO






Artista Flavia Vizzari


Presidente Asas e delegata Regione Sicilia Onlus Mecenate
......
Sito Personale : http://artevizzari.altervista.org

avatar
Admin
Spicialista
Spicialista


http://linguasiciliana.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Arte ... è necessaria ?

Messaggio  Giovanni BonarRIGO il Lun 3 Mag 2010 - 0:16

E' inutile carissima Flavia che babbii, (il mio anziano nonno usava questo termine: babbiàri), a proposito, non avevi detto che lasciavi posto al dialogo fra forumisti, che ripeto sono eccezionali e colti?
Io, non sono quì per "illuminare" nè guidare verso qualsivoglia rivoluzione culturale o politica, ma solo per esprimere il mio punto di vista sulle cose. E sinteticamente, mi pare.

Mi hai chiesto di darlo sto parere e l'ho dato.
Dialogo si verso ogni ceto e sensibilità, ma anche condivisione e concretezza.

Buon lavoro!
avatar
Giovanni BonarRIGO
nicareddu
nicareddu


http://www.giovannibonarrigo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Arte ... è necessaria ?

Messaggio  Flavia Vizzari il Lun 3 Mag 2010 - 0:31

Giovanni BonarRIGO ha scritto:E' inutile carissima Flavia
Buon lavoro!

Grazie ;o))

al link la mia risposta ...

http://artevizzari.italianoforum.com/l-associazione-virtuale-f1/giovanni-bonarrigo-t1183.htm

Giò puoi sintetizzarci il tuo discorso?

Un grazie anche a te


Sito Web : www.flaviavizzari.jimdo.com
avatar
Flavia Vizzari
Spicialista
Spicialista


http://blog.libero.it/Artevizzari/

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Arte ... è necessaria ?

Messaggio  Silvana G Melo il Lun 3 Mag 2010 - 4:18

Flavia Vizzari ha scritto:L'arte (della poesia, della musica, dell'immagine...), è necessaria? Secondo voi permette di materializzare l'essenza intima e la trascendenza del suo creatore?
Per la sua "alta" capacità comunicativa del pensiero...?
Per il suo "alto" potere catartico?
Per il suo "alto" potenziale empatico?
Per il suo grande impulso a rinnovare la civiltà e i valori umani?

Qual'è il vostro pensiero?



Bene, non so se dovrei partecipare di questa discussione, penso che non sono all'altezza degli altri forumisti presenti, però l'argomento mi ha fatto venire i pruriti nelle dita.
A mio parere, l'arte è sì necessaria non solo il quanto riguarda il piacere ed l'espressione dell'artista, ma quanto alla storia della umanità. Visto che sia gli storiografi, gli archeologi che i sociologi, utilizzano dell'arte visiva, scritta, parlata, le tradizioni popolari ecc, come base per supporre, registrare, affermare (oppure cambiare) i fatti.

Secondo me, l'uomo quotidianamente, vive e respira l'arte stesso senza accorgersi. Piacere dell'arte, sapere apprezzare l'arte oppure sapere "fare arte", non è un privilegio soltanto dei colti o di chi ha il dono di natura, ma di chiunque che c'è un po' di sensibilità.

A presto Wink

Ps: Scusate ancora per i miei sbagli
avatar
Silvana G Melo
affiziunatu
affiziunatu


Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Arte ... è necessaria ?

Messaggio  GualtieroGiovanni il Lun 3 Mag 2010 - 8:52

Nel campo dell'arte, come nel caso del più famoso capo di grano, occorre lasciare che ciò che nutre l'animo e ciò che è inutile, crescano insieme.
Sino al momento del raccolto.
Che è poi, quello nel quale ognuno si nutre del lavoro.

In quanto alla monetizzazione dell'arte, è un gioco,come è stato fatto notare, che prevedere un perdente, prima o poi, l'ultimo acquirente.
Se ha acquistato per rivendere, come si dice, per investire, c'è solo da sperare che gli piaccia il suo acquisto, o rimarrà investito.

Non sono certo gli artisti e men che meno i mercati a dire che cosa sia arte.
Da quando, il particolare detta legge nell'universale?
I critici poi, meglio lasciarli dove si trovano.
Una vignetta, nel sito di Nicola, dice tutto su di loro.
http://www.nicolacomunale.com/

Al massimo, un artista, anche il più noto, dice la propria, attraverso se stesso.
Un testimone, insomma, di ciò che esprime.
Di ciò in cui crede.

Oltre questo, prima di questo, e ben oltre lo stesso artista, la bellezza, la bontà di un lavoro, l'estetica continuano ad esistere come un sole che illumina le giornate.


Gualtiero Giovanni Canu
......
Sito Personale : http://xoomer.alice.it/gualtierino/
avatar
GualtieroGiovanni
Spicialista
Spicialista


http://xoomer.alice.it/gualtierino/

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Arte ... è necessaria ?

Messaggio  giò il Lun 3 Mag 2010 - 9:54

Ehi Shocked , io me so’ scusato per la lunghezza, eggià solo solo questo mi esime dalla presentazione di un bignamino riassuntivo e semplificativo…
Epperò… a Giovanni Bonarrigo nun je piace la mail romanzo, e pure se non sa che se perde, perché quella mail contiene qualcosa di simpaticamente veritiero, è evidente che le mails lunghe nun le legge mai nessuno, se non un rigo ogni tre o quattro.
Ed io stesso, n’appena son tornato sul post ed ho visto la lunghezza, ho esclamato: Ma chi è sto str..upidino che scrive romanzi?
Si, ero io stesso.
Quello stesso che in questo preciso momento sta componendo un altro romanzo.
E allora, per farla breve, ecchete che t’evidenzio qualche concetto romanziero di quell’infinito mailico.
I lavori di Hirst, Fabre e Cattelan valgono un tesoro anche se tecnicamente nulli. Così gallerie e musei pubblici creano "capolavori" a getto continuo usando metodi uguali a quelli della peggiore economia
I procedimenti che consentono di promuovere e vendere un’opera «d’arte contemporanea» sono simili a quelli che, nell’immobiliare come altrove, consentono di vendere una qualunque cosa...
Ipotizziamo un vitello tagliato in due nel senso della lunghezza e immerso in una vasca di formalina. Supponiamo che questo curioso oggetto abbia un autore e, all’improvviso, supponiamo che sia un’opera d’arte, che si tratterà di lanciare sul mercato. Quale processo consentirà di farlo entrare sul mercato dell’arte? Come creare valore, a partire da un valore nullo, e venderlo per qualche milione di euro a esemplare, possibilmente in più esemplari? Hedge fund e cartolarizzazioni hanno offerto un esempio di quello che la manipolazione finanziaria poteva fare a partire dal nulla. Anneghiamo subito il credito incerto in un mucchio di crediti un po’ più sicuri. Esponiamo l’oggetto di Damien Hirst vicino a un’opera di Joseph Beuys, o meglio di Robert Morris, opere già accreditate, che hanno una valutazione AAA o BBB sul mercato dei titoli, meno incerta di quella dei crediti spazzatura. Facciamola dunque entrare in un circuito di gallerie private… gli azionisti che finanziano il progetto, portano i capitali e si assumono i rischi. Promettiamo peraltro un tasso di rendimento altissimo, dal 20 al 40 per cento alla rivendita, ammesso che ci sia… Infine, coronamento e chiave di volta della costruzione… otteniamo da un’istituzione pubblica, ad esempio un museo, che esponga l’artista; esposizione le cui spese saranno coperte per intero dalla galleria o dal consortium di gallerie che lo promuove. Proprio come la riserva aurea della Banca, il patrimonio storico del museo nazionale sembrerà garantire il valore delle nuove proposte. Così al Louvre Jan Fabre è accreditato per il fatto di essere messo in stretta vicinanza con le pale dei primitivi italiani, o un oscuro pittore cinese per il fatto di essere esposto accanto alla Gioconda.
Naturalmente, in tutto questo processo, il termine «valore» non significherà mai valore estetico, che emerge sulla lunga durata, e l’opera non sarà giudicata in termini di «critica estetica»; si tratta bensì di valore come «performance economica», fondata sul breve termine. E naturalmente, come nello schema di Ponzi, il perdente sarà colui che, in queste costruzioni economiche a catena, non riuscirà a separarsi dall’opera abbastanza in fretta da rivenderla: l’ultimo perde tutto.

Nelle arti plastiche non c’è più mestiere. Non possono esserci master class di pittura semplicemente perché non c’è più maestria. Un tempo il pittore aveva i suoi allievi, gli apprendisti, i ragazzi di bottega: preparavano o terminavano, talvolta copiavano, i quadri del maestro. Ma che cosa si può «insegnare» oggi in una scuola di Belle Arti, che non ha più nulla da trasmettere se non i lacci del mercato?
«Ogni uomo è un artista», «tutto è arte», «sputare in aria è arte»

E allora, possiamo esser, tutti, poeti e pittori?
E perché, invece, ogni uomo non è ballerino o cantante lirico?
Che senso può mai avere un’opera d’arte in una società completamente mercantile che crede alla novità nell’arte (all’«avanguardia», si diceva un tempo) come crede alla novità in campo automobilistico o nella preparazione dei coni gelato?
Cara Flavia, e allora smettila di babbiari ;-))) e dopo quest'altro papello Embarassed , se ci riesci, continua a definirmi simpaticissimo.
Un ciao con incorporato abbraccio.
Giò
avatar
giò
affiziunatu
affiziunatu


Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Arte ... è necessaria ?

Messaggio  Admin il Lun 3 Mag 2010 - 10:03

Giò ca fai? Ti 'bbagni lu pani?


Grazie amicissimo, simpaticissimo e affezionatissimo Giò ;o)) (ai venerandi saggi o anche nichitti che siano, lungi da me prendere in giro o babbiàri) ...

io l'avevo letto (ma non l'avevo capito tutto e ora che ho letto il sunto rileggerò il "romanzo" per vedere se da ignorantazza che sono finalmente lo arrivo a capire ... magari 'nchianu supra 'u banchittu chi dici? ) ;o))- sai com'è mu dicu prima jò ... eh eh ... ) ...

ma voglio evidenziare quello che ci suggeriva Nicola ...

lui dice che tutti sono artisti, ma se amano sinceramente l'Arte ...

pertanto chi è "affarista" legato a operazioni commerciali NON E' DEFINIBILE ARTISTA e la sua produzione anche se valutata "da capogiro" NON E' ARTE!


"... e chiovi" di Flavia VIZZARI - ediz. del Poggio * AGGIUNGI AL CARRELLO






Artista Flavia Vizzari


Presidente Asas e delegata Regione Sicilia Onlus Mecenate
......
Sito Personale : http://artevizzari.altervista.org

avatar
Admin
Spicialista
Spicialista


http://linguasiciliana.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Arte ... è necessaria ?

Messaggio  GualtieroGiovanni il Lun 3 Mag 2010 - 10:42

Admin ha scritto: ...

ma voglio evidenziare quello che ci suggeriva Nicola ...

lui dice che tutti sono artisti, ma se amano sinceramente l'Arte ...

pertanto chi è "affarista" legato a operazioni commerciali NON E' DEFINIBILE ARTISTA e la sua produzione anche se valutata "da capogiro" NON E' ARTE!



Gualtiero Giovanni Canu
......
Sito Personale : http://xoomer.alice.it/gualtierino/
avatar
GualtieroGiovanni
Spicialista
Spicialista


http://xoomer.alice.it/gualtierino/

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Arte ... è necessaria ?

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum