Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» NUOVI SUCCESSI PRECEDENTI DIMENTICATI DA PIPPO
Mar 21 Feb 2017 - 6:01 Da Giuseppe La Delfa

» NUOVI SUCCESSI DI PIPPO
Mar 21 Feb 2017 - 5:38 Da Giuseppe La Delfa

» LE POESIE DI DON RAFFAELE APRILE
Mar 21 Feb 2017 - 5:32 Da Giuseppe La Delfa

» Tempo
Sab 28 Gen 2017 - 16:46 Da ninnetta

» Il potere salvifico della poesia di Giovanni Albano 
Mer 11 Gen 2017 - 1:47 Da Flavia Vizzari

» LUIGI TERRANOVA
Lun 9 Gen 2017 - 23:40 Da Flavia Vizzari

» Presentazione Silloge di S. Gaglio (IV Premio Asas 2016)
Sab 7 Gen 2017 - 18:54 Da Flavia Vizzari

» PREMIO POESIA A.S.A.S.
Sab 7 Gen 2017 - 18:53 Da Flavia Vizzari

» PREMIO NAZIONALE DI POESIA ASAS
Sab 7 Gen 2017 - 18:51 Da Flavia Vizzari

» Premio RENATO GUTTUSO
Ven 9 Dic 2016 - 21:57 Da Giuseppe La Delfa

» Premio Letterario Nazionale “L’ANFORA DI CALLIOPE”
Dom 4 Dic 2016 - 22:28 Da Flavia Vizzari

» Arte & Parole
Sab 3 Dic 2016 - 12:38 Da ninnetta

» Concorso di Poesie, Filastrocche, Racconti e Fiabe “Libera la fantasia” – IV^ Edizione
Gio 1 Dic 2016 - 11:17 Da carmy77

» Bianco & Nero
Dom 27 Nov 2016 - 1:51 Da Flavia Vizzari

» Premio Prestigioso a Pippo La Delfa
Sab 26 Nov 2016 - 8:20 Da Giuseppe La Delfa

» Relitto spaziale precipita su miniera di Giada
Sab 12 Nov 2016 - 11:08 Da Flavia Vizzari

» GRAMMATICA SISTEMATICA di Arturo Messina - Sr
Mar 1 Nov 2016 - 16:04 Da Flavia Vizzari

» Giovanni Albano
Dom 30 Ott 2016 - 14:24 Da Flavia Vizzari

» Il numero UNO della Poesia Contemporanea Italiana - SALOTTO LETTERARIO
Lun 24 Ott 2016 - 23:48 Da Flavia Vizzari

» Biografia del poeta Angelo Coco
Lun 24 Ott 2016 - 22:17 Da Flavia Vizzari

» Mons. Giovanni Accolla, ordinazione episcopale
Lun 24 Ott 2016 - 0:38 Da Flavia Vizzari

» Sebastiano Caracozzo
Sab 22 Ott 2016 - 11:27 Da Flavia Vizzari

» DIMENSIONI PARALLELE E MULTIVERSI: LA REALTA' INFINITA
Mar 11 Ott 2016 - 22:57 Da Renato Di Pane

» Benvenuto Pino
Lun 10 Ott 2016 - 0:41 Da Renato Di Pane

» Gaetano Maurizio Pantano di Messina
Lun 3 Ott 2016 - 16:46 Da Flavia Vizzari

» RENATO DI PANE: BIOGRAFIA E NOTIZIE
Mer 28 Set 2016 - 19:50 Da Renato Di Pane

» U.S.A.: LA ROCCIA DI JUDACULLA
Mer 28 Set 2016 - 19:38 Da Renato Di Pane

» Raduno Regionale Asas 2016
Mar 27 Set 2016 - 18:52 Da Flavia Vizzari

» EGITTO: I SEGRETI DELLA SFINGE
Mar 27 Set 2016 - 18:23 Da Renato Di Pane

» GIAPPONE: I MEGALITI DI ASUKA NARA E LA NAVE DI ROCCIA DI MASUDA
Mar 20 Set 2016 - 20:21 Da Renato Di Pane

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Febbraio 2017
LunMarMerGioVenSabDom
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728     

Calendario Calendario

Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  

Conserva e condivide l’indirizzo di Il Forum della Lingua siciliana sul tuo sito sociale bookmarking

Conserva e condividi l'indirizzo di FORUM - SEMINARIO di ARTE e POESIA - LINGUA SICILIANA sul tuo sito sociale bookmarking

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



Letteratura religiosa

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Letteratura religiosa

Messaggio  Gero Miceli il Ven 26 Giu 2009 - 12:16

In giornata inserirò nel topic Cavalleria un post sulla Militia Templi.
Certo, non sono mai stati riabilitati però grazie al ritrovamento negli Archivi Segreti Vaticani della pergamena di Chinon, ad opera della eminente studiosa Barbara Frale si è potuta fare maggiore chiarezza sul reale intento iniziale di papa Clemente V verso l'Ordine e abbiamo anche una prova storica e inconfutabile che l'ultimo suo Gran Maestro (De Molay), gli alti dignitari e l'Ordine furono reintegrati in seno alla Chiesa e poterono riaccostarsi ai Sacramenti.
Poi è abbastanza chiaro come da parte della Santa Sede e di molti Sovrani Europei all'epoca ci sia stata la volontà di non permettere la totale realizzazione dei disegni di Filippo Il Bello (scomunicato e mandante dell'eretico Nogaret che operò lo "schiaffo di Anagni" imprigionando papa Bonifacio VIII) facendo incamerare molti dei beni templari ad esempio all'Ordine del Cristo o a quello di Montesa, insieme ai cavalieri superstiti e alla regola cistercense di San Bernardo scritta appositamente per la Militia Templi (De Laude Novae Militiae), dunque cambiando la forma ma non la sostanza!


king

Gero Miceli
affamatu
affamatu


http://geromicelipoeta.blog.kataweb.it

Tornare in alto Andare in basso

Alcuni passi dall'IMITATIO CHRISTI

Messaggio  Gero Miceli il Sab 12 Set 2009 - 20:31

Propongo alcuni passi scelti dall'Imitazione di Cristo di San Tommaso da Kempis:

"Chi segue me non cammina nelle tenebre» (Gv 8,12), dice il Signore. Sono parole di Cristo, le quali ci esortano ad imitare la sua vita e la sua condotta, se vogliamo essere veramente illuminati e liberati da ogni cecità interiore. Dunque, la nostra massima preoccupazione sia quella di meditare sulla vita di Gesù Cristo. Già l’insegnamento di Cristo è eccellente, e supera quello di tutti i santi; e chi fosse forte nello spirito vi troverebbe una manna nascosta. Ma accade che molta gente trae un ben scarso desiderio del Vangelo dall’averlo anche più volte ascoltato, perché è priva del senso di Cristo. Invece, chi vuole comprendere pienamente e gustare le parole di Cristo deve fare in modo che tutta la sua vita si modelli su Cristo. Che ti serve saper discutere profondamente della Trinità, se non sei umile, e perciò alla Trinità tu dispiaci? Invero, non sono le profonde dissertazioni che fanno santo e giusto l’uomo; ma è la vita virtuosa che lo rende caro a Dio. Preferisco sentire nel cuore la compunzione che saperla definire. Senza l’amore per Dio e senza la sua grazia, a che ti gioverebbe una conoscenza esteriore di tutta la Bibbia e delle dottrine di tutti i filosofi? «Vanità delle vanità, tutto è vanità» (Qo 1,2), fuorché amare Dio e servire lui solo. Questa è la massima sapienza: tendere ai regni celesti, disprezzando questo mondo."
*********************************

LA CONQUISTA DELLA PACE INTERIORE E L’AMORE DEL PROGRESSO SPIRITUALE

Se non ci volessimo impicciare di quello che dicono o di quello che fanno gli altri, e di cose che non ci riguardano, potremmo avere una grande pace interiore. Come, infatti, è possibile che uno mantenga a lungo l’animo tranquillo se si intromette nelle faccende altrui, se va a cercare all’esterno i suoi motivi di interesse, se raramente e superficialmente si raccoglie in se stesso? Beati i semplici, giacché avranno grande pace.

È bene per noi che incontriamo talvolta difficoltà e contrarietà; queste, infatti, richiamano l’uomo a se stesso, nel profondo, fino a che comprenda che quaggiù egli è in esilio e che la sua speranza non va riposta in alcuna cosa di questo mondo. È bene che talvolta soffriamo contraddizione e che la gente ci giudichi male e ingiustamente, anche se le nostre azioni e le nostre intenzioni sono buone. Tutto ciò suol favorire l’umiltà, e ci preserva dalla vanagloria. Invero, proprio quando la gente attorno a noi ci offende e ci scredita, noi aneliamo con maggior forza al testimone interiore, Iddio.

Bisogna vigilare, particolarmente intorno all’inizio della tentazione; poiché il nemico si vince più facilmente se non gli si permette per nulla di varcare le porte della nostra mente; e se gli si sbarra la strada al di là della soglia, non appena abbia bussato. Di qui il detto: «resisti agli inizi; è troppo tardi quando si prepara la medicina» (Ovidio, Remedia amoris, II,91).


Se impari a non curarti della gente, questa lascerà che tu attenda tranquillamente a te stesso. Non portare dentro di te le faccende degli altri, non impicciarti neppure di quello che fanno le persone più in vista; piuttosto vigila sempre e in primo luogo su di te, e rivolgi il tuo ammonimento particolarmente a te stesso, prima che ad altre persone, anche care. Non rattristarti se non ricevi il favore degli uomini; quello che ti deve pesare, invece, è la constatazione di non essere del tutto e sicuramente nella via del bene, come si converrebbe a un servo di Dio e a un monaco pieno di devozione

*************************

Gero Miceli
affamatu
affamatu


http://geromicelipoeta.blog.kataweb.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Letteratura religiosa

Messaggio  Gero Miceli il Sab 12 Set 2009 - 20:34

Figlio, non essere curioso; non prenderti inutili affanni. Che t’importa di questo e di quello? «Tu segui me» (Gv 21,22). Che ti importa che quella persona sia di tal fatta, o diversa, o quell’altra agisca e dica così e così? Tu non dovrai rispondere per gli altri; al contrario renderai conto per te stesso. Di che cosa dunque ti vai impicciando? Ecco, io conosco tutti, vedo tutto ciò che accade sotto il sole e so la condizione di ognuno: che cosa uno pensi, che cosa voglia, a che cosa miri la sua intenzione. Tutto deve essere, dunque, messo nelle mie mani. E tu mantieniti in pace sicura, lasciando che altri si agiti quanto crede, e metta agitazione attorno a sé: ciò che questi ha fatto e ciò che ha detto ricadrà su di lui, poiché, quanto a me, non mi può ingannare.

**************************************
O figlio, non sopportare di mal animo se certuni danno un cattivo giudizio su di te e dicono, nei tuoi confronti, parole che non ascolti con piacere. Il tuo giudizio su te stesso deve essere ancora più grave; devi credere che non ci sia nessuno più debole di te. Se terrai conto massimamente dell’interiorità, non darai molto peso a parole che volano; giacché, nei momenti avversi, è prudenza, e non piccola, starsene in silenzio, volgendo l’animo a me, senza lasciarsi turbare dal giudizio della gente. La tua pace non riposi nella parola degli uomini. Che questi ti abbiano giudicato bene o male, non per ciò sei diverso. Dove sta la vera pace, dove sta la vera gloria? Non forse in me? Godrà di grande pace chi non desidera di piacere agli uomini, né teme di spiacere ad essi. È appunto da un tale desiderio, contrario al volere di Dio, e da un tale vano timore, che nascono tutti i turbamenti del cuore e tutte le deviazioni degli affetti.
*********************************************
CONTRO I VUOTI GIUDIZI UMANI

O figlio, poni saldamente il tuo cuore nel Signore; e se la coscienza ti proclama onesto e senza colpa, non temere il giudizio degli uomini. Cosa buona e santa è sopportare il giudizio umano; cosa non gravosa per chi è umile di cuore e confida in Dio, più che in se stesso. C’è molta gente che parla tanto: e, perciò, poco è il credito che le si deve dare. Del resto, fare contenti tutti non è possibile. Che se Paolo cercò di piacere a tutti nel Signore e si fece «tutto per tutti» (1Cor 9,22), tuttavia non diede alcuna importanza al fatto d’essere giudicato da questo tempo»(1Cor 4,3). Egli operò grandemente, con tutto se stesso e con tutte le sue forze, per l’edificazione e la salvezza del prossimo; ma non poté impedire che talvolta fosse giudicato e persino disprezzato dagli altri. Per questo, tutto mise nelle mani di Dio, a cui tutto è noto. Con la pazienza e con l’umiltà egli si difese dalla sfrontatezza di quelli che dicevano iniquità o pensavano vuotaggini e menzogne o buttavano fuori ogni cosa a loro capriccio: pur talvolta rispondendo, perché dal suo silenzio non nascesse scandalo ai deboli.

«Chi sei tu mai, per avere paura di un uomo mortale? « (Is 51,12). L’uomo, oggi c’è, e domani non lo si vede più. Temi Iddio, e non ti sgomenterai di ciò che può farti paura da parte degli uomini. Che cosa può un uomo contro di te, con parole e improperi? Egli nuoce a se stesso, più che a te; né potrà sfuggire al giudizio di Dio, chiunque egli sia. Per quanto ti riguarda, tu tieni fissi gli occhi in Dio, e «non voler opporti a lui, con parole di lamento» («Tm 2,14). Che se, al momento, sembra che tu soccomba e che tu sia coperto di vergogna immeritata, non devi, per questo, sdegnarti; né devi fare che sia più piccolo il tuo premio, per difetto di pazienza. Guarda, invece, a me, cui è dato di strappare l’uomo da ogni ingiustizia, «rendendo a ciascuno secondo le sue opere» (Mt 16,27; Rm 2,6).
******************************************

Gero Miceli
affamatu
affamatu


http://geromicelipoeta.blog.kataweb.it

Tornare in alto Andare in basso

da l'Imitazione di Cristo

Messaggio  Gero Miceli il Sab 12 Set 2009 - 20:37

IL DISPREZZO DI OGNI ONORE DI QUESTO MONDO

Figlio, non crucciarti se vedi che altri sono onorati ed innalzati, mentre tu sei disprezzato ed umiliato. Drizza il tuo animo a me, nel cielo; così non ti rattristerà il disprezzo degli uomini, su questa terra. O Signore, noi siamo come ciechi e facilmente ci lasciamo sedurre dall’apparenza. Ma se esamino seriamente me stesso, non c’è cosa che possa essermi fatta da alcuna creatura che sia un torto nei miei confronti: dunque non avrei motivo di lamentarmi con te. È, appunto, perché spesso e gravemente ho peccato al tuo cospetto, che qualsiasi creatura si può muovere a ragione contro di me. A me, dunque, è giusto che si dia vergogna e disprezzo; a te invece, lode, onore e gloria. E se non mi sarò ben predisposto a desiderare di essere disprezzato da ogni creatura, ad essere buttato in un canto e ad essere considerato proprio un nulla, non potrò trovare pace e serenità interiore; non potrò essere spiritualmente illuminato e pienamente a te unito.
********************************************
NON FARE AFFIDAMENTO SU ALCUNO: LE PAROLE FACILMENTE INGANNANO

«Aiutami, o Signore, nella tribolazione, perché è vana la salvezza che viene dagli uomini» (Sal 59,13). Quante volte non trovai affatto fedeltà, proprio là dove avevo creduto di poterla avere; e quante volte, invece, la trovai là dove meno avevo creduto. Vana è, dunque, la speranza negli uomini, mentre in te, o Dio, sta la salvezza dei giusti. Sii benedetto, o Signore mio Dio, in tutto quanto ci accade. Deboli siamo, e malfermi; facilmente ci inganniamo e siamo mutevoli. Quale uomo è tanto prudente e tanto attento da saper sempre custodire se stesso, così da non cadere mai in qualche delusione e incertezza? Ma non cadrà così facilmente colui che confida in te, o Signore, e ti cerca con semplicità di cuore. Che se incontrerà una tribolazione, in qualunque modo sia oppresso, subitamente ne sarà strappato da te, o sarà da te consolato, poiché tu non abbandoni chi spera in te, fino all’ultimo. Cosa rara è un amico sicuro, che resti tale in tutte le angustie dell’amico. Ma tu, o Signore, tu solo sei sempre pienamente fedele: non c’è amico siffatto, fuori di te.
********************************************
Quale profonda saggezza ci fu in quell’anima santa che poté dire: il mio spirito è saldo, e fondato su Cristo! Se così fosse anche per me, non sarei tanto facilmente agitato da timori umani, né mi sentirei ferito dalle parole. Chi può mai prevedere ogni cosa e cautelarsi dai mali futuri? Se, spesso, anche ciò che era previsto riesce dannoso, con quanta durezza ci colpirà ciò che è imprevisto? Perché non ho meglio provveduto a me misero?; e perché mi sono affidato tanto leggermente ad altri? Siamo uomini, nient’altro che fragili uomini, anche se molti ci ritengono e ci dicono angeli. Oh, Signore, a chi crederò; a chi, se non a te? Tu sei la verità che non inganna e non può essere ingannata; mentre «l’uomo è sempre bugiardo» (Sal 115,11), debole, insicuro e mutevole, specie nelle parole, tanto che a stento ci si può fidare subito di quello che, in apparenza, pur ci sembra buono. Con quanta sapienza tu già ci avevi ammonito che ci dobbiamo guardare dagli uomini; che «nemici dell’uomo sono i suoi più vicini» (Mt 10,36); che non si deve credere se uno dice: «ecco qua, ecco là!» (Mt 24,23; Mc 13,21)! Ho imparato a mie spese, e voglia il cielo che ciò mi serva per acquistare maggiore prudenza e non ricadere nella stoltezza. Bada, mi dice taluno, bada bene, e serba per te quel che ti dico. Ma, mentre io sto zitto zitto, credendo che la cosa resti segreta, neppure lui riesce a tacere ciò per cui mi aveva chiesto il silenzio: improvvisamente mi tradisce, tradendo anche se stesso; e se ne va. Oh, Signore, difendimi da siffatte fandonie e dalla gente stolta, cosicché io non cada nelle loro mani, e mai non commetta simili cose. Da’ alla mia bocca una parola vera e sicura, e lontana da me il linguaggio dell’inganno. Che io mi guardi in ogni modo da ciò che non vorrei dover sopportare da altri.
**********************************************
Quanta bellezza e quanta pace, fare silenzio intorno agli altri; non credere pari pari ad ogni cosa, né andare ripetendola; rivelare sé stesso soltanto a pochi; cercare sempre te, che scruti i cuori, senza lasciarsi portare di qua e di là da ogni vuoto discorso; volere che ogni cosa interiore ed esterna, si compia secondo la tua volontà! Quale tranquillità, fuggire le apparenze umane, per conservare la grazia celeste; non ambire a ciò che sembri assicurare ammirazione all’esterno, e inseguire invece, con ogni sollecitudine, ciò che assicura emendazione di vita e fervore! Di quanto danno fu, per molti, una virtù a tutti nota e troppo presto lodata. Di quanto vantaggio fu, invece, una grazia conservata nel silenzio, durante questa nostra fragile vita, della quale si dice a ragione che è tutta una tentazione e una lotta!



Gero Miceli
affamatu
affamatu


http://geromicelipoeta.blog.kataweb.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Letteratura religiosa

Messaggio  Gero Miceli il Sab 12 Set 2009 - 21:46

Per quanto possibile, stai lontano dall’agitarsi che fa la gente. Infatti, anche se vi si attende con purezza di intenzione, l’occuparsi delle faccende del mondo è un grosso impaccio, perché ben presto si viene inquinati dalle vanità, e fatti schiavi. Più di una volta vorrei essere stato zitto, e non essere andato in mezzo alla gente.
************************************
Sii dunque preparato al combattimento, se vuoi ottenere vittoria. Senza lotta non puoi giungere ad essere premiato per la tua sofferenza. Se rifiuti la sofferenza, rifiuti anche il premio; se invece desideri essere premiato, devi combattere da vero uomo e saper sopportare con pazienza. Come al riposo non si giunge se non dopo aver faticato, così alla vittoria non si giunge se non dopo aver combattuto. Oh, Signore, che mi diventi possibile, per tua grazia, quello che mi sembra impossibile per la mia natura: tu sai che ben scarsa è la mia capacità di soffrire, e che al sorgere di una, sia pur piccola, difficoltà, mi trovo d’un colpo atterrato. Che mi diventi cara e desiderabile, in tuo nome, qualsiasi prova e qualsiasi tribolazione: soffrire ed essere tribolato per amor tuo, ecco ciò che è grandemente salutare all’anima mia.

************************************

Gero Miceli
affamatu
affamatu


http://geromicelipoeta.blog.kataweb.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Letteratura religiosa

Messaggio  Flavia Vizzari il Sab 12 Set 2009 - 22:03

Gero Miceli ha scritto:



È bene per noi che incontriamo talvolta difficoltà e contrarietà; queste, infatti, richiamano l’uomo a se stesso, nel profondo, fino a che comprenda che quaggiù egli è in esilio e che la sua speranza non va riposta in alcuna cosa di questo mondo. È bene che talvolta soffriamo contraddizione e che la gente ci giudichi male e ingiustamente, anche se le nostre azioni e le nostre intenzioni sono buone. Tutto ciò suol favorire l’umiltà, e ci preserva dalla vanagloria. Invero, proprio quando la gente attorno a noi ci offende e ci scredita, noi aneliamo con maggior forza al testimone interiore, Iddio.

Bisogna vigilare, particolarmente intorno all’inizio della tentazione; poiché il nemico si vince più facilmente se non gli si permette per nulla di varcare le porte della nostra mente; e se gli si sbarra la strada al di là della soglia, non appena abbia bussato. Di qui il detto: «resisti agli inizi; è troppo tardi quando si prepara la medicina» (Ovidio, Remedia amoris, II,91).


Se impari a non curarti della gente, questa lascerà che tu attenda tranquillamente a te stesso. Non portare dentro di te le faccende degli altri, non impicciarti neppure di quello che fanno le persone più in vista; piuttosto vigila sempre e in primo luogo su di te, e rivolgi il tuo ammonimento particolarmente a te stesso, prima che ad altre persone, anche care. Non rattristarti se non ricevi il favore degli uomini; quello che ti deve pesare, invece, è la constatazione di non essere del tutto e sicuramente nella via del bene, come si converrebbe a un servo di Dio e a un monaco pieno di devozione[/i]
*************************


Mi inchino ai contenuti del testo "Imitazione di Cristo" ... ma non condivido per nulla il brano di Ovidio che quoto!!!

Sono, nonostante avverto nella società odierna il comportamento citato nell'evidenziato brano, contraria!

Credo che interessarsi solo di se stessi e coltivare solo il 'proprio orticello' sia affine ad essere 'egoisti' ....

Bisogna eccome, curarsi del prossimo, anche se non ci riguarda da vicino, ma sempre con la dovuta umiltà e senza invadenza!!!


Sito Web : www.flaviavizzari.jimdo.com

Flavia Vizzari
Spicialista
Spicialista


http://blog.libero.it/Artevizzari/

Tornare in alto Andare in basso

poesia religiosa

Messaggio  Giuseppe La Delfa il Sab 10 Ott 2009 - 8:28

Bisogna condividere almeno le cose che ci uniscono , ma per le cose ,che ci dividono usare la saggezza e il buon senso nella consapevolezza cristiana dell'amore vero non quello di convenienza. Questo enunciato vale per tutti noi frutto di esperienza vissuta .
Conviene sempre chiarirsi e sentire le due campane nel proseguo delle relazioni sociali.
Pippo


dott. Giuseppe La Delfa -  Laureato in Scienze della Comunicazione -
- Laurea magistrale specialistica in Scienze cognitive e Psicologia -


Socio Accademia Internazionale Pen Club Milano.
   ......    
Siti web:  

http://giufino.altervista.org - www.giuseppeladelfa.jimdo.com

Giuseppe La Delfa
Canuscituri
Canuscituri


http://giufino.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Letteratura religiosa

Messaggio  Maria Lucia Riccioli il Dom 11 Ott 2009 - 15:15

Il brano dei REMEDIA AMORIS (Rimedi d'amore, cioè alle pene d'amore...) si riferisce al fatto che occorre prevenire perché la cura è lunga e dolorosa...
L'Imitazione di Cristo fu definito "il quinto vangelo" per la sua profondità. Libro amato non solo nel Medioevo, ma fino ad oggi anche da gente insospettabile (era sul comodino di Agatha Christie, lo sapevate?).

Maria Lucia Riccioli
nicareddu
nicareddu


http://www.marialuciariccioli.splinder.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Letteratura religiosa

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum