Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Premio Carrà-Tricali a Lentini (Sr)
Gio 20 Lug 2017 - 18:00 Da Giuseppe La Delfa

» Premio Renato Guttuso 2017
Gio 20 Lug 2017 - 17:54 Da Giuseppe La Delfa

» Antologia poetica letteraria a cura di Giuseppe La Delfa In omaggio a L. Pirandello
Gio 20 Lug 2017 - 17:51 Da Giuseppe La Delfa

» LE POESIE DI DON RAFFAELE APRILE
Gio 20 Lug 2017 - 17:44 Da Giuseppe La Delfa

» NUOVI SUCCESSI DI PIPPO
Gio 20 Lug 2017 - 17:38 Da Giuseppe La Delfa

» LU ME' SICILIANU
Dom 4 Giu 2017 - 21:47 Da Flavia Vizzari

» PREMIO NAZIONALE DI POESIA ASAS
Gio 25 Mag 2017 - 1:08 Da Flavia Vizzari

» INNO DELL'A.S.A.S.
Gio 25 Mag 2017 - 0:52 Da Flavia Vizzari

» ARTEINCENTRO "messinaweb.eu"
Mar 16 Mag 2017 - 15:49 Da Flavia Vizzari

» Premio di Poesia, Narrativa e Teatro “Memorial Giovanni Leone” – I valori della famiglia - 1^ Edizione
Gio 11 Mag 2017 - 17:35 Da carmy77

» Poesia e recensione per Giovanni Fontana di Castellammare del Golfo
Sab 22 Apr 2017 - 20:16 Da Giuseppe La Delfa

» IL MAGGIO DEI LIBRI dell'ASAS 2017
Sab 22 Apr 2017 - 8:24 Da Flavia Vizzari

» LUIGI TERRANOVA
Sab 22 Apr 2017 - 8:19 Da Flavia Vizzari

» RENATO DI PANE: BIOGRAFIA E NOTIZIE
Lun 3 Apr 2017 - 11:56 Da Flavia Vizzari

» Premio Letterario Nazionale “L’ANFORA DI CALLIOPE”
Lun 3 Apr 2017 - 9:14 Da Flavia Vizzari

» Tempo
Lun 3 Apr 2017 - 9:11 Da Flavia Vizzari

» Premio RENATO GUTTUSO
Mer 29 Mar 2017 - 16:49 Da Flavia Vizzari

» Benvenuto Pino
Mer 29 Mar 2017 - 16:47 Da Flavia Vizzari

» GRAMMATICA SISTEMATICA di Arturo Messina - Sr
Mer 29 Mar 2017 - 9:22 Da Giuseppe La Delfa

» recensione avuta nel 2008 e dimenticata
Mer 29 Mar 2017 - 9:10 Da Giuseppe La Delfa

» Mons. Giovanni Accolla, ordinazione episcopale
Dom 26 Feb 2017 - 22:43 Da Giuseppe La Delfa

» Il potere salvifico della poesia di Giovanni Albano 
Mer 11 Gen 2017 - 1:47 Da Flavia Vizzari

» Presentazione Silloge di S. Gaglio (IV Premio Asas 2016)
Sab 7 Gen 2017 - 18:54 Da Flavia Vizzari

» PREMIO POESIA A.S.A.S.
Sab 7 Gen 2017 - 18:53 Da Flavia Vizzari

» Arte & Parole
Sab 3 Dic 2016 - 12:38 Da ninnetta

» Concorso di Poesie, Filastrocche, Racconti e Fiabe “Libera la fantasia” – IV^ Edizione
Gio 1 Dic 2016 - 11:17 Da carmy77

» Bianco & Nero
Dom 27 Nov 2016 - 1:51 Da Flavia Vizzari

» Premio Buttitta a Pippo La Delfa
Sab 26 Nov 2016 - 8:20 Da Giuseppe La Delfa

» Relitto spaziale precipita su miniera di Giada
Sab 12 Nov 2016 - 11:08 Da Flavia Vizzari

» Giovanni Albano
Dom 30 Ott 2016 - 14:24 Da Flavia Vizzari

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Luglio 2017
LunMarMerGioVenSabDom
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

Calendario Calendario

Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  

Conserva e condivide l’indirizzo di Il Forum della Lingua siciliana sul tuo sito sociale bookmarking

Conserva e condividi l'indirizzo di FORUM - SEMINARIO di ARTE e POESIA - LINGUA SICILIANA sul tuo sito sociale bookmarking

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



SANTO CALI'

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: SANTO CALI'

Messaggio  cettina maccarone il Gio 2 Apr 2009 - 22:53

PUEMA SICILIANU (di SANTO CALI')

Quannu jù moru vènicci a Schisò
nta na notti d’austu comu a chista,
ca li schiggi allimati di l’ojetra
a la luna cci perciunu lu cori.

Lu mari agghica di luntanu e sbroma
rèpiti longhi d’amanti ammucciati
sutta linzoli d’àlichi di sita
e mentri l’ascutamu, ahiahi,
lu pedi
s’affunna nta la rina
e non putemu
cchiù fujiri e pir chistu
n’abbrazzamu,
ni strincemu, mpazzuti, ni mplicamu,
stanchi ni pircantamu nta la ribba
a ’scutari la storia di lu mari.

E lampari ca scociunu tunnina.

Quannu jù moru venicci a Schisò
nta na notti d’austu comu a chista,
jisa la canna e attizzacci la vita
nta l’occhiu
a lu palàmitu firutu
ca sbattulìa supra la ribba giarna
e ribbugghi di sancu la scumazza.

E lampari ca scociunu tunnina.

Quannu jù moru venicci a Schisò
nta na notti d’austu comu a chista
a chianciri lu chiantu di li stiddi
ca tummanu nta l’acqua arrisagghiata
a nova spirlucenza,
allaricannusi,
macchia d’oghiu assajata di cardùbbuli.

E lampari ca scociunu tunnina.

Sulu nta la pupidda to gilestri
la Puddara è mimoria di lu celu!

Quannu jù moru venicci a Schisò
nta na notti d’austu comu a chista,
a sparmari la trizza sutta un ramu
di calìppisu,
a sentiri la vuci
nostra ca mpiducchiata nta li fogghi
tesci fulinia spana di silenziu
ca si sciogghi a riciatu di gricali.

E lampari ca scociunu tunnina.

Quannu jú moru venicci a Schisò
nta na notti d’austu comu a chista
ca ntra lu scàtti di lu manzijornu
a ntunari la brogna nta la vampa
di lu suli mirìu.

Ricogghi tutti
li pisci di lu mari pi cuntaricci
tra na risata e n’autra la storia
di ddu pazzu d’amanti, c’ogni sira
a ribba di lu mari di Schisò,
abbrazzatu cu tia, o Jàjita Azzola,
cuntava stiddi e peni,
peni e stiddi.

E lampari ca scociunu tunnina!


TRADUZIONE:

POEMA SICILIANO

Quando morrò vienici a Schisò / in una notte d’agosto come questa / in cui lame di stridi del gabbiano / traffiggono la luna fino al cuore.

Il mare piega da lontano, esala / i lunghi ansimi d’amanti celati / sotto lenzuola d’alghe come seta / e mentre li ascoltiamo, ahiahi, / il piede / affonda nella rena / e non possiamo / più fuggire e per questo / ci abbracciamo, / ci stringiamo impazziti, fusi in uno, / stanchi siamo presi da malìa sulla riva / ad ascoltare la storia del mare.

E lampare ad avvampare i tonni.

Quando morrò vienici a Schisò / in una notte d’agosto come questa / alza la canna, attizzaci la vita /
nell’occhio / del palamito ferito / che si dibatte sulla riva gialla / e la schiuma ribolle del suo sangue.


E lampare ad avvampare i tonni.

Quando morrò vienici a Schisò / in una notte d’agosto come questa / a piangere il pianto delle stelle
che piombano nell’acqua abbrividita / di un nuovo splendore, / allagandosi, / macchia d’olio assalita dalle vespe.


E lampare ad avvampare i tonni.

Solo nella celeste tua pupilla / la Puddara è memoria di cielo!

Quando morrò vienici a Schisò / in una notte d’agosto come questa, / a sciogliere la treccia sotto un ramo
d’eucalipto, / ad ascoltare la voce / nostra che impigliata tra le foglie / tesse una vana ragnatela di silenzio / che si scioglie allo spirare del grecale.


E lampare ad avvampare i tonni.

Quando morrò vienici a Schisò / in una notte d’agosto come questa, / o quando arde il mezzogiorno / a sentire conchiglie nella vampa / del sole che ci punta.

Riunisci tutti / i pesci del mare per narrare / tra un riso e l’altro la storia / di quell’amante folle che ogni sera / sulla riva del mare di Schisò / abbracciato con te, Agata Azzurra, / contava stelle e pene, / pene e stelle.

E lampare ad avvampare i tonni!
avatar
cettina maccarone
bazzicaturi
bazzicaturi


Tornare in alto Andare in basso

Santo Calì

Messaggio  Armando Carruba il Ven 3 Apr 2009 - 12:45

Oltre questo bel testo siciliano "Quannu moru venici a Schisò" (Capo Schisò, località vicino Giardini Naxos) si hanno altre poesie di questo poeta di Linguaglossa ? a Siracusa sono difficili - o almeno per me - a recuperarle.
Mi farebbe piacere leggerle.
armando
avatar
Armando Carruba
nicareddu
nicareddu


http://ventosiracusano.blogspot.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum