Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» LU ME' SICILIANU
Ven 20 Ott 2017 - 10:37 Da Flavia Vizzari

» Antologia poetica letteraria a cura di Giuseppe La Delfa In omaggio a L. Pirandello
Mer 11 Ott 2017 - 16:42 Da Flavia Vizzari

» Gualtiero G. Canu
Mer 11 Ott 2017 - 16:41 Da Flavia Vizzari

» LE POESIE DI DON RAFFAELE APRILE
Sab 30 Set 2017 - 16:54 Da Giuseppe La Delfa

» Antologia poetica letteraria a cura di Giuseppe La Delfa In omaggio a L. Pirandello
Dom 24 Set 2017 - 20:44 Da Giuseppe La Delfa

» NUOVI SUCCESSI DI PIPPO
Dom 24 Set 2017 - 20:28 Da Giuseppe La Delfa

» Premio Buttitta di Favara
Ven 1 Set 2017 - 9:45 Da Flavia Vizzari

» Poeti veri e poeti falsi
Dom 30 Lug 2017 - 20:31 Da Flavia Vizzari

» Un artista inizia ad essere tale ...
Dom 30 Lug 2017 - 20:22 Da Flavia Vizzari

» Premio Carrà-Tricali a Lentini (Sr)
Gio 20 Lug 2017 - 18:00 Da Giuseppe La Delfa

» Premio Renato Guttuso 2017
Gio 20 Lug 2017 - 17:54 Da Giuseppe La Delfa

» PREMIO NAZIONALE DI POESIA ASAS
Gio 25 Mag 2017 - 1:08 Da Flavia Vizzari

» INNO DELL'A.S.A.S.
Gio 25 Mag 2017 - 0:52 Da Flavia Vizzari

» ARTEINCENTRO "messinaweb.eu"
Mar 16 Mag 2017 - 15:49 Da Flavia Vizzari

» Premio di Poesia, Narrativa e Teatro “Memorial Giovanni Leone” – I valori della famiglia - 1^ Edizione
Gio 11 Mag 2017 - 17:35 Da carmy77

» Poesia e recensione per Giovanni Fontana di Castellammare del Golfo
Sab 22 Apr 2017 - 20:16 Da Giuseppe La Delfa

» IL MAGGIO DEI LIBRI dell'ASAS 2017
Sab 22 Apr 2017 - 8:24 Da Flavia Vizzari

» LUIGI TERRANOVA
Sab 22 Apr 2017 - 8:19 Da Flavia Vizzari

» RENATO DI PANE: BIOGRAFIA E NOTIZIE
Lun 3 Apr 2017 - 11:56 Da Flavia Vizzari

» Premio Letterario Nazionale “L’ANFORA DI CALLIOPE”
Lun 3 Apr 2017 - 9:14 Da Flavia Vizzari

» Tempo
Lun 3 Apr 2017 - 9:11 Da Flavia Vizzari

» Premio RENATO GUTTUSO
Mer 29 Mar 2017 - 16:49 Da Flavia Vizzari

» Benvenuto Pino
Mer 29 Mar 2017 - 16:47 Da Flavia Vizzari

» GRAMMATICA SISTEMATICA di Arturo Messina - Sr
Mer 29 Mar 2017 - 9:22 Da Giuseppe La Delfa

» recensione avuta nel 2008 e dimenticata
Mer 29 Mar 2017 - 9:10 Da Giuseppe La Delfa

» Mons. Giovanni Accolla, ordinazione episcopale
Dom 26 Feb 2017 - 22:43 Da Giuseppe La Delfa

» Il potere salvifico della poesia di Giovanni Albano 
Mer 11 Gen 2017 - 1:47 Da Flavia Vizzari

» Presentazione Silloge di S. Gaglio (IV Premio Asas 2016)
Sab 7 Gen 2017 - 18:54 Da Flavia Vizzari

» PREMIO POESIA A.S.A.S.
Sab 7 Gen 2017 - 18:53 Da Flavia Vizzari

» Arte & Parole
Sab 3 Dic 2016 - 12:38 Da ninnetta

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Ottobre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

Calendario Calendario

Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  

Conserva e condivide l’indirizzo di Il Forum della Lingua siciliana sul tuo sito sociale bookmarking

Conserva e condividi l'indirizzo di FORUM - SEMINARIO di ARTE e POESIA - LINGUA SICILIANA sul tuo sito sociale bookmarking

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



Perchè insegnare la Storia dell'Arte

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Perchè insegnare la Storia dell'Arte

Messaggio  Admin il Lun 22 Feb 2010 - 16:11

Perché insegnare la storia dell' arte
Repubblica — 05 aprile 2008 pagina 1 sezione: NAPOLI

"Perchè insegnare la storia dell' arte". Così si intitola, senza punto interrogativo finale - e quindi in senso assertivo e, direi, imperativo - un aureo volumetto di Cesare de Seta ora pubblicato da Donzelli. Poiché nel "bel Paese", che ai suoi tanti capolavori d' arte deve fama e fortuna, la storia dell' arte sembra essere materia complementare o succedanea a quella della letteratura, della filosofia, delle scienze. De Seta percorre i vari motivi che invece ne renderebbero necessaria e indispensabile l' insegnamento nelle scuole di ogni ordine e grado partendo dalla "riforma Gentile" (1923) che introdusse la materia nei licei classici fino ai nostri giorni, proponendo nuovi metodi che superino l' attuale degrado fatto di approssimazione nozionistica scollegata dal concreto contesto di un patrimonio nazionale che comunque richiama turisti e studiosi da ogni parte del mondo. Ma non bisogna pensare che "Perchè insegnare la storia dell' arte" sia un libro normativo o un libello polemico. Con l' eleganza di una scrittura che è la cifra consueta di De Seta, il libro spazia dal crepuscolare ritratto gaddiano di una "signorina" insegnante di storia dell' arte e dei suoi giovani allievi innamorati, ad un esame dei manuali scolastici tra i quali primeggia il mitico "Argan", frutto anche delle spinte sprovincializzanti del '68. Non manca la contesa tra letteratura e filosofia, per l' appropriazione della materia, né quella tra storicisti e formalisti, o il maldestro confondersi della conoscenza dell' arte con le pratiche manuali delle tecniche pittoriche, alla base di pasticci perduranti nella scuola media come nelle Accademie di belle arti. è la "doccia scozzese" provocata da George Kubler (nel volume "La forma del tempo", pubblicato dalla casa editrice Einaudi nel 1989): basta con l' arte intesa come linguaggio simbolico. Poiché questa concezione paga un prezzo altissimo, trascurando l' arte come sistema di relazioni formali. Nelle relazioni formali i contrasti si frammentano all' infinito. Nella complessa società contemporanea la definizione dell' arte come sistema di relazioni formali importa più del significato, allo stesso modo che la parola importa più della scrittura, poiché l' una precede l' altra e la scrittura non è che un' applicazione particolare della parola. Così Cesare De Seta, con la consapevolezza e la competenza dello storico dell' arte e dell' architettura, che ha dedicato decenni alla docenza universitaria, propone linee di metodo per una nuova dimensione dell' insegnamento e dell' apprendimento. Sfogliando le pagine del libro questi temi affiorano con chiarezza. E vengono trattati in maniera comprensibile, anche si tratta di riflessioni complesse. Ecco delineata un' altra caratteristica del volume. Emerge in altri termini l' idea di una disciplina che sappia dialogare con storia e letteratura. Non una storia di capolavori e di maestri, ma una conoscenza approfondita che sappia avvicinare i giovani al nostro immenso patrimonio di oggetti d' arte, musei, città e paesaggi. Un patrimonio invidiato in tutto il mondo, eppure spesso minacciato dall' abbandono, dall' incuria, dalla mano stessa dell' uomo, come raccontano le cronache di tutti i giorni. Ecco, dunque, "Perché insegnare la storia dell' arte". Ecco il senso della riflessione di De Seta. Si tratta di uscire da una situazione paradossale, che vede l' insegnamento della storia dell' arte privo di qualsiasi rapporto con la concretezza di un inestimabile patrimonio nazionale; e questo mentre l' arte è diventata una delle merci più richieste dai consumatori di turismo che si aggirano per il pianeta.
Ma l' assunto fondamentale del libro, ripreso in quarta di copertina, è che «difendere i paesaggi reali dipinti da Piero della Francesca è importante quanto difendere le sue tele; educare i giovani a intendere l' uno e l' altro è assicurare che quel paesaggio e quel dipinto costituiscano un' eredità di bellezza da trasmettere alle future generazioni». Il capitolo che più piace, e che bisognerebbe rendere obbligatorio ai tanti professori di questa bistrattata materia, è quello nel quale si richiama la "doccia scozzese".



- MARIO FRANCO

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2008/04/05/perche-insegnare-la-storia-dell-arte.html


"... e chiovi" di Flavia VIZZARI - ediz. del Poggio * AGGIUNGI AL CARRELLO






Artista Flavia Vizzari


Presidente Asas e delegata Regione Sicilia Onlus Mecenate
......
Sito Personale : http://artevizzari.altervista.org

avatar
Admin
Spicialista
Spicialista


http://linguasiciliana.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Perchè insegnare la Storia dell'Arte

Messaggio  GualtieroGiovanni il Lun 22 Feb 2010 - 17:26

In mancanza di altro, si potrebbe anche, e forse con maggior profitto, pensare alla TV, con un programma fisso e continuo, per insegnare la Storia dell'Arte.

Con la TV digitale, poi, ci si potrebbe soffermare nei dipinti e le opere.


Gualtiero Giovanni Canu
......
Sito Personale : http://xoomer.alice.it/gualtierino/
avatar
GualtieroGiovanni
Spicialista
Spicialista


http://xoomer.alice.it/gualtierino/

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum