Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Premio Buttitta di Favara
Ven 1 Set 2017 - 9:45 Da Flavia Vizzari

» LE POESIE DI DON RAFFAELE APRILE
Mar 22 Ago 2017 - 15:33 Da Giuseppe La Delfa

» Poeti veri e poeti falsi
Dom 30 Lug 2017 - 20:31 Da Flavia Vizzari

» Un artista inizia ad essere tale ...
Dom 30 Lug 2017 - 20:22 Da Flavia Vizzari

» Premio Carrà-Tricali a Lentini (Sr)
Gio 20 Lug 2017 - 18:00 Da Giuseppe La Delfa

» Premio Renato Guttuso 2017
Gio 20 Lug 2017 - 17:54 Da Giuseppe La Delfa

» Antologia poetica letteraria a cura di Giuseppe La Delfa In omaggio a L. Pirandello
Gio 20 Lug 2017 - 17:51 Da Giuseppe La Delfa

» NUOVI SUCCESSI DI PIPPO
Gio 20 Lug 2017 - 17:38 Da Giuseppe La Delfa

» LU ME' SICILIANU
Dom 4 Giu 2017 - 21:47 Da Flavia Vizzari

» PREMIO NAZIONALE DI POESIA ASAS
Gio 25 Mag 2017 - 1:08 Da Flavia Vizzari

» INNO DELL'A.S.A.S.
Gio 25 Mag 2017 - 0:52 Da Flavia Vizzari

» ARTEINCENTRO "messinaweb.eu"
Mar 16 Mag 2017 - 15:49 Da Flavia Vizzari

» Premio di Poesia, Narrativa e Teatro “Memorial Giovanni Leone” – I valori della famiglia - 1^ Edizione
Gio 11 Mag 2017 - 17:35 Da carmy77

» Poesia e recensione per Giovanni Fontana di Castellammare del Golfo
Sab 22 Apr 2017 - 20:16 Da Giuseppe La Delfa

» IL MAGGIO DEI LIBRI dell'ASAS 2017
Sab 22 Apr 2017 - 8:24 Da Flavia Vizzari

» LUIGI TERRANOVA
Sab 22 Apr 2017 - 8:19 Da Flavia Vizzari

» RENATO DI PANE: BIOGRAFIA E NOTIZIE
Lun 3 Apr 2017 - 11:56 Da Flavia Vizzari

» Premio Letterario Nazionale “L’ANFORA DI CALLIOPE”
Lun 3 Apr 2017 - 9:14 Da Flavia Vizzari

» Tempo
Lun 3 Apr 2017 - 9:11 Da Flavia Vizzari

» Premio RENATO GUTTUSO
Mer 29 Mar 2017 - 16:49 Da Flavia Vizzari

» Benvenuto Pino
Mer 29 Mar 2017 - 16:47 Da Flavia Vizzari

» GRAMMATICA SISTEMATICA di Arturo Messina - Sr
Mer 29 Mar 2017 - 9:22 Da Giuseppe La Delfa

» recensione avuta nel 2008 e dimenticata
Mer 29 Mar 2017 - 9:10 Da Giuseppe La Delfa

» Mons. Giovanni Accolla, ordinazione episcopale
Dom 26 Feb 2017 - 22:43 Da Giuseppe La Delfa

» Il potere salvifico della poesia di Giovanni Albano 
Mer 11 Gen 2017 - 1:47 Da Flavia Vizzari

» Presentazione Silloge di S. Gaglio (IV Premio Asas 2016)
Sab 7 Gen 2017 - 18:54 Da Flavia Vizzari

» PREMIO POESIA A.S.A.S.
Sab 7 Gen 2017 - 18:53 Da Flavia Vizzari

» Arte & Parole
Sab 3 Dic 2016 - 12:38 Da ninnetta

» Concorso di Poesie, Filastrocche, Racconti e Fiabe “Libera la fantasia” – IV^ Edizione
Gio 1 Dic 2016 - 11:17 Da carmy77

» Bianco & Nero
Dom 27 Nov 2016 - 1:51 Da Flavia Vizzari

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Settembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

Calendario Calendario

Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  

Conserva e condivide l’indirizzo di Il Forum della Lingua siciliana sul tuo sito sociale bookmarking

Conserva e condividi l'indirizzo di FORUM - SEMINARIO di ARTE e POESIA - LINGUA SICILIANA sul tuo sito sociale bookmarking

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



Saggio Storico - Caligola - di Montacchiesi

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Saggio Storico - Caligola - di Montacchiesi

Messaggio  Admin il Lun 26 Ott 2009 - 7:09

SAGGIO STORICO

“Caligola”

Ex silloge saggistica
“Tetralogia”
1° classificato IV Ed. Gaetano Cingari
Premio Speciale 23 Ed. Giovanni Gronchi
-
“Caligola”

Prefazione

Nil admirari prope res est una, Numici,
solaque, quae possit facere et servare beatum.
-
Non meravigliarsi di niente:
questo è forse, Numicio,
il solo, unico principio
che possa rendere felici.

(Orazio-Epistulae-Epistolarium liber I-VI)
-
Questa è la frase oraziana, maestra di vita e sempre attuale, che mi ripeto soprattutto quando guardo telegiornali di diverse reti o leggo giornali organici a diverse fazioni politiche,vale a dire quando questi media riportano, in tempo reale, versioni totalmente contrastanti relative al medesimo fatto.
Perché questa premessa? Perché intendo enfatizzare la “plasticità” dell’interpretazione, dolosa o meno, di determinati fenomeni. Se oggi abbiamo difficoltà a capire quale sia la verità relativa ad un fatto immediato, come possiamo presumere di essere depositari delle verità assolute relative a fatti avvenuti nel passato e, nello specifico di Caligola, avvenuti duemila anni fa? Oltre all’inesorabilità
ed alle aberrazioni figlie del tempo, dovremmo considerare gli schieramenti politici, filosofici, ecc.
Questo saggio storico intende assumere un valore iconoclasta e provocatorio rispetto agli stereotipi della storiografia tradizionale. Vuole assurgersi a cinico apologeta dell’Imperatore Caligola, enfatizzando quanto di buono egli ha fatto, le sue virtù, intessendo requisitorie contro i suoi principali accusatori, mettendo in risalto le figure di due Imperatori successivi che la moderna Storiografia continua a definire in maniera non oggettiva. Mi chiedo cosa si penserebbe di Caligola
(ma anche degli altri) se questo saggio fosse l’unico documento in possesso, ovvero se questo saggio fosse l’unica fonte storica dalla quale attingere e non ve ne fossero state altre in passato.


"... e chiovi" di Flavia VIZZARI - ediz. del Poggio * AGGIUNGI AL CARRELLO






Artista Flavia Vizzari


Presidente Asas e delegata Regione Sicilia Onlus Mecenate
......
Sito Personale : http://artevizzari.altervista.org

avatar
Admin
Spicialista
Spicialista


http://linguasiciliana.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Saggio Storico - Caligola - di Montacchiesi

Messaggio  Admin il Lun 26 Ott 2009 - 7:10

Saggio storico

Caligola
( Una candida e pacifica colomba che un crudele destino ha scagliato in un covo di
velenosissimi crotali!)
-
Caligola: Cajo Giulio Cesare Augusto Germanico.
-
(12 d.c.)
Imperatore Romano (Anzio, 31 Agosto 12-Roma, 24 gennaio 41), rampollo diletto della Dinastia Giulio-Claudia. La località che vide i suoi natali non è documentata, ovvero è controversa: un accampamento militare paterno, Tivoli, Anzio, Ambiotino (nel territorio dei Treveri, una fortissima tribù della Gallia Belgica, stanziale nel nord-est della stessa Gallia, lungo le rive della Mosella, nell’area in cui fiorì la città di Treviri), …
Figlio di Gaio Giulio Cesare Germanico (Generale carismatico, estremamente amato dal Popolo Romano, Roma 15 a.c.-Antiochia (Siria) 19 d.c., adottato dallo zio Tiberio, su ordine di Augusto. Principale candidato alla successione) e di Agrippina Maggiore (14 a.c.-33 d.c., Nobildonna Romana, figlia di Marco Vespasiano Agrippa e della sua terza moglie Giulia, figlia di Augusto). Il Puer Cajus visse in un accampamento militare in Germania e, ben presto, divenne il beniamino delle truppe. Vestì l’uniforme dei Legionari e da questi ricevette il soprannome di Caligula (piccola “caliga”= il sandalo militare dei Legionari). Già in adolescenza avrebbe però odiato l’appellativo. Il 10 ottobre del 19 ad Antiochia , all’età di 33 anni, il padre Germanico morì, verosimilmente oggetto di un avvelenamento. Il piccolo Cajus aveva appena sette anni. La nefanda congettura, ventilata da turpi maldicenti, che Caligola avesse architettato ed eseguito l’avvelenamento di Germanico, non trova tuttora probanti comparazioni con alcuna fonte e/o con alcun documento storici. Tornato a Roma, visse, per un periodo, con la madre Agrippina.
-
(27 d.c.)
Nel 27 Tiberio esiliò Agrippina ad Ercolano. L’adolescente Caligola venne affidato a Livia,
che abitava sul Palatino, sua bisavola e moglie del defunto Augusto.
-
(29 d.c.)
Nel 29, a seguito della morte di Livia, Caligola, affettuosamente e generosamente, ne celebrò pubblicamente l’elogio funebre. Andò quindi a vivere a casa di Atonia Minore, nonna da parte di Germanico, presso la quale conobbe, e con i quali strinse amicizia, tre giovani Principi, figli di Atonia Trifena e di Coti di Tracia: Polemone (a cui assegnerà i Regni del Ponto e del Bosforo), Rhoimetalkes ( a cui assegnerà metà dell’antico Regno di Tracia) e Kotys III ( a cui assegnerà l’Armenia Minore). Altresì divenne amico di Antonio Asiatico e di Lucio Vitellio, il cui figlio, Aulo Vitellio, sarebbe divenuto imperatore nel 69.
-
(31 d.c.)
Radicalizzato il potere imperiale a scapito del Senato, l’Imperatore Tiberio Claudio Nerone si trovò al cospetto di una sempre maggiore avversione da parte dell’Aristocrazia. A Roma si respirava un’aria di complotto e di tradimento e Tiberio, dopo la morte di Germanico, si ritirò definitivamente a Capri (26). Nel 31, convocò Caligola presso di sé. I rapporti tra Tiberio e Lucio Elio Seiano (Prefetto del Pretorio, nelle cui persona Tiberio aveva concentrato sommi poteri) degenerarono (Seiano aveva tentato di sostituirsi a Tiberio) e Cajo fu dapprima nominato Augure (Sacerdote, membro di uno dei quattro collegi sacerdotali ufficiali) e poi Pontifex (Membro di un collegio giuridico-sacerdotale presieduto da un Pontefice Massimo ed incaricato di attendere al culto pubblico). Contestualmente aveva indossato la toga e si era lasciato crescere la barba, ma senza nessuno degli allori che, in circostanze analoghe, erano stati attribuiti ai suoi fratelli. Alla corte di Tiberio si comportò umilmente ed inutilmente i perfidi tentarono di lasciarlo cadere nella proditoria e vile calunnia dell’Imperatore.
-
(33 d.c.)
Nel 33 Caligola divenne questore (Magistrato incaricato di perseguire i reati di omicidio) e qui si chiuse il suo Cursus Honorum. Sposò Giunia Claudia, la quale però morì durante la gravidanza.
A Capri, divenne amico di Marco Giulio Agrippa, meglio conosciuto come Erode Agrippa I, Re di Giudea.
-
(35 d.c.)
Tiberio, nonostante tutto, nominò suoi successori nel testamento (35) sia Caligola sia Tiberio Gemello (figlio di Druso Maggiore, fratello di Tiberio).
-


"... e chiovi" di Flavia VIZZARI - ediz. del Poggio * AGGIUNGI AL CARRELLO






Artista Flavia Vizzari


Presidente Asas e delegata Regione Sicilia Onlus Mecenate
......
Sito Personale : http://artevizzari.altervista.org

avatar
Admin
Spicialista
Spicialista


http://linguasiciliana.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Saggio Storico - Caligola - di Montacchiesi

Messaggio  Admin il Lun 26 Ott 2009 - 7:10

(37 d.c.)
Dopo la morte di Tiberio (la fine del vecchio e crudele Imperatore-così lo definì il Senato-era stata accolta con tripudio da tutti), avvenuta il 16 marzo 37 nella sua villa di Capo Miseno (base navale della flotta romana), Macrone, Prefetto del Pretorio, prese il controllo della situazione e pianificò l’ascesa di Caligola, che venne acclamato Imperatore dai Pretoriani e dalle truppe di stanza a Capo Miseno. Il Senato invalidò il testamento di Tiberio, che lasciava la guida a Caligola e a Tiberio Gemello, sostenendo che, al momento della stesura, Tiberio fosse insano di mente e proclamò “Princeps” Caligola, il 18 marzo 37, con acclamazione ad “Imperator”! Caligola ascese al potere con l’appoggio di tutti: Senato, Esercito e Popolo. Le motivazioni di questa consacrazione furono diverse: la sua verde età (25 anni), il vecchio consenso popolare del glorioso padre, l’interminabile durata del totalitaristico Principato di Tiberio (23 anni), la fanciullezza vissuta negli accampamenti militari, il nefasto destino della sua famiglia, la parentela sia con Augusto sia con Marco Antonio e la sua sacra deferenza per i familiari. L’elezione di Caligola veniva ora contemplata come l’inizio di una nuova fase o, meglio, come la rinascita della Pax Augustea. Questa elezione rimarcava la vittoria del potentissimo partito di Germanico, che a tante vessazioni e soprusi era dovuto sottostare e che, infine, vedeva Imperatore il pargolo del glorioso, ma sventurato eroe, colui che per stirpe materna discendeva da Augusto. Il 28 marzo Caligola giunse nell’Urbe, acclamato dal popolo in tripudio e si presentò al cospetto del Senato. Il 28 e 29 marzo, il Senato conferì i più alti poteri a Caligola, il quale acquisì anche le cariche di Pontifex Maximus e di Pater Patriae, nonché il Consolato e la Tribunicia Potestas. Il novello Princeps venne magnificato dalla massa in delirio e dalla casta militare in ogni suo ordine e grado. Fu, addirittura, plaudito dai suoi avversari. Caligola seppe propagandare la propria immagine come mai nessun altro personaggio della storia antica.
La sua ascesa al potere fu accolta ed interpretata come la liberazione dalla dittatura di Tiberio. Estremamente benvoluto dai soldati del padre Germanico, impostò i primi atti di governo all’insegna di una positiva dialettica di grandi equilibrio e liberalità. I primi atti del nuovo Princeps furono di benevolenza e di indulgenza: di Tiberio, la cui immagine avrebbe dovuto aborrire (secondo alcune fonti popolari le morti di Germanico prima e di Agrippina poi, nonché le morti dei fratelli Giulio Cesare Nerone e Druso Cesare sono da ascrivere alle trame occulte di Tiberio), intessé, per contro, un laudativo panegirico post-mortem ed adottò Tiberio Gemello, nipote di Tiberio e figlio del di questi fratello Druso, conferendogli poi la nomina di Princeps Juventutis. Desiderò tuttavia, quasi condannando e rinnegando l’azione del defunto Principe, riaccendere i riflettori sulla propria famiglia, sublimando la memoria dei suoi defunti e dispensando in abbondanza onori ai vivi. Recatosi a Pandataria (odierna Ventotene) ed a Ponza, raccolse le ceneri della madre e del fratello, che rinchiuse in pregiati cinerari e che portò, via mare, ad Ostia e, quindi, lungo il Tevere, a Roma, dove vennero accolte dai più eminenti cittadini e poste in due arche, nel mausoleo, con grande adesione popolare. Sacrifici annuali vennero decretati in loro onore e, in memoria di Agrippina, vennero decretati giochi circensi, nel corso dei quali l’effigie di lei doveva venir portata con grande fastosità sopra un carro. Per onorare il padre, invece, al mese di settembre attribuì il nome di: Germanico. In virtù di un decreto senatorio, alla nonna Atonia, fece conferire tutti gli onori precedentemente conferiti alla madre di Tiberio e, di sua libera volontà, accolse lo zio Claudio nel Consolato. Inevitabili furono talune delle spese affrontate dal novello Principe: abbondò in donazioni, auspicò l’appoggio della massa e si rese famosissimo ed amatissimo in virtù di continue e cospicue elargizioni alla plebe (due volte 300 sesterzi ad ogni Romano indigente), ai Pretoriani, ai Regni vassalli di Roma. Al popolo, per parecchi giorni consecutivi, dall’alto della basilica Giulia, gettò monete di grande valore. Questa generosità non poteva che attirargli l’affetto e la devozione della gente comune e, dato che il popolo amava i giochi e gli spettacoli di cui Tiberio era stato tanto avaro, Caligola, a posteriori della sua elezione, ordinò che seguissero festeggiamenti per molto tempo. Le cerimonie liturgiche degli Egiziani, che dal defunto Imperatore erano state vietate, furono reintrodotte. Gli istrioni vennero riammessi. Ebbero luogo ludi gladiatori, alcuni nell’anfiteatro di Statilio Tauro, altri nel Campo Marzio e ai gladiatori si sommarono Africani, atleti selezionati provenienti dalla Campania. Spettacoli scenici ebbero luogo sia di giorno sia di notte, con l’urbe completamente illuminata e con copiose dispense di doni. Inoltre vi furono lunghissimi spettacoli nel Circo, con intervalli di giochi troiani e/o di cacce di fiere africane. Taluni di questi spettacoli permasero famosi a causa della polvere d’oro e del minio cosparsi sull’arena ed anche in virtù del fatto che, in seguito, i gladiatori vennero rimpiazzati dai Senatori tacciati del Crimen Lesae Majestatis! Per consentire che a tutti fosse data la possibilità di assistere agli spettacoli, furono rinviate le vertenze che cadevano nei giorni di festa e, quindi, i circhi e gli anfiteatri furono continuamente rigurgitanti di folle plaudenti. La felicità del popolo di Roma fu enorme dopo l’ingresso del nuovo Imperatore. Successivamente, partendo Caligola per le isole campane, voti per il suo ritorno furono fatti, come pur per manifestare la premura ed il coinvolgimento che il popolo nutriva per la sua salute. L’immenso amore che il popolo provava per l’Imperatore fu integrato da una sincera simpatia da parte degli stranieri. Il Re dei Parti, Artabano, che sempre aveva odiato Tiberio, desiderò e cercò l’amicizia di Cajo. Si procurò un convegno con il pro-console romano e, varcato il fiume Eufrate, omaggiò le aquile e le insegne di Roma, nonché le immagini dei Cesari. Caligola alleggerì i dazi, restituì prestigio alla Magistratura ed alle Assemblee.
Rimase fedele al testamento di Tiberio, benché fosse stato formalmente invalidato dal Senato e concesse a tutti quanto stabilito da Tiberio. Abrogò la tassa sulle compra-vendite. Nel primo anno di Principato abrogò il Crimen Lesae Majestatis, una legge particolarmente invisa ai Senatori. Ad Agrippa, ad Oriente, assegnò il Tetrarcato della Giudea Settentrionale, il titolo di Re e, forse, pure il Tetrarcato di Abilene. Ad Antioco IV Epifane, figlio di Antioco III-ex Re della Commagene (Siria), restituì i territori tolti al padre da Tiberio. Esautorò Mitridate, Re filo-romano dell’Armenia. Mitridate venne convocato a Roma e recluso, accusato di cospirazione. Per motivi di strategia politica, l’Imperatore Claudio gli avrebbe poi, molto più tardi, restituito il trono. Permeato da un fiammante desiderio di riportare la serenità tra il popolo romano e di incrementarne la simpatia e la stima, ovvero il proprio carisma, concesse un’amnistia generale ed ordinò di dare alle fiamme, pubblicamente, tutti i documenti e le lettere di coloro che avevano partecipato, in qualsiasi forma, alla rovina dei suoi familiari, come anche fece bruciare pubblicamente tutti gli atti dei processi a carico della madre e dei suoi fratelli, dopo aver solennemente e pubblicamente giurato di non aver preso visione dei nomi dei testimoni e dei delatori e ricusò un documento per mezzo del quale gli si palesava un complotto, asserendo di non desiderare di prestare credito alle delazioni. Bloccò ogni procedimento per Crimen Lesae Majestatis e concesse la grazia a tutti gli esiliati. Dando prova di grandi apertura mentale e liberalità, ordinò la nuova diffusione di tutti gli scritti censurati precedentemente dal Senato. Particolarmente, tornarono in auge le opere ed i documenti anti-imperiali di Tito Labieno(*1) del retore Cremuzio Cordo(*2) e dello storico Cassio Severo(*3).


"... e chiovi" di Flavia VIZZARI - ediz. del Poggio * AGGIUNGI AL CARRELLO






Artista Flavia Vizzari


Presidente Asas e delegata Regione Sicilia Onlus Mecenate
......
Sito Personale : http://artevizzari.altervista.org

avatar
Admin
Spicialista
Spicialista


http://linguasiciliana.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Saggio Storico - Caligola - di Montacchiesi

Messaggio  Admin il Lun 26 Ott 2009 - 7:10

(*1)Tito Labieno, generale romano (99-45 a.c.). Tribuno della plebe, fu storico ed abile retore. Le sue opere furono arse nel 12 d.c., in quanto stigmatizzate e messe al bando dall’autorità imperiale di quel tempo. Con la morte di Mecenate ( 20 a.c.) lo scabroso dialogo tra potere e letteratura dipese direttamente da Augusto. Augusto avviò una fase di censure e di condanne. Tali censure e condanne raggiunsero il parossismo sotto Tiberio, successore di Augusto.
(*2)Cremuzio Cordio Aulo (fine I sec. A.c.-25 d.c.) fu inconfutabilmente uno dei principali storiografi della contestazione, nostalgica dell’antica Res Publica ed avversa al potere imperiale.
(*3)Cassio Severo, oratore latino dell’età augustea. La sua fama fu soprattutto dovuta ai Procacia Scripta, opere licenziose e, sovente, libellistiche nei confronti delle famiglie più illustri, che egli diffuse fino a quando venne esiliato prima a Creta e poi a Serifo (isola greca dell’Egeo), dove morì nell’indigenza più assoluta.
-
Come già fece Augusto, Caligola pretese la pubblica divulgazione dei bilanci dello Stato. Ascrisse ai Magistrati una vasta ed indipendente facoltà di giudizio ed istituì una nuova decuria di Giudici.
La rivista dei Cavalieri, antica tradizione, fu reintrodotta. Il popolo, benevolmente ed amenamente, lo definì: stella, garzoncello, amore, pupilla degli occhi…
Insieme allo zio Claudio, Caligola divenne Console, il 1° luglio 37. Tuttavia rinunciò alla carica il 1° settembre. Adottò Tiberio Gemello, nipote di Tiberio. Il 30 ed il 31 agosto, giorno del suo compleanno, presenziò alla dedicazione del Tempio di Augusto. Per questi motivi gli vennero tributati infiniti onori, tra i quali uno scudo d’oro, che annualmente i Collegi Sacerdotali recavano in Campidoglio, con un codazzo di Senatori, fanciulli e fanciulle inneggianti lodi al Principe! Oltre a tutto ciò, il giorno in cui avvenne la sua elezione, venne denominato “Pariglia”, come se Roma fosse stata rifondata! Caligola, in autunno (circa sette mesi dopo la sua ascesa), cadde ammalato e si vociferò diffusamente la sua imminente morte. Il popolo passò molte ore, anche di notte, nei pressi del Palatino e molti furono i voti agli Dei per la sua guarigione. Caligola, in questo frangente, designò Drusilla, sua sorella, quale erede del Potere e di tutti i suoi beni. Il marito di Drusilla, Marco Emilio Lepido, fu nominato Consigliere di Caligola. Nel lasso di un paio di mesi, tuttavia, Caligola guarì. Tiberio Gemello, verso la fine del 37, sospettato di cospirazione ai danni di Caligola durante la sua malattia, si tolse la vita. Silano, suocero di Caligola, fu parimenti sospettato di cospirazione ed emulò Tiberio Gemello.
-
(38 d.c.)
Agli albori del 38, Macrone, il Prefetto del Pretorio, pure lui supposto cospiratore, si suicidò.
Caligola restituì, formalmente, le antiche prerogative ai Comizi ed alle Magistrature, con l’effetto immediato che i Magistrati vennero eletti dal popolo. Generalmente, la politica giudiziaria di questo Imperatore può essere distinta in due fasi: la prima estremamente liberale, filo-popolare, nella quale cercò l’accordo con il Senato e la seconda, nella quale il Princeps fu costretto a tentare l’impossibile, per tutelarsi e per conservare il potere. Le relazioni con i Regni alleati dipesero molto dalla simpatia e dalla fiducia che ciascun singolo monarca riusciva a veicolargli. Restituì ad Antioco IV, nominandolo Re, la Commagene, regione confiscata da Tiberio e ridotta a provincia nel 18. Come già accennato, affidò regni anche ai tre giovani Principi traci che aveva incontrato in gioventù, a casa della nonna Atonia. Aiutò Erode Agrippa, nella Palestina nord-occidentale. Caligola aveva importanti antenati che si erano guadagnati la gloria con imprese belliche. Nel 38 Erode Agrippa partì per raggiungere il suo regno. Caligola gli consigliò di passare per Alessandria, per controllare il comportamento di Flacco, Prefetto dell’Egitto, sospettato di essere stato un partigiano di Tiberio Gemello. Verso la fine del 38 Flacco, accusato dai Greci alessandrini Isidoro e Lampone, venne arrestato e condannato all’esilio, a Giaro. In questo anno morì la sorella-amante di Caligola: Drusilla. Caligola consacrò la sorella “Diva Drusilla”, la prima donna a Roma a ricevere questo onore. Molti storici moderni ritengono che Caligola aspirasse ad instaurare un tipo di monarchia ellenistica, dopo il matrimonio fratello-sorella di Tolomeo IX con Cleopatra IV di Egitto.


"... e chiovi" di Flavia VIZZARI - ediz. del Poggio * AGGIUNGI AL CARRELLO






Artista Flavia Vizzari


Presidente Asas e delegata Regione Sicilia Onlus Mecenate
......
Sito Personale : http://artevizzari.altervista.org

avatar
Admin
Spicialista
Spicialista


http://linguasiciliana.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Saggio Storico - Caligola - di Montacchiesi

Messaggio  Admin il Lun 26 Ott 2009 - 7:11

(39 d.c.)
Il 1 gennaio del 39 Caligola ottenne, per la seconda volta, il Consolato. Fu suo collega Lucio Aprono Cesanio. Dopo trenta giorni Caligola rinunciò all’alta carica. Poco dopo, l’Imperatore pronunciò un discorso decisivo al Senato. Caligola denunciò il Senato e fu dolorosamente costretto a reintrodurre il reato di Crimen Lesae Majestatis. Nella sua orazione accusò i Senatori di ipocrisia, perché attribuivano a Tiberio molte colpe solo per compiacere Caligola stesso. Inoltre, affermò che molte delle persone che avevano perso la vita durante il Principato di Tiberio, erano state accusate, effettivamente, proprio da quegli stessi Senatori. Tiberio aveva semplicemente, e forse ingenuamente, prestato piena fiducia al Senato. Infine dichiarò che i Senatori erano particolarmente, faziosamente volubili, poiché dapprima avevano tributato immensi onori a Tiberio, poi, addirittura, a Seiano, mentre adesso tributavano onori a Caligola. Non erano allora questi onori subdolamente melliflui e non potevano occultare un odio viscerale? I Senatori, sempre con la stessa subdola mellifluità, con ipocrita ed abietta deferenza, accolsero immediatamente la richiesta di Caligola di reintrodurre il Reato di Lesa Maestà e decretarono cerimonie annuali per celebrare la “clementia” dell’Imperatore. In questo periodo Caligola fece costruire un grandioso ponte di barche sulla Baia di Napoli, da Baieae (Baia) a Puteoli (Pozzuoli). Nel mese di settembre Caligola esautorò i Consoli suffraganei, esecutivi dal 1° luglio. Fu dato mandato a nuovi Consoli: Aulo Didio Gallo, sovrintendente alle acque e l’oratore Gneo Domizio Afro. Il controllo della Legione residente nella nuova Provincia di Africa fu revocato al Governatore di nomina senatoria ed affidato ad un Legato Imperiale. Anche con l’obiettivo di migliorare la situazione economica, Caligola, similmente a molti altri Imperatori posteriori, avocò il patrimonio di molti Senatori, tacciandoli, a pieno titolo, di tramare ai danni della sua persona. Durante il suo Principato l’onere fiscale scemò cospicuamente. Vessò e mortificò tronfi personaggi appartenenti alla corrotta Aristocrazia, anche in questo caso avocandone i beni. Avversò tenacemente l’Aristocrazia stessa ed il Senato. Caligola non si stancò mai di mortificare l’ipocrita e grassa classe senatoria. Secondo una tradizione, dapprima orale, nominò Senatore “Incitatus”, così si chiamava il proprio cavallo, pur essendo palese che il suo decreto di nomina sanciva l’assoluta mancanza di stima nei confronti del Senato, che avrebbe potuto benissimo essere infoltito dalla sua BESTIA. Caligola continuava ad avere la simpatia e l’appoggio del popolo, pur con ulteriori elargizioni alla plebe e fastosi giochi circensi. L’Imperatore sterzò quindi repentinamente e cospicuamente in direzione delle tradizioni orientali, vale a dire in direzione di una struttura di principato assoluto, anticipando, in tal modo, il trend divenuto uso tra gli imperatori romani a partire dal II secolo della nostra era. Caligola si vide costretto, suo malgrado, ad eliminare diversi personaggi dei quali non si fidava più e che potevano, con il loro potere, carisma e/o denaro, eliminare lui stesso. Più che efferatezza, si può narrare di machiavellismo politico di questo giovane imperatore, in mezzo ai “navigati” Senatori. Fu questa la fase storica in cui Caligola decise di riprendere il progetto iniziato dal padre Germanico: l’invasione della Britannia. Nell’autunno del 39 Caligola partì per Mevania, nei pressi di Clitumno, per avviare la campagna militare contro i Britanni ed i Germani. Cornelio Lentulo Getulico era Legato della Germania Superiore dal 29. Disponeva di 4 legioni. Lucio Aprono, suocero di Getulico e Legato della Germania Inferiore dal 24, disponeva di 4 legioni. Altre 2 legioni erano in via di formazione. Nell’insieme, Getulico aveva ai suoi ordini diretti o indiretti 10 legioni. Getulico, per mantenere il consenso dei soldati, aveva blandito la disciplina e fatto molte concessioni. Era diventato un pericolo per l’Imperatore. In più, i Legionari avevano subito considerevoli scossoni interni negli ultimi tempi. Il 27 ottobre del 39 arrivò nell’Urbe la notizia della sentenza di morte per Getulico. La sua condanna venne collegata alla cospirazione di Lepido. Lepido fu tacciato di complotto ed assassinato dal tribuno Destro. Caligola aveva fugato un’infida ed insidiosa cospirazione politico-militare, giusto quando si approntava ad un’iniziativa di grande rilevanza storica: la citata invasione della Britannia. Rimpiazzò Getulico con Servio Sulpicio Galba, nella Germania Superiore, e nominò Publio Gabinio Secondo, nella Germania Inferiore. Entrambi erano dei valorosi generali. Galba sarebbe diventato imperatore. L’arrivo di Galba trasformò l’esercito e si diffuse il motto:”disce miles militare. Galba est, non Gaetulicus” (Impara soldato a militare. Ora c’è Galba, non Getulico). Caligola giunse a Lione, la capitale della Gallia e vi restò finchè Galba non riportò l’ordine sulla frontiera renana. Stando alle fonti, Caligola, all’apogeo del suo Principato (come già accennato), avrebbe voluto essere proclamato Dio. Per i detrattori si tratta di insania, ma per i più acuti osservatori si tratta di un astuto escamotage, volto ad accrescere il suo potere ed il suo carisma presso i popoli ellenistici, avvezzi da tempo a contemplare il loro sovrano come una divinità.
-
(40 d.c.)
Ai primi di gennaio del 40, il Divo Caligola fu Console per la terza volta, nondimeno rinunciò alla carica il 12 gennaio. Quindi andò in visita a Magonza, dove era di stanza Galba, nell’epicentro delle operazioni militari. Le lusinghiere, se pur non fondamentali vittorie militari di Galba, permisero a Caligola di muoversi a nord, in direzione del Canale della Manica, verosimilmente a Gesoriacum (Boulogne). Era il cuore dell’inverno, ovvero il tempo meno conveniente per attraversare La Manica con un esercito. Era d’obbligo attendere la più mite e più adatta primavera. Narra sardonicamente Svetonio che, invece di comandare l’invasione dell’isola britannica, l’Imperatore comandò ai suoi Legionari di calarsi nelle trasparenti acque di un fiume a raccogliere conchiglie, ma, verosimilmente, escogitò un astuto stratagemma per tenere occupati i nervosi soldati. Il buon senso, di fatto, lo fece desistere da un’impresa bellica non congruamente allestita. Notizie non positive giunsero dal settore orientale. Seppur parzialmente sconfitti, i Germani restavano una minaccia. Sarebbe stata una vera follia indebolire il contingente legionario sul confine renano. Giocoforza si doveva attendere il tepore primaverile. Nel marzo del 40, Caligola optò per il rinvio
dell’invasione della Britannia. In questo anno Caligola convocò a Roma Tolomeo (Sovrano del Regno Indipendente di Mauretania, sotto il controllo di Roma) sospettato di una cospirazione. Il padre di Tolomeo, Giuba II, aveva militato molto tempo con Getulico e, verosimilmente, l’ultimo monarca di Mauretania era rimasto implicato nella cospirazione getulichiana. Tolomeo fu recluso e giustiziato. La Mauretania fu immediatamente inglobata dall’Impero Romano. Il 31 agosto, dopo aver represso una sedizione in terra di Mauretania, Caligola fece il suo ingresso in Roma, acclamato dal popolo per mezzo di un’ovazione. I Senatori, nondimeno, proseguirono nell’ordire a danno del Divo Caligola. Occorsero attentati. L’Imperatore, suo malgrado, dovette varcare la soglia della Curia scortato da un Corpo di Guardia e a rimanere seduto su di uno scranno, posto in alto e ben controllato. Pure il numero delle Coorti Pretorie fu rafforzato: da 9 a 12. Caligola affidò la propria incolumità ad un Corpo Speciale, formato esclusivamente da Germani. Il 40 si concluse con diverse esecuzioni di complottatori contro la persona di Caligola.
-
(41 d.c.)
Il Divo Caligola morì assassinato in un’abietta e proditoria cospirazione di Pretoriani al comando di due Tribuni: il perfido Cassio Cherea ed il bieco Cornelio Sabino, il 24 gennaio del 41, dopo che, da poco, gli era stato rinnovato il Consolato. Il 17 gennaio del 41 ebbero inizio i ludi palatini, ovvero le feste augustali. Di fronte al palazzo imperiale fu approntato un teatro mobile. Gli spettatori erano diverse migliaia. Il sito molto angusto. Pressoché utopistico per i Germani, le guardie del corpo, controllare ed intervenire. Caligola arrivò in teatro, per assistere alla recita di un ditirambo (poesia lirica corale, in onore di Dionisio) da parte di alcuni giovani asiatici, quando questo era già stracolmo. Verso l’ora settima (l’una), secondo la sua abitudine, l’Imperatore si allontanò per fare un bagno ed un leggero pasto. Insieme a Caligola v’erano l’ambiguo zio Claudio, il cognato Marco Vinicio e l’amico Valerio Asiatico. I cospiratori ebbero successo nel far cambiare itinerario a Caligola, emarginandolo dalla scorta, che lo perse di vista. All’interno di un’angusta galleria, Caligola incontrò degli attori ed indugiò a conversare con questi. Quindi, improvvisamente, Cassio Cherea, Tribuno delle Coorti Pretorie, col pretesto di chiedergli la parola d’ordine, gli inferse alcune pugnalate tra il collo e la spalla. Caligola tentò di darsi alla fuga, ma Cornelio Sabino, altro Tribuno delle Coorti Pretorie, lo raggiunse e gli inferì altri colpi mortali, al petto. Gli unici ad avere una reazione furono i lettighieri. Al Princeps Caligola furono inferte non meno di trenta pugnalate. Cherea, non pago di aver ucciso Caligola, inviò lo squallido tribuno Lupo nel palazzo imperiale ad ammazzare l’inerme Cesonia, moglie dell’Imperatore, che venne trapassata da una spada. Quindi fu il sinistro turno della piccola, fragile, innocente Drusilla, figlia di Caligola, che venne crudelmente, brutalmente sfracellata contro una parete. Perché? Quando morì, Cajo Giulio Cesare Augusto Germanico, aveva 29 anni. Il suo Impero era durato tre anni, dieci mesi ed otto giorni. La salma di Caligola venne clandestinamente traslata nei Giardini Lamiani, sull’Esquilino, bruciata parzialmente su un fuoco rapidamente allestito e, quindi, tumulata sotto una manciata di umile terra. Fu Erode Agrippa, Fidus Achates di Caligola oltre la morte, che si adoperò per le effimere esequie. Roma rivisse il dramma delle Idi di Marzo, allorché venne proditoriamente trucidato il Divo Giulio Cesare “Il figlio più nobile di Roma”! I Consoli convocarono una seduta straordinaria del Senato che promulgò rapidamente un decreto in cui si attribuiva a Caligola un’infinita sequela di crimini da altri perpetrati, non ultimo dagli stessi Senatori. Nel frattempo il popolo, intimamente e sinceramente costernato per la morte dell’Imperatore, si assembrò nel Foro e chiese la pubblicazione dei nomi degli assassini. I Pretoriani si riunirono e stabilirono di eleggere Imperatore Claudio, lo zio di Caligola. Alcune fonti narrano, tuttavia, che nel momento in cui Caligola veniva trucidato, Claudio stava defilato dietro una tenda ad osservare. Alla seduta del Senato del giorno successivo, un centinaio di Senatori iniziò a dibattere su chi doveva succedere a Caligola. Erode Agrippa informò Claudio circa la divisione e la debolezza del Senato. Tutte le truppe presenti in Roma si unirono ai Pretoriani. Il popolo circondò il Senato invocando Claudio Imperatore. I Senatori capirono di aver perso la partita e, per salvarsi, trovarono subito due capri espiatori, ovvero stabilirono di condannare Cassio Cherea , il quale si suicidò, e Lupo. Cornelio Sabino si suicidò poco dopo. In 24 ore il colpo di stato del Senato era abortito.


"... e chiovi" di Flavia VIZZARI - ediz. del Poggio * AGGIUNGI AL CARRELLO






Artista Flavia Vizzari


Presidente Asas e delegata Regione Sicilia Onlus Mecenate
......
Sito Personale : http://artevizzari.altervista.org

avatar
Admin
Spicialista
Spicialista


http://linguasiciliana.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Saggio Storico - Caligola - di Montacchiesi

Messaggio  Admin il Lun 26 Ott 2009 - 7:11

Approfondimenti

“Oderint dum metuant” “Lasciate che mi odino, purché mi temano”!
Questa frase basterebbe già da sola per enfatizzare l’immane detrazione perpetrata per secoli ai danni del Divo Principe Caligola. Perché? Beh, intanto perché la traduzione è “aggiustata”, ovvero
quella esatta sarebbe, anzi è “Odino, purché temano”. Come si può facilmente evincere, la differenza è sostanziale. Nella traduzione “Odino, purché temano” il complemento oggetto, omesso,
è astratto e generico, ergo, non fa riferimento a nessuno, tuttavia la traduzione è esatta, ovvero letterale. Nella traduzione “Mi odino, purché mi temano”, il complemento oggetto è evidente e strettamente collegato all’oratore, ergo non è esatta, poiché aggiunge, arbitrariamente il complemento oggetto. Perché questa puntualizzazione? Perché questa frase, misusata (*) (*Mis-
=prefisso greco che indica un comportamento negativo, o simili) e misinterpretata, viene strumentalmente ed esclusivamente attribuita a Caligola, laddove veniva spesso usata, tra i tanti, dal suo predecessore Tiberio, inoltre, la frase fu coniata, secondo alcune fonti storiche, dal drammaturgo latino, il Pesarese Lucio Accio, nell’opera “Atreo”, più di un secolo prima della nascita di Caligola. Cosa vuo dire? Semplice! Che Caligola, ammesso che l’abbia usata, è semplicemente stato emulo di diversi personaggi prima di lui che la Storia non ha, per questo, né demonizzato né condannato! (Rammento che la frase gli è stata attribuita dal postero, ovvero dal “Ruffiano di Corte”, Svetonio, vero saltimbanco al soldo dei Principi del momento).
I Dotti Linguisti ben sanno quanto poco basta a stravolgere una frase, soprattutto quando si tratta di traduzioni e, soprattutto, se le traduzioni riguardano procedimenti da più lingue.
-
Caligola, ovvero la drammatica storia di un adolescente (oggi si parlerebbe di Telefono Azzurro, Assistente Sociale, Supporto Psicologico, ecc…), che il destino designa al Principato e che lo stesso destino obbliga ad assistere all’annichilamento, efferato e cruento, della propria famiglia, ad un’esistenza angosciosamente itinerante tra le crudeltà dei campi di battaglia, la casa della madre Agrippina, la casa della bisavola Livia Drusilla, la casa della nonna Atonia Minor, la reggia del tirannico Tiberio il quale, spostata la propria reggia a Capri, ha delegato pieni poteri a Seiano, carnefice della madre e dei fratelli di questo giovine Caligola. Nella splendida isola campana, per oltre un lustro, attentamente osservato dal crudele Tiberio, voglioso di designare alla successione il proprio nipote diretto Tiberio Gemello, Caligola si arrocca in una tattica difensivistica, al fine di non essere sopraffatto. Caligola usa il rispetto ed il buon viso nei confronti della guida imperiale. Approfondisce le proprie conoscenze dello Scetticismo e crea connubi politici (Erode Agrippa, Macrone, Silano, …), in un’ètra, dal punto di vista ambientalistico-paesaggistico, sicuramente eccelsa, ma, nondimeno, in un entourage permeato di complotti e melliflue lusinghe, là, dove ogni singolo motto può trasformarsi in capo di accusa, ovvero di condanna a morte. I racconti relativi a Caligola derivano da antichi Storici che furono così prevenuti nei suoi confronti, al punto che il mosaico della verità è, tuttora, pressoché utopistico da ricomporre! Alcune delle fonti: Fonti Ebraiche (Filone e Flavio), Fonti Latine (Velleio Patercolo, Seneca, Valerio Massimo, Plinio Il Vecchio, Tacito, Svetonio, Plinio Il Giovane, Giovenale,…), Fonti Greche (Dione Crisostomo, Plutarco, Dione Cassio,…). Tuttavia queste fonti sono spesso discordanti e contraddittorie, per cui è facile addivenire ad una diversa, seppur personale, interpretazione della Storia Romana e, soprattutto, della Dinastia Giulio-Claudia, in particolare, appunto, di Caligola, ovvero di un Imperatore che il Popolo diligeva, ma che il Senato esecrava al punto che, alla fine, fece ignobilmente e proditoriamente trucidare. Caligola, ovvero un intelletto superiore che agitò la massa e che gestì le briglie di un Impero sconfinato e complicato a causa della sua disomogeneità etnico-culturale e religiosa. Caligola fu un Imperatore che ammantò la sua immagine di un alone mistico. Caligola fu un Princeps pregno di glamour, un ingegno magno della politica e del diritto. Già prima della sua acclamazione ad Imperatore, scampò ad un attentato ordito dal luogotenente di Tiberio, Elio Seiano, il quale intendeva così subentrargli alla successione al trono. La sua insania-moria può essere assolutamente annullata, perché edificata, faziosamente, dagli interessi giudaici oggetto di vessazione, oppure dal camaleontismo politico di Seneca o, ancora, dagli ambigui Senatori, avendo, questi ultimi, perso il ruolo di ceto dominante. Più tardi ancora, dopo l’estinzione della Domus Giulio-Claudia, anche le successive dinastie imperiali, al fine di auto-celebrarsi, enfatizzarono, falsamente e subdolamente, l’insania-moria di Caligola. Le notizie sulla sua “presunta” pazzia sono tutte provenienti da fonti senatorie a lui ostili. L’ambiguità delle fonti fa comunque di Caligola il meno, oggettivamente, conosciuto di tutti gli imperatori della dinastia. Il problema delle fonti, nel caso di Caligola, è una questione molto complessa. “Le vite dei Cesari”, di Svetonio, sono lo scritto principale da cui è possibile trarre informazioni sul suo regno. Tuttavia, così come gli altri documenti a noi tramandati (ad esempio gli scritti di Dione Cocceiano), gli scritti di Svetonio tendono a focalizzare l’attenzione su aneddoti, piuttosto che su reali azioni, riguardanti la “presunta” crudeltà e la “supposta” instabilità mentale di Caligola, tanto che alcuni storici moderni hanno espresso dubbi sull’attendibilità di questi resoconti. Si trattava di un personaggio molto popolare tra la gente romana, ma politicamente avverso alla classe sociale ed al ceto dal quale provenivano gli storiografi. Purtroppo non è giunta a noi la parte su Caligola degli “Annales” di Tacito, lo storico del periodo generalmente ritenuto più rigoroso. Questa parte degli “Annales” è andata perduta. C’è stato del dolo o è stato un caso? L’analisi della follia, giusta le conoscenze scientifiche del tempo, evidenzia che Caligola non pronunciava frasi prive di significato né si lasciava andare a comportamenti singolari, anzi, era particolarmente “dialettico” e coerente in ciascuna delle sue esternazioni. Altresì era particolarmente sagace ed astuto da approntare pianificazioni operative e breve e a lungo termine, tipo la NEOTEROPOIIA(*) e l’EKTHEOSIS(*), peculiari di un intelletto eccelso, grande e liberale. Invero, non soltanto non è alienato o eteroclito nei suoi modi di fare, bensì è spesso e contraddittoriamente identificato, dal Pantheon storiografico dell’epoca, financo dagli avversari, come un ingegno superno. Molti documenti informativi di quel periodo sono unisoni nell’enfatizzare la sagacia mentale, la magnificenza del suo operato, la soggettiva ars inveniendi e la dirompente energia della sua ars disserendi, particolarmente nel genus iudiciale, al punto di poterlo definire “perfetto”, giusta i canoni ciceroniani dell’”orator”, poiché “piano nel provare, temperato nel dilettare e veemente nel persuadere”. Sulla scorta dell’ingenium, ecumenicamente consacrato, si è evinto il suo studio sistematico del “sublime”, peculiare di un adolescente strutturato giusta “anomalia” (Peri Ypsos) ed indirizzato verso l’”adrepebolon” (sublime ingegno), suaso di essere in grado di produrre una palingenesi globale, con l’ausilio di inusitati schemi politici: NEOTEROPOIIA(*), in quanto applicazione di una riformatrice struttura politica ed EKTHEOSIS(*), in quanto inusitata formula della divinità imperiale. Si tratta delle morfologie più importanti del suo principato, che obliterano completamente gli schemi ambigui di Res Publica e di Principatus, solo verbalmente in simbiosi, ma, in effetti, già annullati.
E’ nel periodo iniziale del principato, storicamente riconosciuto come il più florido di tutte le epoche (bios kronicos/vita saturnia) ed in quello immediatamente a posteriori della sua infermità, proprio allorché gli Storici iniziano a fare riferimenti ad un Caligola ut monstrum, ergo, non più Princeps, che si evince il fasto intellettuale del progetto compendiato nella NEOTEROPOIIA(*),
malgrado il terebrante merore causato dalla prematura dipartita della sorella Drusilla, malgrado le cospirazioni dei Consoli, di Getulico, dell’ingrato cognato Lepido, delle altre sorelle (invidiose e gelose di Drusilla). La NEOTEROPOIIA, ovvero questa sua politica riformatrice ed eversiva del vecchio sistema, sarà un semplice e dovuto, intelligente escamotage per gestire il potere in Roma e nel mondo, ovvero laddove era stata deficitaria l’impronta autorevole di un Imperatore che, come Tiberio, in luogo di governare, aveva delegato le sorti dell’Impero a Seiano prima e a Macrone poi, esautorando, di fatto, Senato ed Equites.
(*) NEOTEROPOIIA, ovvero politica riformatrice ed eversiva degli antichi stereotipi, il suo desiderio di porsi alla guida diretta dell’Impero, non come Tiberio che aveva deputato Seiano prima e Macrone poi. Corrobora e perfeziona il precedente, fragile ed approssimativo sistema burocratico di Tiberio: allestisce ministeri, la cui gestione delega a forze nuove e fresche, di umile provenienza. Indebolisce il potere dei “grassi” Senatori, ovvero di quei Senatori che sempre avevano ordito a scapito degli Imperatori e che tanto denaro pubblico avevano dilapidato nelle varie province dell’Impero. Caligola fu fautore di banchetti faraonici, al fine di accattivarsi l’appoggio di molti potenti. Realizzò opere imponenti.
(*) EKTHEOSIS, ovvero l’autocomparazione con Zeus. Forte e perspicace, Caligola trasformò l’assunto di EKTHEOSIS, nella dinamo della sua immagine. Fu sua intenzione collocare la propria statua all’interno del Tempio di Gerusalemme, pur nella consapevolezza delle frizioni che ciò
avrebbe creato con la cultura giudaica. Soltanto il Maestro Erode Agrippa lo fece abdicare dal progetto. Ormai il suo potere era sconfinato e ciò sarebbe divenuta la causa del suo scellerato assassinio. Nel periodo della malattia, Caligola ebbe modo di verificare la falsità e la corruzione della sua corte, la quale, credendolo più malleabile, iniziò ad accostarsi a Tiberio Gemello e a vagheggiarlo quale immediato successore. Caligola quindi, quasi imitando in questo il suo predecessore Tiberio, palesò la sua intenzione di trasferire la capitale ad Alessandria d’Egitto, ma fu trucidato il giorno prima del suo traferimento. Furono soprattutto i Giudei Ellenisti (commercianti) a definirlo “pazzo”, poiché la politica di Caligola nel Mediterraneo e nel Medio Oriente, avrebbe inficiato non poco i loro interessi a vantaggio di Roma. La tradizione narra che, per molto tempo, lo spirito di Caligola rimase a vagare inquieto sull’Esquilino, dove era stato frettolosamente sepolto dall’amico Erode Agrippa, nipote di Erode il Grande. L’”impostazione sublime” di Caligola, al di là dei riverberi sulla società immediatamente posteriore e sulla struttura politica dell’Impero, implica, nel 16° secolo, un’ermeneutica erasmiana di Insania Moria, un empirismo lirico e, successivamente, il revisionismo di Burke e di Kant, la cultura idealistica, l’intuizionismo decadente di Bergson, fino al Super-Uomo di Nietzsche.
-


"... e chiovi" di Flavia VIZZARI - ediz. del Poggio * AGGIUNGI AL CARRELLO






Artista Flavia Vizzari


Presidente Asas e delegata Regione Sicilia Onlus Mecenate
......
Sito Personale : http://artevizzari.altervista.org

avatar
Admin
Spicialista
Spicialista


http://linguasiciliana.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Saggio Storico - Caligola - di Montacchiesi

Messaggio  Admin il Lun 26 Ott 2009 - 7:12

Seneca

Lucia Anneo Seneca (5 a.c.-65 d.c.).
Seneca nacque a Cordova (Spagna), in un contesto politico e socio-culturale permeato di filo-repubblicanismo e di anti-imperialismo. Tale contesto ebbe degli effetti coattamente univoci sulla formazione del giovane Seneca. Va ricordato che, ai tempi della guerra civile, Cordova si era apertamente dichiarata “Pompeiana”, ovvero “Repubblicana”. E’ arcinoto che Seneca fece carriera incensando gli ottimati del momento e detraendo i precedenti. La sua attendibilità, di conseguenza, è molto scarsa. Seneca ebbe tra i suoi Maestri: Papirio Fabiano (della Scuola dei Sestii), lo Stoico Attalo, il Neopitagorico Sozione (dal quale venne imbevuto di sobrietà e di austerità, elementi, questi, già mutuati pesantemente dalla madre). La Scuola dei Sestii fu, di fatto, una setta, che postulava un’etica integralista ed un asfissiante ascetismo psicologico e fisico (profonda e continua autoanalisi ed alimentazione a base esclusiva di vegetali). La domanda sorge spontanea: “Come poté uno Stoico, come poté un Asceta conciliarsi con la vita, con i fasti, con le gozzoviglie, con
i baccanali ed i saturnali di Corte?” E’ una contraddizione in termini, almeno in apparenza. Seneca seguì un suo Cursus Honorum, tra le cui tappe va ricordata la Questura, preambolo all’ingresso in Senato (31-32 d.c.), in quel Senato corrotto che tanto avverserà la Dinastia Giulio-Claudia, sui cui “dorati libri-paga” Seneca, a lungo e pinguemente, risulterà. Un antico, popolare ed anonimo aforisma latino, recitava così:” Senatores boni viri, Senatus mala bestia” “I Senatori sono buoni uomini, il Senato è una cattiva bestia”! E’ patente la sardonica amarezza del Popolo Romano circa la corruzione del Senato. E’ d’uopo ricordare un altro aforisma, ancora più antico: “Vox populi, vox Dei” (Bibbia, Isaia, 66-6). Se questo postulato vale in addebito a Caligola…

(considerando che la documentazione a suo carico è relativamente scarsa e strumentalizzata, ovvero si parla di Caligola, come già ripetutamente accennato, su basi di tradizione orale)

…perché non dovrebbe valere in addebito a Seneca, al Senato, a Svetonio, etc…?

Seneca incontrò l’avversione di Caligola, prima, e di Claudio, poi. Ma se la vita di Corte era tanto ributtante, corrotta, perversa, pericolosa, degenerata…perché insistette tanto a “corteggiarla”, ovvero a non evitarla??? Salus populi suprema lex??? Alchimie da filosofi!!! A tal proposito, non si può non pensare al lirico neoteroo Gaio Valerio Catullo, quando nel suo Liber, carme 85, elegiacamente recitava: “Odi et amo. Quare id faciam, fortasse requiris ! Nescio, sed fieri sentio et excrucior ! » “Ti odio e ti amo! Perché, tu forse mi chiedi!? Non lo so, ma so che è così e ne sono torturato!” Ovviamente il distico era diretto all’amata-odiata Lesbia, ma, per analogia, lo si può indirizzare al sentimento di odio-amore che Seneca nutriva per il potere!

Messalina…

(la tradizione storica la tratteggia come femmina vanagloriosa, lussuriosa, libidinosa e priva di ogni freno morale) (bella gente frequentava il nostro Pubblico Ministero Seneca)

…, moglie di Claudio, lo rese proprio, cosciente e lucido complice nel processo di adulterio contro Giulia Livilla, sorella del defunto Caligola e nipote di Claudio. Claudio, per questo, lo esiliò in Corsica, dove rimase dal 41 al 49. Seneca mal tollerò questo esilio, in netta contraddizione con i suoi ideali stoici. Ergo, come si può dar credito ad un uomo che filosofeggia sui mali altrui, ma dimostra grande fragilità per quel che concerne i suoi? Ben diceva quindi, allorché citava la sua insigne frase” Aliena vitia in oculis habemus, a tergo nostra sunt” “Abbiamo negli occhi i difetti degli altri, ma i nostri ci sono dietro”. Seneca soleva ripetere questa frase quando intratteneva i “Solone” dell’epoca, i quali, sulla scorta di cognizioni meramente empiriche, pretendevano di parafrasare giudizi ed opinioni in qualsiasi campo. Evidentemente, tuttavia, Seneca dissimulava umiltà dicendo “…i nostri…”. In realtà lui se ne sentiva esente. Tra le numerose opere, scrisse una “Consolatio ad Polybium”, ovvero al potente liberto dell’Imperatore Claudio. Il pretesto era quello di consolare Polibio per la perdita dell’amato fratello, ma la nefanda ed incoerente verità occulta risiedeva nella sua strisciante istanza di intercessione presso Claudio. In effetti, morta Messalina ed
in virtù anche della faziosa e spregiudicata diplomazia di Agrippina Minore…

(Una donna ambiziosa, dominatrice, di mesmerizzante bellezza. Ordì un attentato contro suo fratello, l’Imperatore Caligola. Nel 42 d.c. sposò, in seconde nozze, il facoltoso Gaio Passièno Crispo, che più tardi fece avvelenare per ereditarne i cospicui beni. Nel 49 d.c. sposò lo zio Claudio, cioè l’Imperatore. Fu uno scandalo, ma fu immediatamente promulgata una legge che regolarizzava questa unione. Successivamente fece avvelenare anche Il Divo Claudio, di cui divenne “flaminica” post-mortem, ovvero “sacerdotessa”, la massima sacerdotessa dello Stato Romano. La tradizione storica ascrive a Seneca un coinvolgimento in questo crimine. Al fine di offuscare i sospetti, Seneca scrisse un discorso laudativo pro-Claudio, che il novello Principe Nerone pronunziò in Senato. Agrippina riuscì anche ad ottenere, dal Senato, lo status di Principe-Donna, ovvero di “Imperatrice”, carica mai riconosciuta ad una donna. Seneca, che precedentemente anatemizzò Caligola per simili motivi, “Stoicamente” approvò. Agrippina fu uccisa nel 59 d.c. dai sicari del figlio Nerone e Seneca, da versato voltagabbana, si affrettò a pronunciare in Senato un’invettiva di accusa contro la defunta, “contennenda” Agrippina)

…, seconda moglie dell’Imperatore, nel 49 Seneca tornò a Roma. Già complice di Messalina contro Giulia Livilla, diventava ora complice di Agrippina per favorire l’ascesa al trono del figlio di questa: Nerone!

(Se Nerone, che arbitrariamente ed unilateralmente assolvo come Caligola, ha delle colpe, quanto è quindi grande la responsabilità storica di Seneca?).

Il legittimo erede era Britannico, figlio di Claudio e di Messalina, che fu eliminato. Nel 54 Claudio morì avvelenato (da chi?..Seneca, Agrippina…?) ed il dodicenne Nerone salì al trono, sotto la “guida” di Seneca, il quale, insieme al Prefetto del Pretorio Afranio Burro, governò, di fatto, le sorti dell’Impero. Ma su quali basi, se non quelle della calunnia, del tradimento, del complotto, dell’omicidio…? SENECA E’ STATO UN UOMO DI POTERE CHE SI E’ SCONTRATO CON ALTRI UOMINI DI POTERE!!! Anni dopo Seneca venne messo in cattiva luce…

(Così recita la tradizione storica, ma se Seneca è una vittima, perché i Claudii sono tutti pazzi e carnefici? Non va dimenticato che la Storia, pur consacrando Ottaviano Augusto quale Pater Patriae, lo condanna, tuttavia, poiché la Pax Augustea era basata sull’oscurantismo nei confronti degli iconoclasti del potere)

…presso Nerone. Seneca fu accusato di ammassare ricchezze ed il suo carisma sull’Imperatore naufragò. Seneca, nel 62 d.c., si ritirò quindi a vita privata e, da consumato “pedofilo”, sposò la giovanissima Paolina, in spregio allo Stoicismo del Maestro Attalo ed alla mortificazione della carne postulata dal Neopitagorismo del Maestro Sozione. Nel 65, sospettato (Perché la Storia condanna Caligola senza prove e fa di Seneca un martire, in quanto semplicemente sospettato?) di far parte della congiura dei Pisoni, ricevette l’ordine di suicidarsi. Seneca pose fine alla sua incoerente e contraddittoria esistenza con il poco nobile atto del suicidio, ammantandolo, tuttavia, dell’alone sublime, quasi orfico, dell’ideale stoico, di quell’ideale stoico che, nondimeno, si fonda su un monismo naturalistico e razionalistico, ovvero su un ideale di saggezza, a cui si approda conducendo un’esistenza secondo natura, vale a dire accogliendo con indifferenza (apatia) e paziente sopportazione l’ineluttabilità della legge del Lògos, la quale gestisce ogni vicenda umana. Ma allora, Caligola, Claudio, Nerone, non erano soggetti anch’essi, benché Imperatori, a questa legge universale? Ed allora, perché condannarli ed auto-assolversi? Ergo, perché tentare disperatamente, affannosamente, di alterare l’ineluttabilità della legge, di quella legge che il Lògos aveva stabilito per Nerone nella sua umana singolarità e del mondo intero a lui asservito, nella sua generalità!?
-
Una critica oggettiva sull’uomo Seneca si presenta alquanto scabrosa se non, addirittura, utopistica.
Se da una parte si resta ferventemente estasiati per il suo magistero mentale, per i suoi immensi valori antropologici ed ontologici, dall’altra si può enfatizzare la sua eccessiva indulgenza, fino al supinismo, nei confronti del potere. Altresì si resta sbigottiti dalla sua vanità, ovvero dal suo amore viscerale per il denaro e per gli onori. In definitiva, si arguisce un’incolmabile voragine tra le sue astrazioni stoiche e la pragmatica delle loro applicazioni. Inconfutabilmente, quella di Seneca, può essere annoverata tra le icone storico-culturali più topiche del mondo antico. Epigono della “Nuova Stoà”, di cui Panezio fu edificatore, Seneca ha introdotto, nella cultura stoica, lo stigma indelebile del suo temperamento, perpetuamente oscillante tra la negatività più estrema e la positività più acuta, ovvero l’istanza (giammai concretizzata) di estollersi, come tetragona ipostasi del sòfo stoico, al di là della negatività e della positività, al fine di egemonizzare gli eventi. Onde l’idiosincrasia tra due trend antitetici: l’uno che anelerebbe approdare all’umanitarismo e l’altro che anelerebbe, eteroclitamente, approdare all’Aristocraticismo. Parimenti controversa fu in Seneca anche la perplessità tra un razionalismo, che precludeva all’essere umano ogni possibilità mistica, ed un irrazionalismo che, con angoscioso ed irrefrenabile impulso, vergeva verso un rigoroso ascetismo.
Le sue crude e rigide pronunziazioni nei confronti della vita fisica e delle sue manifestazioni, definite “ peso e condanna dell’animo” sono l’evidenza dell’ascetismo albergante in lui come anelito, al punto di rendere verosimile la voce storica di una sua riflessione circa la conversione al Cristianesimo, a posteriori di scambi epistolari con San Paolo. Motivo in più per entrare in conflitto con il potere imperiale!? Dal punto di vista dialettico-filosofico la congettura sembra non reggere, poiché la teleologia del Cristianesimo consiste nella salvezza dell’anima, mentre lo Stoicismo ricerca la serenità dello spirito. Nondimeno, nel teorema etico dello Stoicismo senecano compare un elemento inusitato, ovvero un misticismo che anelerebbe ad intridere di sé il razionalismo, ma, non riuscendo ad individuare un comune punto di riferimento, si trascina poi in continue incongruenze, stereotipi di qualsiasi filosofia in crisi. In crisi non era soltanto l’uomo-filosofo Seneca, ma l’intera società romana del tempo. Ed un uomo in preda a siffatta crisi, come può enunciare giudizi storici oggettivi, soprattutto in merito a Caligola, ergo non tanto giudizi in quanto conseguenze delle azioni di Caligola, ma in quanto conseguenze del funambolismo psicologico e dialettico del Grande Filosofo! Ad enfatizzare il vassallaggio politico di Seneca, si può citare una delle sue innumerevoli opere: “Ludus de morte Claudii, o Apocolocynthosis”. Quest’opera fu scritta dopo la morte di Claudio, ovvero durante il Principato di Nerone, al quale, Claudio, era particolarmente inviso! Usando un’espressione latina, Seneca escogitò una “Captatio benevolentiae”! Quest’opera, una satira menippea, è amara e sferzante nei confronti di Claudio, la cui ombra, dopo aver postulato indarno di essere cooptata tra gli Dei, è, per contro, scagliata negli Inferi, su delibera del Consiglio Celeste! Il titolo “Assunzione fra le zucche”, è la patente e sardonica antifona di un’apoteosi al contrario! Seneca era un anemoscopio egro di allotropia politica, ergo come fidarsi delle sue speculazioni sulla Dinastia Giulio-Claudia in generale e su Caligola in particolare?

Svetonio

Svetonio Tranquillo (70 d.c.-140 d.c., circa), originario della provincia d’Africa o, forse, del Latium Vetus. Nacque agli inizi del Principato di Vespasiano. Cavaliere, ovvero rampollo di una ricca famiglia di ceto equestre (Classe equiparata al Senato). Agli epigoni di questo ceto era riservata la carriera di “Soldato”, che Svetonio, con “nobile coraggio”, ricusò. Fece ricorso allo stesso “nobile coraggio” in più occasioni e, tra queste, quando affondò la lama della detrazione a carico del quondam Caligola. Retorico, giurista ed avvocato, in virtù del “lenocinio” dell’amico Plinio Il Giovane (*), ricoprì importanti cariche pubbliche già sotto Trajano(**) (che gli conferì lo “ius trium liberiorum” un cospicuo sussidio elargito per meriti o istanze straordinari) e, poi, sotto Adriano (***), con il quale instaurò relazioni molto serrate. Alla corte di Adriano approdò grazie agli uffici nepotistici del Pretorio Setticio Claro, intimo amico di Plinio Il Giovane. Setticio Claro assunse poi Svetonio sotto la propria ala protettiva, estendendola fin dopo la morte del comune amico Plinio. Svetonio divenne capo del dipartimento della corrispondenza imperiale, ovvero”Magister epistolarum”. Ciò gli permise di avere adito agli scritti più riservati conservati negli archivi dell’Impero (decreti, senatus consulta, trascrizioni degli atti ufficiali del Senato, etc…). Già, ma considerato l’accesso esclusivo alla “riservatezza” di quei documenti, credo sia lecito chiedersi: “Che uso ne fece? Li lesse e li interpretò oggettivamente? Etc…”-Legato, come già enunciato, a Plinio Il Giovane da grande amicizia, lo seguì in Bitinia quando questi ne divenne Governatore e/o ne fu, comunque, corrispondente. I dati biografici su Svetonio sono scarsi e, per lo più, di origine incerta. La maggior parte di essi, comunque, provengono dallo stesso Svetonio e/o dal suo amico Plinio Il Giovane e, quindi, sono faziosi e non oggettivi. L’ultimo di questi, tuttavia, concerne la sua esautorazione da parte di Adriano nel 121/122. Le ragioni di questa esautorazione furono torbide o, forse, semplicemente dovute alla morte di Plinio, ergo del suo “protettore”! Alcune fonti parlano anche di una smisurata “confidenza” con l’Imperatrice Sabina, nonché della débàcle politica del suo “Pigmalione” Setticio Claro. Per sopravvivere, quindi, si mise a scrivere biografie degli Imperatori, enfatizzando i lati aneddotici e scandalistici. Nondimeno, Svetonio attinse sovente a sorgenti informative non olografe e, tra queste, documenti demagogico-propagandistici o, ancor peggio, libellistici. Fece altresì ricorso a numerose relazioni orali, ovvero a testimonianze estremamente “plastiche”, al fine di rendere ancor più sapida la linfa che permeava gli aneddoti e le curiosità relative ai personaggi, a detrimento di un’oggettiva narrazione delle loro azioni reali. Svetonio, che trascurò dolosamente le fonti ufficiali di Tacito…

(di cui non condivideva le idee che, forse, erano semplicemente “scomode”. Il non condividere le idee può essere filosoficamente accettabile, ma può essere altresì sintomatico della relatività delle proprie idee, ergo può implicare la non categoricità dei giudizi nei confronti di terzi. San Tommaso D’Aquino, a tal proposito, recitava: “Adequatio rei et intellectus” “Adeguamento dell’oggetto con l’intelletto”)

…, indulse molto, forse eccessivamente, sul pettegolezzo, sullo scandalo (come già citato), su dettagli della vita più intima degli Imperatori. Più che “letterarie”, le biografie redatte da Svetonio possono essere considerate “politiche”! Molti Storiografi vedono in ciò un grande neo, sia nella personalità sia nella letteratura di Svetonio. Ed allora: quale vittima sacrificale migliore di Caligola!? Caligola (che non ha mai conosciuto di persona) era morto e non poteva più nuocere, in più, parafrasando doverosamente l’aulico e moraleggiante drammaturgo francese Philippe Nèricault (alias: Destouches): “Gli assenti hanno sempre torto!”-Tra i suoi tanti errori, Svetonio ne commise uno, analogamente a Seneca che, in perpetua contraddizione con sé stesso, ovvero “predicando bene e razzolando male”, asseriva: “Audiatur et altera pars. Qui statuit aliquid, parte inaudita altera, aequum licet statuerit, haud aequus fuit.”-“Chi ha sancito qualcosa senza aver ascoltato entrambe le parti, per quanto equa possa essere stata la sua decisione, non è stato equo!” (Seneca, Medea, II, 2.v. 199-200). Questo principio, tra l’altro, era contemplato dal Diritto Romano. Svetonio, per contro, a Trajano, all’apogeo del suo splendore e della sua potenza, intessé un incensatorio panegirico. Inoltre, Trajano “pagava”! Si potrebbe asserire, senza tema di smentita, che se Svetonio fosse stato coevo di Caligola, avrebbe incensato anche lui, in spregio a tutte le detrazioni da lui proferite e vergate post-mortem. E bravo Svetonio, mellifluo, giullaresco, prezzolato LANZICHENECCHO di Corte!!! Tra le sue opere principali: De viris illustribus, De vita Caesarum. Per quel che concerne “De viris illustribus”, va ricordato che molte opere a lui attribuite, non trovano riscontro da parte di molti moderni studiosi. Questo dato è importante perché, se da un lato Svetonio può essere considerato un ignobile detrattore, dall’altro (anche per quel che concerne “De vita Caesarum”) vengono ascritte a lui delle considerazioni verosimilmente “apocrife”e, quindi, ancor meno attendibili. Molti altri frammenti, ascritti a Svetonio, non sono stati ancora ufficialmente riconosciuti dagli Storiografi, ergo la sua attendibilità è sempre più vacillante proprio, ed anche perché, non tutto ciò che gli è stato attribuito è suo. Inoltre Svetonio non si preoccupò, sovente, di espletare una verifica esegetica delle fonti. La data della morte di Svetonio, come quella della sua nascita, è incerta: forse il 126 d.c., forse il 140 d.c.

(*) Plinio Il Giovane
Como, 61 d.c.-Nicomedia, 113 d.c. Scrittore latino e senatore romano. Rampollo di una ricchissima famiglia di rango equestre. Ancora bambino perse il padre e, nel 83 d.c., anche la madre. Ereditò così l’intero, immenso patrimonio di famiglia. Essendo ancora minore, venne affidato per due anni alla tutela di Virginio Rufo, uomo politico e generale romano, personaggio di provata integrità morale, che fu inconfutabile paradigma di lealtà e devozione allo Stato ( comportamento opinabile, in quanto scevro di dialettica democratica). Virginio Rufo represse una sedizione eversiva ai danni di Nerone. Se la storia condanna (ingiustamente) Nerone, come si può assolvere il suo paladino, ovvero colui che ne salvò il Principato, che divenne poi maestro di Plinio, uno dei principali accusatori ex-post di Caligola? Virginio Rufo, morto Nerone, durante la guerra civile del 68-69, rifiutò per ben tre volte l’acclamazione ad Imperatore da parte delle sue truppe. Fulgido esempio di attaccamento allo Stato, a quello Stato che in quel momemento avrebbe avuto bisogno del suo apporto pragmatico e non meramente dialettico. Il teorema si fa complessamente inestricabile!!! Plinio compì i suoi studi a Roma, presso la scuola di Quintiliano. (Quintiliano seguì, da discente, le lezioni di Seneca, per cui il suo pensiero fu permeato di “Anti-Caligolismo”, che trasmise a Plinio. Il primo grande mecenate di Quintiliano fu l’Imperatore Galba, nel cui Principato esercitò l’Avvocatura. Successivamente, in quanto Maestro di Retorica, l’Imperatore Vespasiano gli riconobbe un appannaggio annuale di 100.000 sesterzi, a fronte della sua prima cattedra. Quintiliano formò il futuro “ceto dirigente”. Da Domiziano, poi, quale ricompensa per l’educazione dei propri nipoti, ricevette gli “ornamenta consularia”, vale a dire il “consolato”! Ergo: come poteva parlar male di Galba, prima, e dei Flavii, poi ???). Plinio, grazie alle sue immense possibilità economiche, “comprò”, ovvero percorse rapidamente l’intero Cursus Honorum. Divenne Tribuno della Plebe e, in breve, fece il suo ingresso in Senato. Sotto Trajano divenne Soprindentente al Tesoro, divenne Console Supplente e poi Console. Di fronte al Senato pronunciò il “Panegirico a Trajano” (Suo benefattore. Ma perché questi “Illustri Letterati Latini” incensano gli Imperatori “generosi” e demonizzano quelli che non riconoscono loro privilegi? Ergo, un Imperatore è grande o piccolo solo in virtù della generosità espressa nei confronti di questi individui e non per i suoi reali meriti o demeriti!?). Questo panegirico, tuttavia, venne successivamente, da terzi, rivisitato e revisionato, a testimonianza, semmai ce ne fosse bisogno, della labilità e dell’incertezza dei documenti ufficialmente ritenuti “storici”e/o, comunque, del pensiero umano. Correva l’anno 105 d.c. quando Plinio ottenne la carica di “Curator”, ovvero di magistrato del Tevere e della Cloaca Maxima. Non fu soltanto alle sue indiscusse capacità, ma anche e soprattutto alla sua ricchezza ed alle sue aderenze con gli ottimati del momento, che il suo Cursus Honorum fu, come già detto, rapido e sfolgorante. Divenne, tra l’altro, Prefetto dell’Erario di Saturno, vale a dire Cassiere dell’Impero. Infine, volgendo al termine la sua esistenza, gli fu affidato il Governatorato di Bitinia. Molte delle sue lettere sono tuttora ritenute un artificio letterario, altre reali. Tra queste ultime ve ne sono molte che riguardano postulazioni di “raccomandazioni”! Ed ancora, tra queste, vi sono molte epistole che riguardano i Cristiani, vale a dire che attraverso queste rese edotto il Principe Trajano, che gli aveva ordinato la repressione dei Cristiani stessi (ma perché Nerone è un demonio e questi due “compagni di merende” no?). In queste epistole Plinio manifestò all’Imperatore le proprie incertezze sul come eliminare i Cristiani e non ne prese mai la tutela, come invece fatto da Tertulliano. Plinio fu l’apologeta della causa dei Romani. Per Plinio esisteva soltanto la potestà dell’Imperatore (come già detto: del suo benefattore). Plinio vide nei “dissidenti” Cristiani un grave pericolo per l’Impero, da reprimere ed esorcizzare a tutti i costi. Plinio auspicò il trionfo del politeismo. Plinio fu, comunque, responsabile della gestione dei processi e delle procedure di polizia contro i Cristiani. Questi elementi, tuttavia, vengono vergognosamente dissimulati dalla storiografia tradizionale. Plinio faceva interrogare più volte i Cristiani i quali, estenuati, terrorizzati, alla fine confessavano, ma venivano egualmente condannati a morte, senza che venisse data loro la possibilità di difendersi. Plinio dimostrò grande spessore (con successiva, grande eco) proprio nella persecuzione dei Cristiani (forte con i deboli e debole con i forti). In una delle sue lettere a Trajano, spiegò di avere realizzato la politica di condannare chi, denunciato in quanto Cristiano, persisteva nel professare ancora per tre volte la propria fede, pur sotto la terrizione della pena capitale. Questo serviva, secondo lui, ad indebolire la Inflexlibils Obstinatio. Trajano, dal canto suo, gli confermava di portare davanti al tribunale e di punirli, coloro i quali non abiuravano la fede cristiana. Plinio, compiaciuto dalla benevolenza del proprio Princeps, scatenò il sarcasmo di Tertulliano (Apologeticum II, 8: O sententiam necessitate confusam! Negat inquirendos ut innocentes, et mandat puniendos ut nocentes…Si damnas, cur non et inquiris ? Si non inquiris, cur non absolvis ?). Tertulliano pose in rilievo il fatto che i Cristiani, seppur innocenti, dovevano essere tradotti in tribunale e, se ricusavano l’apostasia, dovevano essere condannati in quanto colpevoli. Plinio ordinò la venerazione delle immagini degli Dei e l’offerta di sacrifici all’Imperatore. Plinio raccomandò ai successivi Principi, di seguire le tracce di Trajano, al fine di mantenere l’armonia con il Senato e con il Ceto Equestre, ovvero con i beneficiati. Ed il Popolo??? La più importante sorgente di informazioni biografiche relative a Plinio, come pure quella relativa ai vari aspetti della società dell’epoca, ci derivano dal suo stesso epistolario. Negli incarichi ufficiali Plinio dimostrò sempre una patentemente scarsa attitudine decisionale, inoltrando assidue istanze comportamentali, anche al cospetto di banali problematiche. Sulla scorta di ciò, come si può pensare a valutazioni oggettive e non faziose di questo uomo così debole, volubile e prono al potere? La critica lo ha spesso tratteggiato come “narcisista”, la qual cosa deve far riflettere!

(**) Trajano
Marco Ulpio Traiano nasce ad Italica (Spagna) il 18-09-53 d.c. Durante il suo Principato l’Impero Romano realizzò la propria, maggiore, egemonia politico-territoriale. Il padre, da cui prese il medesimo nome, fu un Senatore di spicco della sua epoca. Elemento, questo, molto importante per la futura ascesa al Principato di Traiano e per la conservazione ed il consolidamento dello stesso. Traiano fu molto “soft” nei rapporti con il Senato, sebbene…
Traiano iniziò la propria carriera tra le fila dell’Esercito Romano, come libera scelta. Elemento importante per ventilare libere ipotesi sulla psicologia del soggetto. Nel 96 d.c., tra l’altro, rivestì la carica di Governatore in Germania, sul Reno, in una delle aree più “agitate” dell’Impero. Agli ordini dell’Imperatore Domiziano partecipò alle cruentissime guerre contro i Popoli Germanici.
Più tardi, divenuto Imperatore, condannò contraddittoriamente la politica di Domiziano, che aveva “servito”. Nella primavera del 97 d.c. venne “adottato” dall’Imperatore Nerva. Vedasi come è labile e contingente il concetto di “diritto di successione al trono”. Una volta divenuto Imperatore sostituì alcuni uomini “infidi”, ovvero non fedeli al predecessore e “Pigmalione” Nerva. Altresì fece giustiziare molti Pretoriani che si erano rivoltati a Nerva. Strana gente i “Pretoriani”! Quando massacrano Caligola e la sua famiglia, sono “eroi”, quando si rivoltano a Nerva, sono dei fedifraghi sediziosi. Traiano affrancò molta gente imprigionata “iniquamente” da Domiziano, al cui soldo, rammento, egli era stato. Se Domiziano era un assassino, perché prestare servizio al suo soldo ( contribuendo, di fatto, ai suoi crimini) e non, invece, ritirarsi a vita “bucolicamente” privata? Plinio (vedasi: Plinio il Giovane), suo amico e Senatore, gli intessé un diuturno panegirico in Senato, postulando nondimeno, nello stesso contesto, maggiori privilegi per il Senato che Traiano, lusingato, accettò. Tuttavia Traiano, di schiatta senatoria, ergo ben conoscendo i Senatori, istituì il Consilium Principis, al fine di controllare la corruzione dei Senatori nelle Province. Molti furono i Senatori inquisiti, ma il Senato fu particolarmente indulgente nei confronti dei propri membri corrotti. Certo, Traiano non poteva essere dappertutto e, soprattutto, sapere tutto. Ma ciò non è un altro elemento a favore di Caligola, esulcerato contro il Senato? La grande differenza tra i due sta nel fatto che Caligola esautorò, di fatto, il corrotto Senato, mentre Traiano, forse proprio in virtù di questa esperienza storica, cercò di “spartire la torta” e di chiudere un occhio, se non entrambi. Lo storico Dione Cassio (lo stesso che travisò anche i meriti che Svetonio riconosceva a Caligola e, se dobbiamo dargli credito contro Caligola, gliene dobbiamo anche per quanto segue) riporta che Traiano era solito darsi all’ubriachezza più sfrenata e ad intrattenere rapporti sessuali “androgini”, ovvero omo-eterosessuali. Di Traiano, fino ad oggi, si è detto, sostanzialmente, soltanto bene, sorvolando su certi aspetti, tacitamente accettati come peccati veniali, anche perché la maggior parte dei “critici” erano suoi intimi amici. Lo stato di ebbrezza non è di durata effimera, ovvero non dura pochi secondi, ergo, quante decisioni avrà preso Traiano in questo stato di “incoscienza”? Quante vite umane saranno dipese dal suo delirio dionisiaco? Dando credito a Dione Cassio, si deve dedurre che le sorti dell’Impero Romano, ma soprattutto le vite di tanti popoli confinanti, furono nelle mani di un depravato ubriacone. Oggi, l’art. 688 del Codice Penale recita: “Chiunque, in luogo pubblico o aperto al pubblico, è colto in stato di manifesta ubriachezza, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da…a…La pena è dell’arresto da tre a sei mesi se il fatto è commesso da chi ha già riportato una condanna per delitto non colposo contro la vita o l’incolumità individuale (c.p. 575-584). La pena è aumentata (c.p.) se l’ubriachezza è abituale.” Per quanto riguarda il Codice della Strada, questo invece recita: “La guida in stato di ebbrezza è sanzionata dall’art. 186. E’ un reato di competenza del Tribunale. Con il nuovo decreto-legge n. 125 del 23 maggio 2008, n.92, convertito in legge n. 125 del 24 luglio 2008, le sanzioni sono ancora più severe e vanno da un minimo di e. 500,oo ad un massimo di e. 6.000,oo/la sospensione della patente va da un minimo di tre mesi ad un massimo di due anni/l’arresto fino ad un anno.” Se oggi un individuo che risulta positivo all’etilometro, pur non avendo commesso reati aggiuntivi o incidenti stradali, viene messo alla gogna, come può questa stessa società farsi vanto di aver avuto questo “Grande” Imperatore e continuare ad intessergli panegirici così mellifluamente incensatori? Per quanto riguarda l’attività sessuale, rammento che Caligola è stato definito “depravato” per i rapporti incestuosi con le sorelle. Beh, dov’è la differenza in fatto di “depravazione”? La vita sessuale è sicuramente un affare privato e ciò dovrebbe rimanere, ma se la “pubblica condanna” vale per Caligola, perché non dovrebbe valere anche per Traiano? Oppure dal punto di vista ipocritamente etico, c’è differenza tra incesto ed omosessualità? Di esempi se ne potrebbero fare molti, ma cito soltanto un nome (sarebbe un altro tema da trattare): Oscar Wilde. Il Grande Letterato fu perseguitato e stroncato per la sua omosessualità. Chiedo sempre: -Pensate se il grande cardio-chirurgo che vi deve salvare la vita è omosessuale! Che fate, non vi fate operare? Ed allora, un minimo di coerenza. Io non condanno Traiano per questo, ma ritengo che non si possano usare due pesi e due misure, in questo caso a danno di Caligola. Inoltre:-Chi erano gli amici “maschi” delle ibride partouze? Chissà, forse proprio i suoi “panegiristi”, ma, ahimé, non lo sapremo mai. Una cosa è certa, ovvero che le loro frequentazioni erano assidue, ergo…L’intera vita coniugale di Traiano fu monogama, un’aberrazione ai costumi di quei tempi. Ma sarebbe lecito dunque pensare che il matrimonio fosse soltanto la copertura per un uomo che, considerata la sua posizione politico-sociale, non si poteva permettere un’aperta e dichiarata omosessualità? Quali nefasti, universali influssi avrebbe avuto ciò sullo spirito “guerriero” di Roma? Nell’Urbe Traiano fece edificare un grandissimo Foro, tale da superare, in magnificenza e costi, tutti quelli già esistenti messi insieme. Tra i vari edifici e monumenti, fece erigere la Colonna Traiana, simbolo dell’efferata e cruenta conquista militare della Dacia. Manifestazioni della propria vanità, della propria megalomania e della ricerca del consolidamento del proprio carisma sul popolo, che tanto amava questi fenomeni. I problemi economici di Roma furono affrontati e dipanati in virtù di una serie di campagne militari di conquista. (Strano come la storia condanni i Condottieri perdenti ed esalti quelli vincenti. Sempre di guerre di conquista, ovvero di usurpazione dei diritti dei popoli, si tratta, indipendentemente dal successo o dal fallimento dell’impresa. Se oggi uno Stato-vedi storia recente: Cina/Tibet, Russia/Georgia e tanti altri-tenta la conquista di un altro Stato, si ritrova subito la condanna di tutta la comunità internazionale politicamente avversa. Ergo, perché celebrare l’apologia di Traiano il Conquistatore? E cosa ne pensarono i Daci all’epoca e cosa ne pensano i loro discendenti oggi? Qual è la loro interpretazione della storia? L’elevata tassazione interna, i dissesti finanziari ed economici dell’Impero furono quindi risolti con nefande conquiste, calpestando ogni diritto dei popoli, al fine di procacciare l’oro e l’argento indispensabili per ripianare l’enorme buco deficitario esistente, non ultimo causato proprio dalle “megalomanie” edilizie di Traiano. Oggi ammiriamo dei monumenti stupendi, ma quale ne è stato il prezzo? A tal proposito vale la pena citare (ma molti sono gli esempi che si potrebbero enunciare) Papa Innocenzo X, che nel 1600 fece abbellire Piazza Navona, a Roma, dai più grandi architetti dell’epoca, costruendovi al centro la “Fontana dei fiumi”, del Bernini. Il popolo di Roma censurò tutte le spese fatte pro-opere d’arte, poiché il Pontefice le finanziava facendo lievitare cospicuamente le tasse sul pane e sulla carne. La statua parlante di Pasquino, che era dislocata vicino alla piazza, si fece ambasciatrice del popolo. De facto sulla schiena di Pasquino venivano attaccati dei cartelli con denunce anonime, del tipo: “Altro che guglie e fontane, pane, volemo, pane, pane, pane!” Ed allora, se Innocenzo X era da condannare, perché non lo è, tuttora, Traiano? Innocenzo X aumentava le tasse al popolo per compiacere la propria vanità, mentre Traiano usurpava i diritti di altri popoli. Forse l’ipocrisia consiste nel fatto che i Daci, ad esempio, non erano parrte integrante del popolo romano? La conquista delle nuove terre procacciò, tra l’altro, un grande afflusso di schiavi a Roma e la possibilità di infiltrare coloni fuori dai confini nazionali. Un uomo che usurpa i diritti altrui e che traduce in catene a Roma masse di uomini un tempo liberi, destinati alla schiavitù o a morire come gladiatori nelle arene, è veramente da considerare “Divo”? E’ veramente degno di panegirici? Decebalo, Re dei Daci, capitolò per risparmiare ulteriori orrori al suo popolo. Molte furono le tribù che si rivoltarono a Traiano. Come mai, se era tanto buono? E se Caligola è stato un assassino, come dovremmo definire un tale conquistatore, mosso dalla vanità, dall’esigenza di ricchezza ed altro, senza tener conto delle vite umane. A conti fatti, chi avrà ammazzato più esseri umani: Caligola o Traiano? Le notizie storiche narrano di 13 legioni utilizzate per asservire inderogabilmente la Dacia, ovvero un’area geografica ricchissima di oro, di argento, di ferro, di sale. Proprio la Colonna Traiana ci narra del massacro, storicamente sublimando l’olocausto dei Legionari Romani. Ma questi, non erano i carnefici? Ed i Daci, non erano i martiri? I Daci stavano a casa loro ed i Romani erano gli invasori! In quelle aree Traiano fece lastricare strade (comunicazioni e rifornimenti), fece scavare pozzi e costruire cisterne (acqua per l’Esercito), fece costruire fortificazioni…ma tutto questo non veniva fatto con lo spirito della civilizzazione degli indigeni, che non lo avevano chiesto, bensì come esigenza propria nella pianificazione della conquista e della depredazione. Intere foreste vennero disboscate per la costruzione di barche e ponti. Cosa si direbbe oggi a tal proposito, laddove si organizzano crociate contro questo fenomeno? Per quanto riguarda il rapporto con il Cristianesimo (vedi Plinio il Giovane), Traiano ordinò a Plinio, suo Longa Manus, di perseguitare e giustiziare tutti i Cristiani, qualora non avessero abiurato la propria fede. Perché la Storia dissimula e fa passare in secondo piano questo aspetto così altamente drammatico del Principato di Traiano e condanna incondizionatamente le persecuzioni ordinate da Nerone? Forse perché Traiano portò tanti soldi a Roma ed alla greppia fece partecipare tutti? Traiano depose il Re dell’Armenia e fagocitò quei territori. Poi conquistò la fertile Babilonia. In Giudea ed in Cirenaica scoppiarono delle cruentissime rivolte (Ma perché? Ah, questi Giudei…) che Traiano fece sedare nell’orripilanza del sangue. La repressione da lui ordinata fu orrenda! I Generali comandati a ciò, perpetrarono dei veri e propri stermini di massa. Gli Ebrei che scamparono al massacro trovarono rifugio nel cuore dell’Africa. Perché Ramesse II (Esodo), Sargon II (1-a deportazione asssira) e Nabuccodonosor (2-a deportazione babilonese) sono dipinti come criminali e Traiano no? Alchimie storiche!?

(***) Adriano Publio Elio Traiano
Adriano nacque ad Italica (Spagna), il 27 gennaio del 76 d.c. I suoi genitori morirono nell’anno 85-86 d.c. Adriano aveva, quindi, circa dieci anni. Venne adottato da Traiano, che non aveva prole. Traiano divenne, a tutti gli effettti, il suo tutore. La moglie di Traiano, Plotina, ebbe un ruolo cospicuo nell’ascesa del cursus honorum del figlio adottivo Adriano. Plotina, inoltre, indossò le vesti di “paraninfa” ed organizzò magistralmente il matrimonio di Adriano con una parente di Traiano: Vibia Sabina. Il matrimonio corroborò ulteriormente i legami tra Adriano e gli ambienti del Potere, in virtù, soprattutto, delle eccezionali relazioni con la madre di Vibia Sabina: Matidia. Sul piano strettamente coniugale, questo matrimonio si rivelò un totale insuccesso. Non appena l’Imperatore Nerva designò Traiano quale suo successore, il cursus honorum di Adriano subì una brusca accelerazione. Tuttavia Adriano, contrariamente a Traiano, non fu mai presentato in Senato per ”l’investitura” ufficiale a “figlio adottivo”. Un’opinabile tradizione storica narra che, presumibilmente, la sua ascesa al potere derivò da una designazione fatta da Traiano soltanto in punto di morte. Nondimeno si tramanda anche che il tutto fosse stato organizzato dal deus-ex-machina Plotina, di concerto con Attiano, Prefetto del Pretorio. L’affare venne concluso con la ratifica dell’Esercito, ergo con l’aclamazione di Adriano. Il Senato ebbe notizia della questione soltanto e direttamente da Adriano, il quale affermò di non aver potuto derogare al volere degli ambienti militari. Il Senato si affrettò ad unirsi all’acclamazione. Inutile dire quali e quanti vantaggi il Senato e l’Esercito ottennero da questa acclamazione. L’ascesa di Adriano comportò, tuttavia, l’eliminazione fisica dei precipui, possibili pretendenti al trono. A conti fatti, si può facilmente evincere che l’ascesa al trono di Adriano non fu onesta, limpida e cristallina, ma basata sulla corruzione e sull’intrigo di corte. Come abbiamo visto il Senato e l’Esercito parteciparono alla spartizione e gli avversari politici furono eliminati fisicamente. Non c’è che dire. Adriano, per quanto rivolse gran parte del suo Principato all’amministrazione dell’Impero, fu anche lui un conquistatore, seppur in maniera ridotta. Conquistò, infatti, la fascia che si trova a nord dell’Inghilterra e a sud della Scozia. Anche lui, quindi, usurpò i diritti dei popoli. Per quanto riguarda il Cristianesimo, ricusò le condanne sulle false accuse o sui semplici sospetti, tuttavia ne avallò la condanna sulla base di accuse certe. Nell’anno 132 d.c. deflagrò la terza guerra giudaica ed Adriano ordinò un suo, personale “Olocausto ante litteram”. Vennero trucidati circa 600.000 Ebrei (Ma perché solo Caligola viene definito assassino? Già questa cifra dovrebbe bastare a far rivisitare certe definizioni.) ed un vastissimo numero di città e villaggi furono devastati, incendiati e rasi al suolo. Adriano fu uno dei fautori della Diaspora, vietò l’uso del calendario ebraico, la lettura della Torah e condannò a morte i Dotti della Torah. Nel Tempio fu allestita la pira dei Rotoli Sacri. Aelia Capitolina divenne il nuovo nome di Gerusalemme e gli Ebrei non vi ebbero più accesso. Apollodoro di Damasco, architetto ufficiale dell’Impero, venne fatto fisicamente eliminare da Adriano. Adriano era convinto di essere anch’egli un grande architetto e, un po’ l’invidia, un po’ la disistima di Apollodoro nei suoi confronti, scatenarono in lui un grande risentimento. E’ ben nota la tresca amorosa di Adriano con Antinoo, giovane Greco. (Ripeto quanto espresso in “**Traiano”: se Caligola, a fronte dei suoi rapporti incestuosi con le sorelle, viene definito “depravato” dalla Storia, che dire di Traiano prima e di Adriano poi? Fermo restando che la vita sessuale è una questione privata.) Antinoo morì in circostanze misteriose, in Egitto e molte tradizioni storiche insinuano che il mandante sia stato proprio Adriano, spinto dalla gelosia, ovvero dal fatto che Antinoo, sembra, si fosse innamorato di un altro “giovinetto”. Adriano, ufficialmente costernato dalla morte del giovane amante, fece costruire (soldi pubblici) una nuova città: Antinopoli. Fece divinizzare Antinoo, al quale dedicò un tempio. Adriano associò Antinoo ad Osiride. Non pago, continuò per anni a far erigere statue in onore del suo defunto amore. Si noti bene che Caligola fece cose analoghe per la madre Agrippina e per la sorella Drusilla e venne considerato scelleratamente prodigo e pazzo!

Dione Cassio Cocceiano

Dione Cassio Cocceiano (Nicea 155-Nicea 235 circa), proveniente dalla Bitinia, un padre senatore.
Trattando di Caligola, che mai conobbe (ci sono circa 150 anni di differenza), Dione travisò addirittura gli eventi che Svetonio pose a merito dell’ex Imperatore. Fu Consul Suffectus sotto Settimio Severo, per il quale parteggiò e del qual divenne, a tratti, inscindibile Alter Ego.
Nel 229 d.c., Alessandro Severo lo associò al proprio Consolato, il che causò l’indignazione dei Pretoriani, i quali, soprattutto a causa del suo eccessivo integralismo, ne chiesero la testa.
Ma i Pretoriani furono saggi ed onesti quando trucidarono Caligola e folli e disonesti quando chiesero la testa di Cocceiano? Tuttavia, va valutato soprattutto il personaggio di cui Cocceiano, sotto molti aspetti, fu complice o, quanto meno, di cui avallò la politica: Settimio Severo!
Settimio Severo regnò dal 193 d.c. al 211 d.c. Quando Pertinace venne trucidato nel 193 d.c., i Legionari acclamarono Imperatore Settimio Severo il quale fece immediatamente ritorno nella Penisola Italica. In Siria, nondimeno, altri Legionari acclamarono Pescennio Nigro ed altri Legionari, in Britannia, acclamarono Clodio Albino. Infine, un altro Presidio di Legionari, acclamò
Didio Giuliano. Grazie ad una cruentissima guerra, Settimio Severo eliminò tutti i pretendenti al trono. Le relazioni tra il nuovo Principe ed il Senato furono sempre pessime. Settimio Severo ingiunse la condanna a morte di un vasto numero di Senatori, tacciati di corruzione e di cospirazione ai suoi danni. (Cocceiano diffamò spesso Caligola, anche e soprattutto, per i rapporti che questi aveva con il Senato di allora). Durante la campagna di Mesopotamia, Settimio Severo diede ordine di saccheggiarne e distruggerne la capitale Ctesifonte. I superstiti furono venduti come schiavi. Settimio Severo introdusse a Roma la dittatura militare. Al rientro dalla vittoria sui Parti si fece erigere un Arco di Trionfo, ancora esistente. (Perché Caligola, secondo Cocceiano, a causa delle sue megalomanie edilizie era folle e dissipatore e Settimio Severo, che gli rese grandi onori e grandi ricchezze, no?)-Settimio Severo ebbe uno spirito guerriero a ricercò gli allori per mezzo delle campagne militari. Il sostegno all’Esercito ed i privilegi ai suoi componenti, comportarono delle spese continue e cospicue. Ai figli consigliò sempre di preoccuparsi della soddisfazione dell’Esercito, elemento, questo, indispensabile per governare, al contrario del consenso popolare, non indispensabile. La sua imperiale Res Privata approdò ad un regime assolutistico. Il Principato di Settimio Severo fu un paradigma, per quel che concerne la persecuzione dei Cristiani. Consentì all’applicazione delle leggi vigenti. I suoi funzionari, in rispetto delle citate leggi, agirono molto violentemente contro i Cristiani. Tebaide, Africa, Alessandria, Oriente, Madaura, Numidia, Mauritania, Gallia : in questi luoghi le persecuzioni raggiunsero l’apogeo del martirio. Tuttavia, dopo la sua morte, Settimio Severo fu divinizzato. Dione Cassio Cocceiano, detrattore post-mortem di Caligola, fu il suo prezzolato, fedele “vassallo”!
-
“Audacter calumniare, sempre aliquid haeret!”
“Calunnia senza timore, qualcosa rimane sempre attaccato!”
da:
“Quomodo adulator ab amico internoscatur, 65d”
“Plutarco”


"... e chiovi" di Flavia VIZZARI - ediz. del Poggio * AGGIUNGI AL CARRELLO






Artista Flavia Vizzari


Presidente Asas e delegata Regione Sicilia Onlus Mecenate
......
Sito Personale : http://artevizzari.altervista.org

avatar
Admin
Spicialista
Spicialista


http://linguasiciliana.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Saggio Storico - Caligola - di Montacchiesi

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum