Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» ROMA IN 9 TAPPE
Mar 24 Ott 2017 - 10:16 Da ninnetta

» LU ME' SICILIANU
Ven 20 Ott 2017 - 10:37 Da Flavia Vizzari

» Antologia poetica letteraria a cura di Giuseppe La Delfa In omaggio a L. Pirandello
Mer 11 Ott 2017 - 16:42 Da Flavia Vizzari

» Gualtiero G. Canu
Mer 11 Ott 2017 - 16:41 Da Flavia Vizzari

» LE POESIE DI DON RAFFAELE APRILE
Sab 30 Set 2017 - 16:54 Da Giuseppe La Delfa

» Antologia poetica letteraria a cura di Giuseppe La Delfa In omaggio a L. Pirandello
Dom 24 Set 2017 - 20:44 Da Giuseppe La Delfa

» NUOVI SUCCESSI DI PIPPO
Dom 24 Set 2017 - 20:28 Da Giuseppe La Delfa

» Premio Buttitta di Favara
Ven 1 Set 2017 - 9:45 Da Flavia Vizzari

» Poeti veri e poeti falsi
Dom 30 Lug 2017 - 20:31 Da Flavia Vizzari

» Un artista inizia ad essere tale ...
Dom 30 Lug 2017 - 20:22 Da Flavia Vizzari

» Premio Carrà-Tricali a Lentini (Sr)
Gio 20 Lug 2017 - 18:00 Da Giuseppe La Delfa

» Premio Renato Guttuso 2017
Gio 20 Lug 2017 - 17:54 Da Giuseppe La Delfa

» PREMIO NAZIONALE DI POESIA ASAS
Gio 25 Mag 2017 - 1:08 Da Flavia Vizzari

» INNO DELL'A.S.A.S.
Gio 25 Mag 2017 - 0:52 Da Flavia Vizzari

» ARTEINCENTRO "messinaweb.eu"
Mar 16 Mag 2017 - 15:49 Da Flavia Vizzari

» Premio di Poesia, Narrativa e Teatro “Memorial Giovanni Leone” – I valori della famiglia - 1^ Edizione
Gio 11 Mag 2017 - 17:35 Da carmy77

» Poesia e recensione per Giovanni Fontana di Castellammare del Golfo
Sab 22 Apr 2017 - 20:16 Da Giuseppe La Delfa

» IL MAGGIO DEI LIBRI dell'ASAS 2017
Sab 22 Apr 2017 - 8:24 Da Flavia Vizzari

» LUIGI TERRANOVA
Sab 22 Apr 2017 - 8:19 Da Flavia Vizzari

» RENATO DI PANE: BIOGRAFIA E NOTIZIE
Lun 3 Apr 2017 - 11:56 Da Flavia Vizzari

» Premio Letterario Nazionale “L’ANFORA DI CALLIOPE”
Lun 3 Apr 2017 - 9:14 Da Flavia Vizzari

» Tempo
Lun 3 Apr 2017 - 9:11 Da Flavia Vizzari

» Premio RENATO GUTTUSO
Mer 29 Mar 2017 - 16:49 Da Flavia Vizzari

» Benvenuto Pino
Mer 29 Mar 2017 - 16:47 Da Flavia Vizzari

» GRAMMATICA SISTEMATICA di Arturo Messina - Sr
Mer 29 Mar 2017 - 9:22 Da Giuseppe La Delfa

» recensione avuta nel 2008 e dimenticata
Mer 29 Mar 2017 - 9:10 Da Giuseppe La Delfa

» Mons. Giovanni Accolla, ordinazione episcopale
Dom 26 Feb 2017 - 22:43 Da Giuseppe La Delfa

» Il potere salvifico della poesia di Giovanni Albano 
Mer 11 Gen 2017 - 1:47 Da Flavia Vizzari

» Presentazione Silloge di S. Gaglio (IV Premio Asas 2016)
Sab 7 Gen 2017 - 18:54 Da Flavia Vizzari

» PREMIO POESIA A.S.A.S.
Sab 7 Gen 2017 - 18:53 Da Flavia Vizzari

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Novembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

Calendario Calendario

Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  

Conserva e condivide l’indirizzo di Il Forum della Lingua siciliana sul tuo sito sociale bookmarking

Conserva e condividi l'indirizzo di FORUM - SEMINARIO di ARTE e POESIA - LINGUA SICILIANA sul tuo sito sociale bookmarking

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



Santi Correnti

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Santi Correnti

Messaggio  Flavia Vizzari il Mer 18 Giu 2008 - 8:13

Santi Correnti (Riposto, 1924) è uno storico italiano.

Si è dedicato prevalentemente alla Storia della Sicilia, che ha diffuso attraverso le sue 99 opere storiografiche. È stato professore alla Normale di Pisa, direttore dell'Istituto Siciliano di Cultura Regionale e della Rivista Storica Siciliana. Inoltre, è stato professore dal 1970 al 1996 presso l'università di Catania, dove ha creato la cattedra in Storia della Sicilia.

Wikipedia
avatar
Flavia Vizzari
Spicialista
Spicialista


http://blog.libero.it/Artevizzari/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Santi Correnti

Messaggio  Flavia Vizzari il Mer 18 Giu 2008 - 8:19

IL PREMIO AITNEN ASSEGNATO ALLO STORICO SANTI CORRENTI

Il suo nome è legato, da oltre quarant'anni, a libri, grazie ai quali ha sempre offerto ai lettori "un quadro della Sicilia tra i più completi e interessanti scritti finora", che egli ha voluto scrivere e pubblicare per “la valorizzazione morale” della terra natia.

La settima edizione del Premio "Aitnen", riconoscimento che negli anni precedenti è stato conferito, tra gli altri, anche allo scrittore Salvatore Camilleri, al pittore Vittorio Ribaudo e all'attore Leo Gullotta, è stato assegnato, nel corso di un’apposita cerimonia che s’è svolta a Catania nella sede dell’Accademia Federiciana, allo storico e scrittore siciliano Santi Correnti.

Istituito con lo scopo precipuo "di premiare un siciliano che più d’ogni altro ha legato la sua professione al rapporto ‘intimo’ e forte con la sua isola", il premio è attribuito annualmente, promosso dall’istituzione culturale catanese sopraccitata, a un personaggio che, nato in Sicilia, si è distinto nel suo ambito operativo a livello nazionale e internazionale. Il nome di Correnti è legato, da oltre quarant'anni, a pubblicazioni, grazie alle quali ha sempre offerto ai lettori "un quadro della Sicilia tra i più completi e interessanti scritti finora", che egli ha voluto scrivere e pubblicare per “la valorizzazione morale” della terra natia. Dal 1953 ad oggi egli, già docente di Storia moderna nell'Università di Catania (Magistero), dove nel 1970 ha istituito la prima cattedra italiana di Storia della Sicilia, ha pubblicato ben 94 libri.

La giuria, composta da personalità del mondo culturale isolano, ha ritenuto di assegnargli il riconoscimento per l'opera "Guida insolita ai misteri, ai segreti, alle leggende e alle curiosità della Sicilia (edito da Newton & Compton editori) e più ampiamente per la totalità di una produzione saggistica, unicamente basata su fatti acclarati e documentati", d'incisiva espressività e contraddistinta "da una scrittura scorrevole e immediata che ha un’efficace presa sul lettore". Nato a Riposto (Catania) nel 1924, Correnti, che dal 1964 dirige la "Rivista storica siciliana", ha conseguito molti premi regionali e nazionali. I membri della giuria sono arrivati alla scelta del vincitore dopo un'attenta selezione dei 24 candidati proposti.

http://www.siciliano.it/news.cfm?id=1650
avatar
Flavia Vizzari
Spicialista
Spicialista


http://blog.libero.it/Artevizzari/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Santi Correnti

Messaggio  Flavia Vizzari il Mer 18 Giu 2008 - 8:31

........a Catania della terza edizione del Premio Santi Correnti organizzato dall’Associazione Culturale “L’Elefantino”



Sicuramente uno dei pochi casi, se non l’unico, in cui un Premio è intitolato ad una persona vivente. Ci riferiamo al Premio “Santi Correnti” giunto quest’anno alla terza edizione, istituito dall’Associazione Culturale catanese “L’Elefantino” proprio per onorare il grande storico della Sicilia, direttore dell’Istituto Siciliano di Cultura Regionale e della Rivista Storica Siciliana. E lui, ultra ottuagenario, non poteva mancare a questa bella festa di Sicilia e di siciliani che si distinguono e ottengono brillanti risultati nel campo umanitario, artistico e scientifico.

In prima fila con l’inseparabile coppola, che alzava e sbandierava ogniqualvolta era chiamato in causa, il professore non ha lesinato citazioni e perle della sua saggezza duettando più volte con la giornalista Stefania Bonifacio, madrina della serata nonché presidente inesauribile dell’associazione “L’Elefantino”. Il Premio Santi Correnti è appunto organizzato dall’associazione in collaborazione con l’Università degli Studi di Catania, la Provincia Regionale, il Comitato Provinciale dell’Unicef e da quest’anno con il Fondo Siciliano per la Natura. Teatro della cerimonia, svoltasi l’8 giugno, l’Aula Magna della Facoltà d’Ingegneria di Catania.
avatar
Flavia Vizzari
Spicialista
Spicialista


http://blog.libero.it/Artevizzari/

Tornare in alto Andare in basso

Santi Correnti

Messaggio  Giuseppe La Delfa il Sab 16 Ago 2008 - 15:00

Parlare di un grande letterato in vita non è facile si può cadere nel tranello di fare un apologia dell'autore,ma mi limiterò a sottolineare il lato umano del professore Santi Correnti. Lo conosco dal 1975 e fin da quella dalla data è stato con me prodigo di consigli , disponibile a regalarmi una recensione per il mio primo libro di proverbi siciliani tradotto in 4 lingue con considerazioni di carattere filosofico, ma per mia negligenza rimandai di decine di anni questo onore e privilegio. Solo alle soglie del 3° Millennio ,nonostante lo frequentassi di rado , ho concretizzato in ritardo, stavolta per mia esplicita richiesta e colmare un vuoto di circa 30 anni di vera amicizia e collaborazione . Con una pazienza certosina e bontà d'animo coadiuvato dalla dolce moglie, il 4-FEBBRAIO DEL 2004 MI HA CONSEGNATO LA RECENSIONE DEL MIO PENULTIMO LIBRO "Tipi Siciliani". Adesso nel silenzio della sua casa il mio amico di sempre soffre la mancanza del suo amore e noi che l'amiamo con tutto il cuore gli siamo vicini con la preghiera . Pippo La Delfa














dott. Giuseppe La Delfa -  Laureato in Scienze della Comunicazione -
- Laurea magistrale specialistica in Scienze cognitive e Psicologia -


Socio Accademia Internazionale Pen Club Milano.
   ......    
Siti web:  

http://giufino.altervista.org - www.giuseppeladelfa.jimdo.com
avatar
Giuseppe La Delfa
Canuscituri
Canuscituri


http://giufino.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Santi Correnti

Messaggio  Ospite il Gio 28 Mag 2009 - 0:23

Leggendo alcuni messaggi,mi sono resa conto che tanti,come me, han dovuto parlare in italiano dentro casa perchè sennò avrebbero avuto problemi a scuola ( questa era la scusante). Ma non vedevo l'ora di scendere in cortile e "scialarmi" a parlare in dialetto...che,ad onor del vero, non conoscevo molto bene, ma mi adeguavo. Ogni tanto rimanevo basita e attendevo spiegazioni. Poi sono arrivata al Magistero,correva l'anno 1976 e mi sono iscritta alla facoltà di Lingue e letterature straniere e ho avuto l'onore di studiare con un grande uomo quale il Prof. Santi Correnti che mi ha fatto amare la mia Sicilia,ma soprattutto mi ha fatto conoscere un mondo a me straniero. Così ti rendi conto di essere vissuta in una terra meravigliosa e di aver calpestato e toccato luoghi madidi di sapere.Daltronde quando in tv si parla della Sicilia è solo per trasmettere bollettini di morte,stragi e mafia. Ma i Siciliani sono anche altro e di questo ne dobbiamo andare fieri. Io vivo al Nord ormai da 30 anni, da quando vinsi un concorso nel 1979 e per svariate ragioni, tra cui 4 figli, non sono più ritornata. Ma il cuore batte ancora da Sicula e,quando riesco, mi piace venire a respirare un pò d'aria nostra. Ovviamente in casa parlo Siciliano anche con mio marito che è bolognese e i miei figli.Ogni tanto qualcosa mi scappa anche in ufficio. Tutto ciò sempre grazie aL mio Prof. di Storia della Sicilia. Mi raccomando non scordiamoci chi siamo stati e insegniamolo anche ai nostri figli. Un abbraccio virtuale Salvatrice da Rimini

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Santi Correnti

Messaggio  Antonino Magrì il Gio 28 Mag 2009 - 0:47

Salvatrice, grazie della tua toccante testimonianza, Santi Correnti ha infiammato il cuore a molti di noi ed è grazie a lui se conosciamo meglio la nostra terra e la nostra storia. Egli ci ha donato la consapevolezza delle nostre origini risvegliando in noi l'orgoglio di essere siciliani. Si, grazie alle conoscenze che lui ci ha donato sappiamo che noi siciliani possiamo sempre e ovunque camminare a testa alta fieri della grandezza del nostro popolo, che non è secondo a nessuno!




Antonino Magrì

 .......

Sito :  http://www.siciliachiamamondo.it

avatar
Antonino Magrì
affiziunatu
affiziunatu


http://www.siciliachiamamondo.it

Tornare in alto Andare in basso

Santi Correnti

Messaggio  Giuseppe La Delfa il Dom 21 Giu 2009 - 0:12

Conosco il Chiarissimo Prof. Santi Correnti dagli anni 70, periodo in cui inziai la ricerca dei proverbi siciliani dalla viva voce dei nostri contadini . Lui stesso si propose di farmi una recensione , ma la mia distrazione mi portò a trascurare tale prospettiva prestigiosa , nondimenno, successivamente mi citò nel suo libro dei proverbi . Recentemente ho colmato questa lacuna e il generoso professore mi ha donato una sua recensione sui "Tipi Siciliani "libro di mia produzione . Come non si può non essere riconoscente ad un uomo simile, letterato , intellettuale e persona affabile che ama visceralmente la Sicilia e i suoi abitanti. PIPPO king jocolor santa


dott. Giuseppe La Delfa -  Laureato in Scienze della Comunicazione -
- Laurea magistrale specialistica in Scienze cognitive e Psicologia -


Socio Accademia Internazionale Pen Club Milano.
   ......    
Siti web:  

http://giufino.altervista.org - www.giuseppeladelfa.jimdo.com
avatar
Giuseppe La Delfa
Canuscituri
Canuscituri


http://giufino.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Santi Correnti

Messaggio  giò il Dom 21 Giu 2009 - 12:23

Hai ragione, Salvatrice.
Ci hanno fatto vergognare di essere siciliani.
Ancora ieri (quasi), Cilindro Montanelli affermava: “Siamo costretti ad accordare ai siciliani la qualifica di italiani”.
Mentre, durante il “glorioso risorgimento”, si scriveva:

“L’intero popolo del mezzogiorno assume i connotati del delinquente atavico”. (Cesare Lombroso)

“La razza maledetta, che popola tutta la Sardegna e la Sicilia e il mezzogiorno d’Italia dovrebbe essere trattata ugualmente col ferro e col fuoco, dannata alla morte come le razze inferiori dell’Africa, dell’Australia...” (Alfredo Niceforo)

Ma prima dell’unificazione, i pareri erano diametralmente opposti:

“In tutta la storia dell’umanità nessun paese e nessun popolo hanno lottato così strenuamente per la loro emancipazione quanto la Sicilia e i siciliani...Quasi dai giorni in cui Polifemo passeggiava nei dintorni dell’Etna e Cerere insegnava ai siculi come si coltiva il grano, fino ai giorni nostri la Sicilia è stata teatro di invasioni e di guerre continue e di resistenza incrollabile... Le prime luci avevano appena cominciato a diffondersi sulle tenebre medievali e già i siciliani, con la forza delle armi, si erano conquistati non solo le numerose libertà municipali, ma anche dei rudimenti di governo costituzionale, quale allora non esisteva in nessun altro paese del mondo. Prima di ogni altra nazione i siciliani fissarono mediante votazione il reddito dei loro governi e dei loro sovrani. In tal modo il suolo siciliano è sempre stato fatale agli oppressori e agli invasori e i Vespri Siciliani sono stati immortalati nella storia...”
Karl Marx, New York Daily, 17 maggio 1860

Claude Duvoisin, console svizzero
“nel secolo precedente, il Meridione d’Italia rappresentò un vero e proprio eden per tanti Svizzeri, che vi emigrarono, spinti soprattutto da ragioni economiche, oltre che dalla bellezza dei luoghi e dalla qualità di vita. Luogo di principale attrazione: Napoli, verso cui, ad ondate, tanti Svizzeri, soprattutto Svizzeri tedeschi di tutte le estrazioni sociali emigrarono con diversi obiettivi personali. Verso la metà dell’Ottocento, nella capitale del Regno delle due Sicilie quella svizzera era tra le più numerose comunità estere” .

Io non sono napoletano, ma ciò che “mi napoletaneggia in cor”, adesso, è che “ccà nisciuno è fesso”.
Noi siciliani, come ogni altro popolo d’Italia, ci siamo battuti contro il Borbone per ottenere la Costituzione (anche al nord ci furono le rivolte antisavoia, e successe in Francia qualche anno prima ed in Russia qualche anno dopo), ma è un fatto che il Regno delle due Sicilie fosse lo stato più ricco di tutti gli altri stati messi insieme, e che, con l’unificazione, la situazione peggiorò.
Santi Correnti è un grande siciliano che ama la Sicilia, e che della Sicilia ha scritto tantissimo.
Ma la Sicilia ha ancora bisogno di lui, che dovrebbe adesso tener conto di ciò che viene alla luce dalle ricerche storiche e dai documenti adesso liberamente consultabili.
E che fanno intravedere come il romanzetto strappalacrime del “glorioso risorgimento” sia in realtà stato una sporca guerra di conquista.
Perchè la nostra autonomia non è stata un dono dello Spirito Santo od una gentile concessione di sua graziosa maestà, ma una conquista del popolo siciliano.
E se un popolo senza radici perde la propria identità, solo il conoscerle, quelle radici, può restituirgli dignità.
Mi raccomando non scordiamoci chi siamo stati e insegniamolo anche ai nostri figli.
Mi accodo alla raccomandazione, Salvatrice .
Alla faccia di quel disgraziato di Garibaldi.
avatar
giò
affiziunatu
affiziunatu


Tornare in alto Andare in basso

Santi Correnti

Messaggio  Giuseppe La Delfa il Dom 16 Ago 2009 - 16:17

Caro Giò e Flavia , il docente universitario prof. Santi Correnti amico e maestro è da qualche anno a riposo culturalmente (ha subito un doloroso lutto: la dipartita della sua cara dolce signora), sono stato a casa sua e ho ritenuto non cercare il suo ulteriore contributo nella ricerca storica su Garibaldi e sull'epopea dei mille. Anche il Verga nel racconto Libertà , cita le malefatte di Nino Bixio a Bronte (poveri contadini). Vi sono altri testi, che parlano della verità di quel periodo , un mio amico sacerdote è borbonico, un dottore in chimica è cavaliere dei Costantiniani borbonici di NAPOLI, un direttore di banca di Siracusa, lo è altrettando e " dulcis in fundo" ho scoperto un mio trisavolo marchese Giardina di Catania filoborbonico, ebbe disagi e disastro economico da parte del nuovo regno... Pippo afro afro


dott. Giuseppe La Delfa -  Laureato in Scienze della Comunicazione -
- Laurea magistrale specialistica in Scienze cognitive e Psicologia -


Socio Accademia Internazionale Pen Club Milano.
   ......    
Siti web:  

http://giufino.altervista.org - www.giuseppeladelfa.jimdo.com
avatar
Giuseppe La Delfa
Canuscituri
Canuscituri


http://giufino.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Santi Correnti

Messaggio  Giuseppe La Delfa il Gio 27 Ago 2009 - 15:59

Sento il dovere di ricordare oggi, il chiarissimo Docente Universitario Prof. SANTI CORRENTI giorno della sua improvvisa scomparsa il profilo letterario e la sua grande umanità. NOI CHE L'ABBIAMO AMATO E RISPETTATO. PIPPO



Santi Correnti,
nato a Riposto (Catania) nel 1924, storico, è stato il primo a istituire la cattedra di Storia della Sicilia nell’insegnamento universitario italiano, tenendola dal 1970 al 1996 nell’Università di Catania. È Medaglia d’Oro della Pubblica Istruzione dal 1977. Per la Newton Compton ha già pubblicato, in questa collana, Storia della Sicilia e Le strade di Catania (con Santino Spartà), nella collana «Italia Tascabile», Breve storia della Sicilia e Proverbi siciliani sulle donne e sull’amore, e, nelle «Guide insolite», Guida insolita ai misteri, ai segreti, alle leggende e alle curiosità della Sicilia.





Titoli Presenti nel Catalogo:
Storia della Sicilia
Re e imperatori, grandi condottieri e nobili famiglie, antichi misteri e avvenimenti memorabili, guerre, arte, folclore e tradizioni di una delle regioni più belle d'Italia.
segueGuida insolita ai misteri, ai segreti, alle leggende e alle curiosità della Sicilia


Guida insolita ai misteri, ai segreti, alle leggende e alle curiosità della Sicilia
segue


dott. Giuseppe La Delfa -  Laureato in Scienze della Comunicazione -
- Laurea magistrale specialistica in Scienze cognitive e Psicologia -


Socio Accademia Internazionale Pen Club Milano.
   ......    
Siti web:  

http://giufino.altervista.org - www.giuseppeladelfa.jimdo.com
avatar
Giuseppe La Delfa
Canuscituri
Canuscituri


http://giufino.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Santi Correnti

Messaggio  Antonino Magrì il Gio 27 Ago 2009 - 16:44

Perché la Sicilia tutta, che a lui deve molto, possa conoscere meglio la grandezza di questo suo figlio che per tutta la vita la difese e la fece conoscere nel suo vero aspetto di terra di cultura e di grandi uomini, eccovi una sua breve biografia redatta poco prima della sua scomparsa:

Notizie su Santi Correnti
- Ha tre lauree: in Lettere, conseguita ad appena 21 anni nel 1945 a Catania, con 110 e lode, con una tesi scritta interamente in lingua latina sulle opere minori di Virgilio; in Giurisprudenza, HONORIS CAUSA, conferitagli dal College of Laws di Atlanta, Georgia, USA, nel 1946; in Filosofia, conseguita nel 1949 a Catania, con 110, lode e dignità di stampa, sulla pedagogia scoutistica.
- Ha scritto 99 libri, per oltre 20.000 pagine; la sua opera più nota è la Storia di Sicilia come storia del popolo siciliano, edita da Longanesi a Milano, e già arrivata alla 6a edizione.
- Si è perfezionato in Lettere alla Scuola Normale di Pisa nel 1946-47, vincendo l'unico posto messo a concorso nazionale.
- Professore di ruolo nei licei dal 1949, nel 1965 si è classificato 1° assoluto nel concorso nazionale di Merito Distinto, anche rispetto alle altre categorie; e nel 1977 gli è stata conferita dal Ministero della Pubblica Istruzione la Medaglia d'Oro dei benemeriti della cultura in Italia.
- Come storico, ha iniziato la sua attività nel 1946, alla Scuola Normale di Pisa, avendo a maestro Delio Cantimori. Specialista di Storia di Sicilia, ne ha conseguito, per primo in Italia, la libera docenza nel 1970, istituendone la relativa cattedra, unica in Italia, nel­l'Università di Catania, e l'ha tenuta per dodici anni; nel 1982, supe­rando il relativo concorso alla prima tornata, è passato ad insegnare Storia moderna come professore di ruolo associato nell'Università di Catania, dove ha insegnato nella Facoltà di Magistero; ed ha inse­gnato Storia di Sicilia anche nella Libera Università di Trapani, dove il 12 dicembre 1985 ha tenuto la prolusione inaugurale per il XII anno di attività accademica.
- Ha creato i nuovi termini storici di «Bievo», «Guerra dei Novant'anni» (per la «Guerra del Vespro»); la «Legge di univocità del fatto storico»; ed il nuovo concetto storiografico di «Storia interregionale» per lo studio della storia d'Italia.
- Nel 1959-60 ha insegnato allo Senior High School di West Bend, Wisconsin, USA, per un intero anno accademico.
- Dal 1964 dirige a Catania l'ISCRE, Istituto Siciliano di Cultura Regionale, da lui fondato per la migliore conoscenza dell'isola; e dal 1973 dirige a Catania la Rivista Storica Siciliana, da lui fondata; dal 1966 al 1977 è stato uno dei nove membri della Commissione Cultu­rale Regionale di Palermo.
- Nel 1991 è stato nominato «Siciliano dell'anno» ad Acireale, per le sue rubriche culturali siciliane tenute in parecchie trasmittenti televisive nell'isola.
- È socio dell'Accademia Medicea di Firenze, dell’Associazione Culturale MarranzAtomo e di diverse Accademie siciliane (Zelantea di Acireale, Selinuntina di Mazara, Mediterranea delle Scienze di Catania, di cui è stato anche Segretario gene­rale); oratore efficace e garbato, ha parlato in sedi prestigiose in Italia (in Campidoglio, in Santa Croce e nel foyer della Scala) ed all'estero (in USA, in Germania, in Inghilterra, in Belgio, in Lussem­burgo, in Svizzera ed in Grecia). Ha vinto cinque volte il Premio della Cultura della Presidenza del Consiglio dei Ministri, e due volte il concorso internazionale Fulbright per gli scambi culturali con gli Stati Uniti.
- Per i suoi studi di storia dell'alimentazione, nel 1993 il Museo Nazionale delle Paste Alimentari di Roma ha intitolato a lui una delle sue sale.
- Per i suoi studi linguistici sulla mafia, è membro del Centro Studi Filologici e Linguistici di Palermo. È stato proprio lui a tradurre in italiano comprensibile l’oscuro linguaggio gergale dei mafiosi, per incarico ufficiale avutone dai giudici del maxiprocesso di Palermo; ed il “Corriere della sera” di Milano, con un articolo di Adriano Baglivo, il 14 settembre 1986 gli dedicò un’intera pagina, pubblicando il Glossario della lingua mafiosa, ricostruito e tradotto dal prof. Santi Correnti (che poi è stato ripubblicato dal noto giornalista Enzo Biagi, a pp. 277-281 del suo libro Il boss è solo, edito da A. Mondatori nello stesso anno 1986.
- È cittadino onorario di Misterbianco dal 1969, e di Mascali dal 1984.
- L’impegno culturale del prof. Correnti si è sempre tramutato in impegno sociale; come quando nel 1973 fondò la sezione dei donatori di sangue tra gli studenti del Magistero, e fu lui il primo donatore.
- A Riposto costituì nel 1944 la “Società Scoutistica Studentesca”, che nel 1946 divenne una florida sezione del “Corpo Nazionale dei Giovani Esploratori Italiani”; e fu tale il suo impegno nel campo dell’educazione giovanile che nel 1948 egli fu mandato in Svizzera dalla Presidenza Generale dei Giovani Esploratori Italiani, a rappresentare l’Italia alla XIX Conferenza Internazionale dello Scoutismo a Kandersteg; e nel 1951 fu chiamato a partecipare al Convegno Nazionale sul tempo libero dei ragazzi, che si tenne a Trieste; ed il suo saggio pedagogico su “Il problema dei valori nella formazione della personalità”, apparso nel 1951 sulla rivista educativa catanese “La tecnica della scuola”, fu segnalato nel 1952 dall’autorevole “Notiziario della Scuola e della Cultura”, che era l’organo ufficiale del Ministero della Pubblica Istruzione in Italia.
- “Il più siciliano dei siciliani” lo ha definito, nel 1991, uno dei padri dell’autonomia siciliana, il senatore Giuseppe Alessi.
- Numerose sono le epigrafi da lui dettate, come quella posta a Giardini (Messina) nel 1960, nella casa dei Platania, dove Garibaldi fu per poche ore il 18 agosto 1860, e da lì partì (e non da Messina, come erroneamente è scritto in tanti libri di storia) per la conquista della parte continentale del Regno delle Due Sicilie; e come quelle poste a Catania, la prima nel 1971 per ricordare il cinquantenario della morte del poeta Nino Martoglio, nell’ospedale Vittorio Emanuele, dove egli morì cadendo accidentalmente nel vano di un ascensore; e l’altra è stata apposta sul muro esterno della Cattedrale, nel 1986, per ricordare il ritorno delle reliquie di Sant’Agata a Catania nel 1126; ed altre epigrafi da lui dettate si trovano apposte nelle chiese ripostesi di Torre Archirafi e di Archi, per ricordare avvenimenti religiosi.
- Nel 2006 l'Associazione Culturale MarranzAtomo e l'Associazione "L'elefantino" ha istituito in suo onore, con lui ancora in vita, il “Premio Santi Correnti”, ed ancora in vita è già entrato nella storia come uno dei massimi storici del nostro tempo.




Antonino Magrì

 .......

Sito :  http://www.siciliachiamamondo.it

avatar
Antonino Magrì
affiziunatu
affiziunatu


http://www.siciliachiamamondo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Santi Correnti

Messaggio  Admin il Dom 19 Set 2010 - 22:23



"... e chiovi" di Flavia VIZZARI - ediz. del Poggio * AGGIUNGI AL CARRELLO






Artista Flavia Vizzari


Presidente Asas e delegata Regione Sicilia Onlus Mecenate
......
Sito Personale : http://artevizzari.altervista.org

avatar
Admin
Spicialista
Spicialista


http://linguasiciliana.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Santi Correnti

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum