Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Il potere salvifico della poesia di Giovanni Albano 
Mer 11 Gen 2017 - 1:47 Da Flavia Vizzari

» LUIGI TERRANOVA
Lun 9 Gen 2017 - 23:40 Da Flavia Vizzari

» Presentazione Silloge di S. Gaglio (IV Premio Asas 2016)
Sab 7 Gen 2017 - 18:54 Da Flavia Vizzari

» PREMIO POESIA A.S.A.S.
Sab 7 Gen 2017 - 18:53 Da Flavia Vizzari

» PREMIO NAZIONALE DI POESIA ASAS
Sab 7 Gen 2017 - 18:51 Da Flavia Vizzari

» Premio RENATO GUTTUSO
Ven 9 Dic 2016 - 21:57 Da Giuseppe La Delfa

» Premio Letterario Nazionale “L’ANFORA DI CALLIOPE”
Dom 4 Dic 2016 - 22:28 Da Flavia Vizzari

» Arte & Parole
Sab 3 Dic 2016 - 12:38 Da ninnetta

» Concorso di Poesie, Filastrocche, Racconti e Fiabe “Libera la fantasia” – IV^ Edizione
Gio 1 Dic 2016 - 11:17 Da carmy77

» Bianco & Nero
Dom 27 Nov 2016 - 1:51 Da Flavia Vizzari

» LE POESIE DI DON RAFFAELE APRILE
Sab 26 Nov 2016 - 8:25 Da Giuseppe La Delfa

» Premio Prestigioso a Pippo La Delfa
Sab 26 Nov 2016 - 8:20 Da Giuseppe La Delfa

» Relitto spaziale precipita su miniera di Giada
Sab 12 Nov 2016 - 11:08 Da Flavia Vizzari

» GRAMMATICA SISTEMATICA di Arturo Messina - Sr
Mar 1 Nov 2016 - 16:04 Da Flavia Vizzari

» Giovanni Albano
Dom 30 Ott 2016 - 14:24 Da Flavia Vizzari

» Il numero UNO della Poesia Contemporanea Italiana - SALOTTO LETTERARIO
Lun 24 Ott 2016 - 23:48 Da Flavia Vizzari

» Biografia del poeta Angelo Coco
Lun 24 Ott 2016 - 22:17 Da Flavia Vizzari

» Mons. Giovanni Accolla, ordinazione episcopale
Lun 24 Ott 2016 - 0:38 Da Flavia Vizzari

» Sebastiano Caracozzo
Sab 22 Ott 2016 - 11:27 Da Flavia Vizzari

» DIMENSIONI PARALLELE E MULTIVERSI: LA REALTA' INFINITA
Mar 11 Ott 2016 - 22:57 Da Renato Di Pane

» Benvenuto Pino
Lun 10 Ott 2016 - 0:41 Da Renato Di Pane

» Gaetano Maurizio Pantano di Messina
Lun 3 Ott 2016 - 16:46 Da Flavia Vizzari

» RENATO DI PANE: BIOGRAFIA E NOTIZIE
Mer 28 Set 2016 - 19:50 Da Renato Di Pane

» U.S.A.: LA ROCCIA DI JUDACULLA
Mer 28 Set 2016 - 19:38 Da Renato Di Pane

» Raduno Regionale Asas 2016
Mar 27 Set 2016 - 18:52 Da Flavia Vizzari

» EGITTO: I SEGRETI DELLA SFINGE
Mar 27 Set 2016 - 18:23 Da Renato Di Pane

» GIAPPONE: I MEGALITI DI ASUKA NARA E LA NAVE DI ROCCIA DI MASUDA
Mar 20 Set 2016 - 20:21 Da Renato Di Pane

» GRECIA: SCOPERTO IL TEMPIO DI APOLLO
Ven 16 Set 2016 - 18:55 Da Renato Di Pane

» CROP CIRCLES: QUELLI DI CHIBOLTON SONO LA RISPOSTA AD ARECIBO?
Mar 13 Set 2016 - 23:28 Da Renato Di Pane

» Il murale
Lun 12 Set 2016 - 0:38 Da Flavia Vizzari

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Gennaio 2017
LunMarMerGioVenSabDom
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

Calendario Calendario

Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  

Conserva e condivide l’indirizzo di Il Forum della Lingua siciliana sul tuo sito sociale bookmarking

Conserva e condividi l'indirizzo di FORUM - SEMINARIO di ARTE e POESIA - LINGUA SICILIANA sul tuo sito sociale bookmarking

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



poesia religiosa

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Cuntu 'nta Simana Santa

Messaggio  Armando Carruba il Lun 30 Mar 2009 - 14:32

Nei canti e nelle altre composizioni poetiche che si cantano durante la Settimana Santa, gran parte della Passione viene narrata dal punto di vista della Madonna (v. Maria passa).
Considerando gli anni dove nei paesi non c'era TV, Radio, e anche l'acqua veniva presa alla fontana (sono passati appena 60 anni!) erano diffuse alcune storie riguardanti la Vergine Maria.
Una "monaca di casa" anzianissima m'ha raccontata questa:

Quannu la Santissima Trinità pinzò di fari nasciri a Gesù Cristu a lu munnu, dissi ca havia a nasciri di 'na figghia di re. L'havia a purtari 'n terra un raggiu di lustru finu a lu ventri di so matri comu li raggi di suli passanu di lu vitru 'i 'na finestra.
Calò di 'n celu 'n terra, si 'narcau,
comu 'na raja di lu suli trasìu,
senza nudda macula tuccau,
ppi riscattari lu nimicu riu.
Ni stu frattempu havia nasciutu la Virgini Maria e di quannu àppi tri anni si nni vosi jri 'nta cummentu. Li monachi ca sapianu ca jera lu tempu ca havia a nasciri lu Missia, parravanu sempri di 'sta cosa pirchì nuddu sapìa nenti di la vuluntà di lu Spirdussantu ed ognuna priava lu Signuri ca la distinassi ppi matri di lu Sarbaturi. La Virgini Maria priava, ma addumannava la grazia di putiri fari la serva di la Matri di Diu. E fu picchissu ca lu Spirdussantu vitti quantu era puru 'nnuccenti lu cori di la Virgini ca dicidì ca la vera matri di Diu avia ad essiri idda!

Armando Carruba
nicareddu
nicareddu


http://ventosiracusano.blogspot.com

Tornare in alto Andare in basso

LA SETTIMANA SANTA

Messaggio  Armando Carruba il Mer 1 Apr 2009 - 10:13

LA SETTIMANA SANTA
Già la simana santa eni vinuta
di luni veni sta santa jurnata
e Gesù Cristu ca tutti n'aiuta
pi darini la gloria biata.
Veni lu tiempu ca la lampa s'astuta
s'à fattu beni l'arma tò è sarbata
O piccaturi, li to senzii muta
adurati a Maria l'Addulurata!

Adurati a Maria l'Addulurata
ca Idda sula è la sarbizza mia!
Ca Idda eni la nostra abbucata
e n'addifenni all'urtima agunia!
Ludàmmuci oi stissu la jurnata
cantammu tutti spissu 'n armunia
gridammu cu la vuci spavintata:
Viva l'Addulurata di Maria!

Lu marti e santu Cristu viaggiava,
all'orazioni all'ortu ssi nni iva,
tri discipuli apprìessu si purtava
Giacumu e Petru e San Giuvani avìa!
Cristu di Giuda gardignu nni stava
pirchì avia a tadiri e lu sapia
ed a l'Eternu Patri s'adurava
ca la sò santa morti ci dicia!

Ed a l'Eternu Patri s'adurava
pirchì la morti ci avia rivilatu;
trentatrianni ca a lu munnu stava
avanti ca lu munnu à riscattatu;
Pi riscattari lu nimicu riu
Cristu di 'n celu pi nui à calatu,
gridammu tutti comu gridu iu
Viva nostru Gesù sagramintatu!

Lu mìercuri e santu orazioni fici
di lu celu calò l'eterna luci,
e l'anciulu, calannu, cci lu dici
ci parra cu amistà e paroli duci;
la vuluntà di Diu tutta ci dici
ci arrivela la morti a bassa vuci;
poi iennusinni riverenza fici
ci cunzigna lu calaciu e la cruci!

Lu calaciu e la cruci si à abbrazzatu
cu granni pazienza e gran buntati
dici a l'Eternu Patri, 'ncinucchiatu
"Sia fatta la Vostra santa vuluntati!"
Tronu di maistà purificatu
spargi lu sangu e la divinitati
lu nomu di Gesà sarà ludatu
e ludammu la Santa Trinitati!

Lu jovi e santu su li funzioni
e Gesù Cristu è 'n miezzu a l'assassini;
a nuddu ci nni veni cumpassioni
ca l'abbattieru cu grossi catini,
e pua cumanna la pupulazioni
la cruci carricata a li so rini
e pi patiri 'n morti e passioni
appi misa la cruna cu li spini!

Cu 'na cruna di spini è cunnannatu
'na spina di lu gigliu cci spurgia!
Lu purtaru a la casa di Pilatu
ca la sintenza a morti ci liggìa;
cu na canna a li mani è 'ncurunatu
e 'n miezzu di li perfidi judia
lu nomu di Gesù sarrà ludatu
e di l'Addulurata di Maria!

Lu venniri è jurnata di duluri
tutti di niuru agghiurnaru li veli,
morsi lu nostru Cristu Redenturi
'n miezzu di tanti barbari e crudeli!
Acqua addumanna a chiddi cori duri
ci diettiru l'acitu cu lu feli:
Cristu 'n cruci murì pi nostru amuri
e fu 'nchiuvatu a li mani e li pedi!

E morsi 'n cruci Cristu Onniputenti
- O piccaturi ca sti paroli ascunti!
e pi patiro chiù peni e chiù turmenti
tri chiova ci chiantaru, senza punti!
Fu 'ncurunatu di spini puncenti
pi patiri chiù chiù 'nciuri ed affrunti;
Ladammucci li Santi Sagramenti
Viva la Bedda Matri di lu Munti!

E lu sabbatu Cristu è subbillutu
di li malifattura era guardatu
di li dulura ranni ca avia avutu
nostru Signuri 'un si nni avia curatu

Lu Cristu ca murì fu Iddu stissu,
fu pi sarbari a tuttu l'universu
La Santa Matri lu circava spissu
ca pi li strati lu cridia dispersu;
lu vitti 'n cruci e dissi: nun jè chissu!
Li capiddi li vitti a lu riversu!
S'abbicinani e lu taliani fissu
la figura ci parsi d'Iddu stissu!

La duminica di Pasqua agghiurnava
ch'è 'na bella jurnata d'alligria
e la so mamma lu figghiu circava
e misa pi li strati ca chiancia;
ma tannu Gesù Cristu triunfava
e la so matri nenti ni sapia;
San Giuvanni la nova ci purtava
ci fu l'incuontru di Cristu e Maria!
Giuvanni porta la nova a Maria;
- O Matri Vostru figghiu è risuscitatu! -
e Santu Masi, ca nun ci cridia
ca l'avia vistu tuttu fraggillatu!
Ma Cristu a Santu Masi, ci dicia
- minti li mani nni lu ma custatu! -
Gridammu tutti a vuci di alligria:
Viva nostru Gesù Sagramintatu!



[i](sentita a Milena prov. CL negli anni '60 da un'anziana donna e così riproposta fedelmente come i milucchisi l'hanno scritta)


Armando Carruba
nicareddu
nicareddu


http://ventosiracusano.blogspot.com

Tornare in alto Andare in basso

poesia religiosa

Messaggio  Giuseppe La Delfa il Mer 24 Giu 2009 - 1:54

La poesia religiosa risale alla notte dei tempi . Fin dal medioevo esistevano nenie , preghiere , poesie popolari religiose . Adesso , proponiamo a tutti i nostri forumisti di dare un contributo con le proprio bagaglio culturale di citare poesie popolari religiose. Un Grazie a voi tutti, : PIPPO


dott. Giuseppe La Delfa -  Laureato in Scienze della Comunicazione -
- Laurea magistrale specialistica in Scienze cognitive e Psicologia -


Socio Accademia Internazionale Pen Club Milano.
   ......    
Siti web:  

http://giufino.altervista.org - www.giuseppeladelfa.jimdo.com

Giuseppe La Delfa
Canuscituri
Canuscituri


http://giufino.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

poesia religiosa

Messaggio  Giuseppe La Delfa il Gio 25 Giu 2009 - 5:55

Affidare la nostra vita a Gesù Cristo è un atto di fede che si esprime attraverso la preghiera.

Pregare significa semplicemente parlare a Dio. Egli ci conosce, profodamente . Ciò che a Lui interessa è la natura del nostro cuore, la nostra onestà intellettuale. Ecco una preghiera che suggeriamo:

"Signore Gesù, Ti ringrazio per il Tuo amore e per essere venuto sulla terra a morire per me. Riconosco che fino ad oggi sono stato io a dirigere la mia vita e ho peccato contro di Te. Adesso voglio affidarmi a Te, riceverTi nella mia vita. Grazie per aver perdonato i miei peccati. Fai di me la persona che desideri che io sia. Ti ringrazio per aver risposto alla mia pregheria e per la tua presenza nella mia vita ora. Amen"

Nella libertà di ognuno di noi;( libero arbitrio) possiamo intraprendere un cammino che porta alla fede nella serenità corredata dalla pace interiore. Pippo


dott. Giuseppe La Delfa -  Laureato in Scienze della Comunicazione -
- Laurea magistrale specialistica in Scienze cognitive e Psicologia -


Socio Accademia Internazionale Pen Club Milano.
   ......    
Siti web:  

http://giufino.altervista.org - www.giuseppeladelfa.jimdo.com

Giuseppe La Delfa
Canuscituri
Canuscituri


http://giufino.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: poesia religiosa

Messaggio  Gero Miceli il Gio 25 Giu 2009 - 16:47

Ciao Pippo! Allora direi che è doveroso iniziare proprio dal Medioevo e con uno dei primi testi letterari in "italiano volgare" che è anche un caposaldo della letteratura italiana.

Secondo la tradizione questo "Cantico" fu scritto da San Francesco, due anni prima della sua morte (1226).

Laude creaturarum

Altissimu, onnipotente bon Signore,
tue so' le laude, la gloria e l'honore e onne benedictione.
Ad te solo, Altissimo, se konfano,
et nullu homo ène dignu te mentovare.
Laudato sie, mi' Signore, cum tucte le tue creature,
spetialmente messòr lo frate Sole,
lo qual è iorno, et allùmini noi per lui.
Et ellu è bellu e radiante cum grande splendore:
de te, Altissimo, porta significatione.
Laudato si', mi' Signore, per sòra Luna e le Stelle:
in celu l'ài formate clarite et pretiose et belle.
Laudato si', mi' Signore, per frate Vento
et per aere et nubilo et sereno et onne tempo,
per lo quale a le tue creature dài sustentamento.
Laudato si', mi' Signore, per sor'Acqua.
la quale è multo utile et humile et pretiosa et casta.
Laudato si', mi' Signore, per frate Focu,
per lo quale ennallumini la nocte:
ed ello è bello et iocundo et robustoso et forte.
Laudato si', mi' Signore, per sòra nostra matre Terra,
la quale ne sustenta et governa,
et produce diversi fructi con coloriti fiori et herba.
Laudato si', mi' Signore, per quelli ke perdonano per lo tuo amore
et sostengo infirmitate et tribulatione.
Beati quelli ke 'l sosterrano in pace,
ka da te, Altissimo, sirano incoronati!
Laudato si', mi' Signore, per sòra nostra Morte corporale,
da la quale nullu homo vivente pò scappare:
guai a quelli ke morrano ne le peccata mortali;
beati quelli ke trovarà ne le tue sanctissime voluntati,
ka la morte secunda no 'l farrà male.
Laudate et benedicéte mi' Signore et rengratiate
e serviateli cum grande humilitate.


Gero Miceli
affamatu
affamatu


http://geromicelipoeta.blog.kataweb.it

Tornare in alto Andare in basso

Cantico delle Creature -video-

Messaggio  Gero Miceli il Gio 25 Giu 2009 - 17:03


Gero Miceli
affamatu
affamatu


http://geromicelipoeta.blog.kataweb.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: poesia religiosa

Messaggio  Rosetta Di Bella il Gio 25 Giu 2009 - 19:12

Grazie Gero, ho riletto con piacere il Cantico delle creature di San Francesco, bellissimo nonostante sia stato scritto secoli fa, ciò dimostra che la vera poesia attraversa indenne il tempo e mantiene intatta la sua carica comunicativa.

Rosetta Di Bella
affamatu
affamatu


Tornare in alto Andare in basso

Poesia religiosa

Messaggio  Giuseppe La Delfa il Gio 25 Giu 2009 - 21:51

Mio caro Gero, ti debbo affettuosamente contraddire; la prima e la più antica preghiera religiosa è il Magnificat della Bibbia.( Inno della Madonna] : Anche se questa poesia -preghiera è universale ,quella di S. Francesco è la prima preghiera italiana , famosissima nel mondo cristiano . Entrambe sono straordinarie e ricche di emozioni forti. PIPPO

L'anima mia magnifica il Signore
il mio spirito esulta in Dio mio salvatore.

Poiché ha guardato l'umiltà della sua serva
tutte le generazioni ormai mi chiameranno «Beata».

perchè ha guardato l'umiltà della sua serva. *
D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.


Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente *
e Santo è il suo nome:


di generazione in generazione la sua misericordia *
si stende su quelli che lo temono.

Ha spiegato la potenza del suo braccio, *
ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;


ha rovesciato i potenti dai troni, *
ha innalzato gli umili;


ha ricolmato di beni gli affamati, *
ha rimandato i ricchi a mani vuote.

Ha soccorso Israele, suo servo, *
ricordandosi della sua misericordia,


come aveva promesso ai nostri padri, *
ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre.

Gloria al Padre e al Figlio *
e allo Spirito Santo.


Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen. [7]


dott. Giuseppe La Delfa -  Laureato in Scienze della Comunicazione -
- Laurea magistrale specialistica in Scienze cognitive e Psicologia -


Socio Accademia Internazionale Pen Club Milano.
   ......    
Siti web:  

http://giufino.altervista.org - www.giuseppeladelfa.jimdo.com

Giuseppe La Delfa
Canuscituri
Canuscituri


http://giufino.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: poesia religiosa

Messaggio  Gero Miceli il Gio 25 Giu 2009 - 22:28

Bhé, dicevo la prima in "volgare italiano", non la prima in assoluto! Smile Meglio così, almeno abbiamo potuto apprezzare anche sul forum la straordinarietà del Magnificat grazie al tuo inserimento!
Un abbraccio.


Gero Miceli
affamatu
affamatu


http://geromicelipoeta.blog.kataweb.it

Tornare in alto Andare in basso

Poesia religiosa

Messaggio  Giuseppe La Delfa il Gio 25 Giu 2009 - 23:32

Caro Gero, vedi quanto è bello essere in sintonia d'intenti . Ti abbraccio Pippo jocolor jocolor jocolor jocolor jocolor king king king santa santa santa santa santa


dott. Giuseppe La Delfa -  Laureato in Scienze della Comunicazione -
- Laurea magistrale specialistica in Scienze cognitive e Psicologia -


Socio Accademia Internazionale Pen Club Milano.
   ......    
Siti web:  

http://giufino.altervista.org - www.giuseppeladelfa.jimdo.com

Giuseppe La Delfa
Canuscituri
Canuscituri


http://giufino.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: poesia religiosa

Messaggio  Giuseppe La Delfa il Ven 26 Giu 2009 - 4:35

Giuseppe La Delfa ha scritto:Caro Gero, vedi quanto è bello essere in sintonia d'intenti . Ti abbraccio Pippo jocolor jocolor jocolor jocolor jocolor king king king santa santa santa santa santa


A questo punto ti invito a proseguire con i templari... anche se la chiesa non li ha riabilitati e bene conoscerne la storia. PIPPO


dott. Giuseppe La Delfa -  Laureato in Scienze della Comunicazione -
- Laurea magistrale specialistica in Scienze cognitive e Psicologia -


Socio Accademia Internazionale Pen Club Milano.
   ......    
Siti web:  

http://giufino.altervista.org - www.giuseppeladelfa.jimdo.com

Giuseppe La Delfa
Canuscituri
Canuscituri


http://giufino.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

alcuni versi della Beata Madre Teresa di Calcutta

Messaggio  Gero Miceli il Gio 6 Ago 2009 - 16:10

La peggiore malattia oggi
é il non sentirsi desiderati
ne’ amati, il sentirsi abbandonati.
Vi sono molte persone al mondo
che muoiono di fame,
ma un numero ancora maggiore
muore per mancanza d’amore.

Ognuno ha bisogno di amore.
Ognuno deve sapere
di essere desiderato, di essere amato,
e di essere importante per Dio.
Vi é fame d’amore,
e vi é fame di Dio.


************************

Le opere dell’amore
sono sempre opere di pace.
Ogni volta che dividerai
il tuo amore con gli altri,
ti accorgerai della pace
che giunge a te e a loro.
Dove c'é pace c’é Dio,
é cosi’ che Dio riversa pace
e gioia nei nostri cuori.



Gero Miceli
affamatu
affamatu


http://geromicelipoeta.blog.kataweb.it

Tornare in alto Andare in basso

Stabat Mater- Beato Iacopone da Todi-

Messaggio  Gero Miceli il Gio 6 Ago 2009 - 16:27

Stabat Mater dolorósa
iuxta crucem lacrimósa,
dum pendébat Fílius.

Cuius ánimam geméntem,
contristátam et doléntem
pertransívit gládius.

O quam tristis et afflícta
fuit illa benedícta
Mater Unigéniti !

Quae moerébat et dolébat,
pia mater, cum vidébat
nati poenas íncliti.

Quis est homo, qui non fleret,
Christi Matrem si vidéret
in tanto supplício?

Quis non posset contristári,
piam Matrem contemplári
doléntem cum Filio ?

Pro peccátis suae gentis
vidit Jesum in torméntis
et flagéllis subditum.

Vidit suum dulcem natum
moriéntem desolátum,
dum emísit spíritum.

Eia, mater, fons amóris,
me sentíre vim dolóris
fac, ut tecum lúgeam.

Fac, ut árdeat cor meum
in amándo Christum Deum,
ut sibi compláceam.

Sancta Mater, istud agas,
crucifíxi fige plagas
cordi meo válide.

Tui Nati vulneráti,
tam dignáti pro me pati,
poenas mecum dívide.

Fac me vere tecum flere,
Crucifíxo condolére
donec ego víxero.

Iuxta crucem tecum stare,
te libenter sociáre
in planctu desídero.

Virgo vírginum praeclára,
mihi iam non sis amára,
fac me tecum plángere.

Fac, ut portem Christi mortem,
passiónis fac me sortem
et plagas recólere.

Fac me plagis vulnerári,
cruce hac inebriári
et cruóre Fílii.

Flammis ne urar ne succénsus,
per te, Virgo, sim defénsus
in die iudícii.

Fac me cruce custodíri
morte Christi praemuníri,
confovéri grátia.

Quando corpus moriétur,
fac, ut ánimae donétur
paradísi glória. Amen.

____________________________

La Madre addolorata stava
in lacrime presso la Croce
su cui pendeva il Figlio.

E il suo animo gemente,
contristato e dolente
una spada trafiggeva.

Oh, quanto triste e afflitta
fu la benedetta
Madre dell'Unigenito!

Come si rattristava e si doleva
la pia Madre
vedendo le pene dell'inclito Figlio!

Chi non piangerebbe
al vedere la Madre di Cristo
in tanto supplizio?

Chi non si rattristerebbe
al contemplare la pia Madre
dolente accanto al Figlio ?

A causa dei peccati del suo popolo
Ella vide Gesù nei tormenti,
sottoposto ai flagelli.

Vide il suo dolce Figlio
che moriva, abbandonato da tutti,
mentre esalava lo spirito.

Oh, Madre, fonte d'amore,
fammi forza nel dolore
perché possa piangere con te.

Fa' che il mio cuore arda
nell'amare Cristo Dio
per fare cosa a lui gradita.

Santa Madre, fai questo:
imprimi le piaghe del tuo Figlio crocifisso
fortemente nel mio cuore.

Del tuo figlio ferito
che si è degnato di patire per me,
dividi con me le pene.

Fammi piangere intensamente con te,
condividendo il dolore del Crocifisso,
finché io vivrò.

Accanto alla Croce desidero stare con te,
in tua compagnia,
nel compianto.

O Vergine gloriosa fra le vergini
non essere aspra con me,
fammi piangere con te.

Fa' che io porti la morte di Cristo,
avere parte alla sua passione
e ricordarmi delle sue piaghe.

Fa' che sia ferito delle sue ferite,
che mi inebri con la Croce
e del sangue del tuo Figlio.

Che io non sia bruciato dalle fiamme,
che io sia, o Vergine, da te difeso
nel giorno del giudizio.

Fa' che io sia protetto dalla Croce,
che io sia fortificato dalla morte di Cristo,
consolato dalla grazia.

E quando il mio corpo morirà
fa' che all'anima sia data
la gloria del Paradiso. Amen.


Gero Miceli
affamatu
affamatu


http://geromicelipoeta.blog.kataweb.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: poesia religiosa

Messaggio  Flavia Vizzari il Mer 9 Set 2009 - 1:26

Gero Miceli ha scritto:La peggiore malattia oggi
é il non sentirsi desiderati
ne’ amati, il sentirsi abbandonati.
Vi sono molte persone al mondo
che muoiono di fame,
ma un numero ancora maggiore
muore per mancanza d’amore.

Ognuno ha bisogno di amore.
Ognuno deve sapere
di essere desiderato, di essere amato,
e di essere importante per Dio.
Vi é fame d’amore,
e vi é fame di Dio.


************************

Le opere dell’amore
sono sempre opere di pace.
Ogni volta che dividerai
il tuo amore con gli altri,
ti accorgerai della pace
che giunge a te e a loro.
Dove c'é pace c’é Dio,
é cosi’ che Dio riversa pace
e gioia nei nostri cuori.




Sito Web : www.flaviavizzari.jimdo.com

Flavia Vizzari
Spicialista
Spicialista


http://blog.libero.it/Artevizzari/

Tornare in alto Andare in basso

Re: poesia religiosa

Messaggio  Contenuto sponsorizzato Oggi a 13:56


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum