Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» ROMA IN 9 TAPPE
Dom 3 Dic 2017 - 0:16 Da Flavia Vizzari

» “EMOZIONI DI ARTE E DI MODA”
Dom 3 Dic 2017 - 0:15 Da Flavia Vizzari

» Commento critico di Flavia Vizzari de Il Granchio di S. Mazzei
Dom 3 Dic 2017 - 0:11 Da Flavia Vizzari

» LU ME' SICILIANU
Ven 20 Ott 2017 - 10:37 Da Flavia Vizzari

» Antologia poetica letteraria a cura di Giuseppe La Delfa In omaggio a L. Pirandello
Mer 11 Ott 2017 - 16:42 Da Flavia Vizzari

» Gualtiero G. Canu
Mer 11 Ott 2017 - 16:41 Da Flavia Vizzari

» LE POESIE DI DON RAFFAELE APRILE
Sab 30 Set 2017 - 16:54 Da Giuseppe La Delfa

» Antologia poetica letteraria a cura di Giuseppe La Delfa In omaggio a L. Pirandello
Dom 24 Set 2017 - 20:44 Da Giuseppe La Delfa

» NUOVI SUCCESSI DI PIPPO
Dom 24 Set 2017 - 20:28 Da Giuseppe La Delfa

» Premio Buttitta di Favara
Ven 1 Set 2017 - 9:45 Da Flavia Vizzari

» Poeti veri e poeti falsi
Dom 30 Lug 2017 - 20:31 Da Flavia Vizzari

» Un artista inizia ad essere tale ...
Dom 30 Lug 2017 - 20:22 Da Flavia Vizzari

» Premio Carrà-Tricali a Lentini (Sr)
Gio 20 Lug 2017 - 18:00 Da Giuseppe La Delfa

» Premio Renato Guttuso 2017
Gio 20 Lug 2017 - 17:54 Da Giuseppe La Delfa

» PREMIO NAZIONALE DI POESIA ASAS
Gio 25 Mag 2017 - 1:08 Da Flavia Vizzari

» INNO DELL'A.S.A.S.
Gio 25 Mag 2017 - 0:52 Da Flavia Vizzari

» ARTEINCENTRO "messinaweb.eu"
Mar 16 Mag 2017 - 15:49 Da Flavia Vizzari

» Premio di Poesia, Narrativa e Teatro “Memorial Giovanni Leone” – I valori della famiglia - 1^ Edizione
Gio 11 Mag 2017 - 17:35 Da carmy77

» Poesia e recensione per Giovanni Fontana di Castellammare del Golfo
Sab 22 Apr 2017 - 20:16 Da Giuseppe La Delfa

» IL MAGGIO DEI LIBRI dell'ASAS 2017
Sab 22 Apr 2017 - 8:24 Da Flavia Vizzari

» LUIGI TERRANOVA
Sab 22 Apr 2017 - 8:19 Da Flavia Vizzari

» RENATO DI PANE: BIOGRAFIA E NOTIZIE
Lun 3 Apr 2017 - 11:56 Da Flavia Vizzari

» Premio Letterario Nazionale “L’ANFORA DI CALLIOPE”
Lun 3 Apr 2017 - 9:14 Da Flavia Vizzari

» Tempo
Lun 3 Apr 2017 - 9:11 Da Flavia Vizzari

» Premio RENATO GUTTUSO
Mer 29 Mar 2017 - 16:49 Da Flavia Vizzari

» Benvenuto Pino
Mer 29 Mar 2017 - 16:47 Da Flavia Vizzari

» GRAMMATICA SISTEMATICA di Arturo Messina - Sr
Mer 29 Mar 2017 - 9:22 Da Giuseppe La Delfa

» recensione avuta nel 2008 e dimenticata
Mer 29 Mar 2017 - 9:10 Da Giuseppe La Delfa

» Mons. Giovanni Accolla, ordinazione episcopale
Dom 26 Feb 2017 - 22:43 Da Giuseppe La Delfa

» Il potere salvifico della poesia di Giovanni Albano 
Mer 11 Gen 2017 - 1:47 Da Flavia Vizzari

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Dicembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Calendario Calendario

Bookmarking sociale

Bookmarking sociale digg  Bookmarking sociale delicious  Bookmarking sociale reddit  Bookmarking sociale stumbleupon  Bookmarking sociale slashdot  Bookmarking sociale yahoo  Bookmarking sociale google  Bookmarking sociale blogmarks  Bookmarking sociale live      

Conserva e condivide l’indirizzo di Il Forum della Lingua siciliana sul tuo sito sociale bookmarking

Conserva e condividi l'indirizzo di FORUM - SEMINARIO di ARTE e POESIA - LINGUA SICILIANA sul tuo sito sociale bookmarking

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



L'arte opera un cambiamento? Deve emozionare?

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: L'arte opera un cambiamento? Deve emozionare?

Messaggio  giò il Dom 20 Set 2009 - 19:23

Un artista diventa tale quando opera un cambiamento?
Ma chi è, poi, questo artista?
Ma può, l’arte, condizionare in positivo il comportamento di chi, di quell’arte, fruisce?
Ma può, l’arte, condizionare in positivo il comportamento dello stesso artista?
A mmìa, mi parissi di no.
Ma pensa te, che il grande Simenon scriveva per l’intera giornata e, seppur sposato, la sera, ed ogni sera, andava a cercarsi una donnina a pagamento (si vantava di avere avuto 5.000 donne).
Questo, che è solo uno di una miriade di esempi, vuol dire che la creazione e la fruizione artistica è solo un momento di un più complesso movimento di singoli e momentanei stati d’animo che cozzano fra di loro e si interscambiano senza nulla interferire ed influenzare?
A mmìa, mi parissi di sì.
E allora, considerato che i sentimenti son presenti anche in analfabetismo e follia e, sintiti sintiti, persino negli animali, ecco che l’artista non è colui che prova delle emozioni (visto che quelle emozioni le provano tutti), ma solo chi, quelle emozioni, riesce a manifestarle e condividerle ed evidenziarle in maniera elegante o innovativa.
Praticamente, un portatore sano di comunicabilità artistica, un medium della realistica rappresentazione della mistificazione, un archeologo espositore delle comuni e misere peculiarità mortali, un paraninfo del collegamento sinaptico, un ragioniere dell’intrattenimento neuro-nevrotico, un commerciante di emozioni altrui ed, in minima parte, anche delle proprie e paurose inconfessabilità che, in qualche modo, cerca di esorcizzare e psicanalizzare.
Arte ed etica, estetica e morale... i guai iniziano quando si iniziano a scindere queste categorie. Allora si può sgozzare un ebreo e poi piangere ascoltando Beethoven.dice Maria Lucia.
Se ciò è stato possibile, allora vuol dire che tutto è possibile, sia per l’artista e sia per il fruitore che si inebria nell’estasi dell’altrui arte.
Ecco, arte ed etica sono, di fatto, allora irremisimilmenti scisse?
Mah, anche se conviventi, par che siano separate in casa.
E allora, se non esistono libri morali o immorali, ma libri scritti bene o male (l'arte come etica in se stessa), come potrà, la bellezza, salvare il mondo?
Se, quella bellezza, nulla ha da spartire con l’animo di chi la propaga?
Secondo me l'artista è necessariamente una persona sensibile e altruista, dice Flavia.
Nel momento in cui artistichìa, certamente lo è.
Ma solo perché la volontà artistica gli consente di elevarsi (l’arte come etica di sé stessa).
Poi, passato il momento creativo, che peraltro può avere scopi di bassissima venalità, ogni artista rientra in quella misera condizione che lo rende capace di inimmaginabili nefandezze ed eroici altruismi.
Praticamente, uomini.
E le stelle stanno a guardare.
avatar
giò
affiziunatu
affiziunatu


Tornare in alto Andare in basso

Re: L'arte opera un cambiamento? Deve emozionare?

Messaggio  Lucio Musto il Dom 20 Set 2009 - 21:30

giò ha scritto:Un artista diventa tale quando opera un cambiamento?
Ma chi è, poi, questo artista?
Ma può, l’arte, condizionare in positivo il comportamento di chi, di quell’arte, fruisce?
Ma può, l’arte, condizionare in positivo il comportamento dello stesso artista?...
...
...
...
Nel momento in cui artistichìa, certamente lo è.
Ma solo perché la volontà artistica gli consente di elevarsi (l’arte come etica di sé stessa).
Poi, passato il momento creativo, che peraltro può avere scopi di bassissima venalità, ogni artista rientra in quella misera condizione che lo rende capace di inimmaginabili nefandezze ed eroici altruismi.
Praticamente, uomini.
E le stelle stanno a guardare.

assolutissimamente d'accordo! grazie, "giò"!
avatar
Lucio Musto
affiziunatu
affiziunatu


Tornare in alto Andare in basso

Re: L'arte opera un cambiamento? Deve emozionare?

Messaggio  Flavia Vizzari il Lun 21 Set 2009 - 9:31

Io invece daccordo non sono ...

se la vera Arte Emoziona, è indubbio che l'emozione attua una modifica in noi ... ora questa modifica può anche apparirci momentanea, ma è di per se una 'forza' che ci modifica anche se noi non l'avvertiamo, (certo non intendo che ci fa divenire da bruni, biondi o da grassi snelli e longilinei :-))
avatar
Flavia Vizzari
Spicialista
Spicialista


http://blog.libero.it/Artevizzari/

Tornare in alto Andare in basso

L'opera d'Arte deve EMOZIONARE?

Messaggio  Flavia Vizzari il Gio 18 Feb 2010 - 8:31

L'artigianato ha molto valore ma dal punto di vista commerciale e se fatto bene e non certo dal punto di vista artistico, perchè l'opera d'arte si distingue da essa? Qual'è quel "qualcosa" in più che la distinguer da essa? Possiamo dire che è la "capacità di emozionare" ?
avatar
Flavia Vizzari
Spicialista
Spicialista


http://blog.libero.it/Artevizzari/

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'arte opera un cambiamento? Deve emozionare?

Messaggio  Flavia Vizzari il Gio 18 Feb 2010 - 8:34

Sono daccordo che "a volte, senza che ce ne accorgiamo, incorriamo nelle frasi fatte per rispondere a cose che crediamo di conoscere... Ovviamente capita anche a me, e mi fa piacere quando mi succede che mi si faccia notare, perché mi si aiuta a liberare la mia mente dalla loro schiavitù

A volte, ripetiamo, facendocene eco, i pregiudizi che sono stati diffusi, a bella posta, dalla grande mafia del prodotto "arte", per bocca di "autorevoli" critici o altri prestigiatori, mistificatori... queste frasi sono così diffuse e ripetute da molte persone, che, poco a poco, si trasformano in indiscutibili verità per tutti (dogmi popolari)

Allora è bene che apprendiamo a rimetterle in discussione e "scavarle" con il ragionamento logico, per mettere alla prova la loro veridicità...
Se vogliamo liberarci dalla loro schiavitù."
avatar
Flavia Vizzari
Spicialista
Spicialista


http://blog.libero.it/Artevizzari/

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'arte opera un cambiamento? Deve emozionare?

Messaggio  Flavia Vizzari il Gio 18 Feb 2010 - 8:40

Flavia Vizzari ha scritto:Perché un'opera d'arte deve emozionare?

Un opera d'Arte io la considero come una creazione universale e immutabile nel tempo, come un qualcosa che non ti dia la corrispondenza emozionale che può darti una sedia (sollievo alla stanchezza) o un bicchiere d'acqua (dissetare) deve sconvolgerti, deve farti palpitare, deve trasportarti dentro la tua stessa anima e sconvolgerti usando i tuoi stessi sentimenti, solo tuoi perchè anche se è opera d'Arte con linee, colori, e forme non può comunicarti un oggetto dei sentimenti suoi, ma può provocare, trasformare i tuoi stessi.

Che emozione deve far sentire un'opera d'arte?

La differenza che c'è a mio avviso tra un'opera di artigianato e un 'opera d'arte può essere quella che c'è tra due conoscenti e due innamorati solo che ovviamente trattandosi di oggetti il sentimento scaturisce solo dal fruitore ...


Tutti si devono emozionare e con la stessa emozione guardando un'opera d'arte?

la singola opera d'Arte ha linee, forme e colori immutabili ... ma un verde visto da un daltonico è diverso dal verde ... quindi anche se un opera è sempre quella, risulterà differente ad ogni fruitore ... ma differente solo come percezione connotativa e non visiva in se

E se qualcuno non si emoziona, quella continua a essere un'opera d'arte?

se qualcuno non si emoziona c'è da chiedersi se ha visto o guardato ... perchè se guarda ne sarà emozionato sicuramente ... poichè un opera-oggetto è immutabile, non può oggi emozionare e domani no! ...Cosa che invece può avvenire nella corrispondenza tra due persone innamorate ... le persone possono cambiare e quindi può venire meno l'innamoramento se non c'è più corrisponenza

Tu pensi che sia logico o ragionevole considerare che un'opera d'arte deve necessariamente emozionare l'osservatore?

seguendo il mio paragone opera d'arte=persona innamorata ... chiedo: mi posso mai innamorare di una persona che non mi comunica nessuna emozione?

Pensi che sia logico o ragionevole considerare che una delle funzioni imprescindibili dell'arte sia quella di dovere suscitare emozioni?

Si, perchè l'Arte è una creazione dell'uomo, paragonabile all'Universo creato da Dio... e dev'esserci una unità di misura che ci stabilisca cosa è migliore e cosa non lo è. Questa unità di misura secondo me è l'emozione ...

Se non sei daccordo contestami in maniera tale da farmi capire ... :-))




avatar
Flavia Vizzari
Spicialista
Spicialista


http://blog.libero.it/Artevizzari/

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'arte opera un cambiamento? Deve emozionare?

Messaggio  Ospite il Gio 18 Feb 2010 - 9:24

Flavia, mi sembra che ci hai messo molta passione in quello che hai scritto e questo è un chiaro segno della tua ammirabile carica poetica...

Però quando si tratta di RAGIONARE per stabilire una verità, sia pur essa relativa (come non può essere altrimenti), la passione, diventa un ostacolo Wink

Quindi cercare di puntualizzare tutte le affermazioni che tu scrivi, mi sembra inopportuno, io le accetto per quello che sono Smile

Ma ti invito a riscrivere le risposte freddamente, con ragionamenti logici e concludenti, se sei d'accordo e ne hai voglia. Oltre tutto sei proprio sicura che un'opera che tu definisci d'artigianato non può suscitare emozioni?

In facebook ti ho dato delle ragioni, puoi vederle e trarne le tue considerazioni con totale libertà di pensiero Wink

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: L'arte opera un cambiamento? Deve emozionare?

Messaggio  Flavia Vizzari il Gio 18 Feb 2010 - 10:40

ma io sono io, ;o)) non posso staccarmi il cuore e metterlo in stand bay ... non trovi? cheers

tu lo fai? E come? ... Basketball
avatar
Flavia Vizzari
Spicialista
Spicialista


http://blog.libero.it/Artevizzari/

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'arte opera un cambiamento? Deve emozionare?

Messaggio  Flavia Vizzari il Gio 18 Feb 2010 - 11:01

Sia l’opera d’Arte che altri Oggetti (anche l’artigianato) possono far nascere in noi delle “reazioni” delle “sensibilità” che però io non definirei espressamente EMOZIONI! Secondo me l’EMOZIONE può derivare da tre CAUSE:

1) l’osservazione e l’immedesimazione del creato
2) l’osservazione di una opera d’arte
3) la presenza di Amore.

Qualunque cosa ci può stimolare a percezioni (la sedia ci può fare avvertire la stanchezza; l’acqua la sete…il cibo la fame) ma sono cose necessarie, invece l’EMOZIONE non è necessaria, si potrebbe anche riuscire a vivere senza provare EMOZIONI … credo che l’opera d’Arte (vera) sia patrimonio esclusivo di chi si EMOZIONA

Ovvio che il rapporto “opera d’Arte”= “fruitore” pone come costante modificabile solo il “fruitore” perché può essere diverso (sia come persona, che come stato d’animo).
Ma l’opera d’arte ha una costruzione alla base di un certo messaggio da comunicare perché nasce da un artista che ha provato EMOZIONE nel realizzarla!

Se io falegname realizzo un tavolo, non lo realizzo fissandomi una idea x di trasmissione di emozionabilità nei confronti di comprerà il tavolo!
avatar
Flavia Vizzari
Spicialista
Spicialista


http://blog.libero.it/Artevizzari/

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'arte opera un cambiamento? Deve emozionare?

Messaggio  GualtieroGiovanni il Gio 18 Feb 2010 - 11:35

L'arte deve emozionare, certo.
Deve far nascere il desiderio di rimanere lì, davanti a quella finestra, l'immagine, che immette in quel mondo.


Gualtiero Giovanni Canu
......
Sito Personale : http://xoomer.alice.it/gualtierino/
avatar
GualtieroGiovanni
Spicialista
Spicialista


http://xoomer.alice.it/gualtierino/

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'arte opera un cambiamento? Deve emozionare?

Messaggio  Admin il Mer 29 Set 2010 - 23:00

GualtieroGiovanni ha scritto:L'arte deve emozionare, certo.
Deve far nascere il desiderio di rimanere lì, davanti a quella finestra, l'immagine, che immette in quel mondo.

;o)


"... e chiovi" di Flavia VIZZARI - ediz. del Poggio * AGGIUNGI AL CARRELLO






Artista Flavia Vizzari


Presidente Asas e delegata Regione Sicilia Onlus Mecenate
......
Sito Personale : http://artevizzari.altervista.org

avatar
Admin
Spicialista
Spicialista


http://linguasiciliana.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'arte opera un cambiamento? Deve emozionare?

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum